Nell'arte
Il Magnificat di Arcabas
di Gian Carlo Olcuire | 15 agosto 2017
La speranza è che ritorni il desiderio di cantare il Magnificat: ciascuno nel proprio idioma, ciascuno con la sensibilità e il linguaggio artistico che gli sono più congeniali

Arcabas

 

 

MAGNIFICAT

(Arcabas, pseudonimo di Jean-Marie Pirot, 1987, Saint-Pierre-de-Chartreuse,
Museo d'arte sacra contemporanea, chiesa di Saint-Hugues-de-Chartreuse)

 

«Ha spiegato la potenza del suo braccio... ha rovesciato i potenti dai troni...» (Lc 1,39-56?

 

Come fanno, gli artisti, a raffigurare il Magnificat? Riproducono, per lo più, il luogo e il momento in cui la Vergine si slancia in questa preghiera strepitosa (vedi Taizé). Ma le parole della preghiera restano "sepolte" nel Vangelo di Luca, come note in uno spartito, senza poter risuonare nell'opera d'arte.

Tutti gli artisti, tranne Arcabas. Che, stranamente, crea un quadro senza figure, pieno di lettere colorate. Dando l'impressione, in un primo momento, d'aver fatto del Magnificat una versione per bambini. E poi convincendoci d'aver dato, della preghiera, un'interpretazione alta, in cui le parole diventano immagini (una buona idea, tra l'altro, per chiunque voglia rendere omaggio alle grandi poesie).

Che cosa ha intuito il pittore francese? Che le parole della Vergine sono talmente belle da meritare d'essere dipinte una a una, lettera per lettera, pur di rallentare la lettura e far assimilare il significato.

Ad aderire alle parole del salmo 47 (46) - «Cantate inni a Dio... Cantate inni con arte» era già stata Maria, ben prima di lui: con lo stesso entusiasmo l'artista ha piegato una lamiera e cercato le tinte per rendere al meglio ogni vocabolo.

L'operazione si potrebbe ripetere, ogni giorno, in modo diverso: suggerendo a un grafico di stanare un font più giusto, a un artigiano di cimentarsi col ferro battuto, a un altro col vetro, a un altro ancora con una tovaglia ricamata... A un regista di pensare a una voce e a un corpo, individuando l'attrice più adatta a interpretarlo. A un chitarrista di studiare un accompagnamento, a un disegnatore di pensare a figure da proiettare, a un coreografo ecc...

La speranza è che ritorni il desiderio di cantare il Magnificat: ciascuno nel proprio idioma, ciascuno con la sensibilità e il linguaggio artistico che gli sono più congeniali.

 

 

18/08/2017 11:18 Antonella Patrizia Mazzei
Dare luce e colore alle parole... magnificat!


15/08/2017 18:50 PietroB
Ho usato qs tecnica anni fa x una pubblicità ( tecnica). Direi che qui anche Arcabas vuole richiamare l'attenzione ma di più: creare delle sospensioni nella assimilazione delle parole, delle interruzioni che portino a passare dalla lettura di parole alla partecipazione di sentimenti guidata dai colori, scelti mmmmolto bene!!


Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it