La Trinità: dall'icona alla storia
di Gian Carlo Olcuire | 11 giugno 2017
Quando facciamo il ritratto alla Trinità, sia definendola a parole sia inscatolandola in una forma, non viene mai bene. Dobbiamo spostarci dal simbolo al racconto

 

GLI OSPITI DI ABRAMO

Julia Stankova, 2012, Bulgaria

 

«Non... per condannare il mondo, ma perché il mondo sia salvato...» (Gv 3,16-18)


Se quest'immagine ha una bellezza, è nella sua verità: infatti, con il finale di una storia di vita vissuta, comunica il cuore della Trinità più di tante Trinità in posa, o troppo costruite, che non si capisce che cosa stiano facendo.

L'antefatto è nella Genesi, al cap. 18, col racconto dei tre angeli che - nell'ora più calda del giorno - si presentano alle querce di Mamre, all'ingresso della tenda di Abramo e Sara, ricevendo conforto e cibo.

L'originalità dell'opera è nel lasciare i protagonisti (i tre angeli e la loro comunione) nel titolo, ricordandoli appena sullo sfondo. E nel mettere in primo piano un'altra comunione: quella dei due coniugi che, avendo accolto Dio, diventeranno anch'essi - col figlio Isacco - tre persone (lo suggerisce pure la trifora, un po' inverosimile per una tenda, posta come diaframma tra uomini e angeli).

Ciò che l'artista fa vedere, dunque, non è una Trinità isolata, ma ciò a cui essa ha dato vita dopo essersi messa in relazione. Il passaggio delle tre figure divine, infatti, ha benedetto le due figure umane, spingendo il loro amore a essere generativo, anche a dispetto della tarda età. È stata la voglia dell'incontro - da entrambe le parti e superando le remore - a fare il miracolo di un nuovo essere. Che sicuramente terremoterà degli equilibri ma aprirà a vita nuova, mai vista né pensata prima.

«Appena lo circoscrivi, Dio evade», ha scritto padre Ermes Ronchi. A dire che, quando facciamo il ritratto alla Trinità, sia definendola a parole sia inscatolandola in una forma, non viene mai bene. La pittrice ha risolto il problema spostandosi dal simbolo al racconto e rinunciando a dare un volto alle tre persone divine: in compenso ci lascia immaginare i volti sorridenti di quelli che nella storia non hanno riso per irridere (Isacco e i tre angeli).

 

 

Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it