Nella letteratura
Il vento gagliardo dello Spirito
di Sergio Di Benedetto | 04 giugno 2017
Vento, immagine di ciò che è forte, libero, imprevisto: nessuno controlla il vento. Così è lo Spirito: vigoroso, imprevedibile e sorprendente. Così è anche il vento dell’omonima poesia giovanile di Attilio Bertolucci.

 

C’è un «vento che si abbatte gagliardo», che apre all’improvviso il luogo chiuso della paura, il rifugio della tristezza, la casa dell’attesa. Giunge imprevisto e riempie di sé quella stanza del Cenacolo, riempie i cuori di coraggio.

Vento, immagine di ciò che è forte, libero, imprevisto: nessuno controlla il vento. Così è lo Spirito: vigoroso, imprevedibile e sorprendente.

Non lascia tranquilli, ma sconvolge, turba, muove. Così è anche il vento dell’omonima poesia giovanile di Attilio Bertolucci (1911-2000), poeta di origine emiliana, grande cantore della vita naturale e dei legami di affetto tra gli uomini:

 

Vento

 

Come un lupo è il vento

che cala dai monti al piano,

corica nei campi il grano

ovunque passa è sgomento.

Fischia nei mattini chiari

illuminando case e orizzonti,

sconvolge l’acqua nelle fonti

caccia gli uomini ai ripari.

Poi, stanco s’addormenta e uno stupore

prende le cose, come dopo l’amore.

 

Il testo, che si trova nella raccolta Sirio (1929), è un bozzetto di paesaggio contadino, su cui soffia il vento.

Ma quelle attribuite al vento sono anche le azioni dello Spirito: cala, corica, sgomenta, fischia, illumina, sconvolge, caccia, dorme. E alla fine, nello stupore che tutto abbraccia, rimane la sensazione che sia frutto di Amore.

Buona Pentecoste, nell’augurio che il vento soffi per ognuno, inquietando i cuori e addormentando le fatiche, «come dopo l’amore».

Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Sergio Di Benedetto
Sergio Di Benedetto, classe 1983, dottore di ricerca in Letteratura Italiana all'Università della Svizzera Italiana di Lugano, è insegnante di lettere e ricercatore in materie letterarie. Da anni collaboratore in realtà ecclesiali e scolastiche, scrive drammaturgie di carattere sacro e civile per una compagnia di attori professionisti, la Compagnia Exire. Ha coordinato diversi laboratori teatrali con adolescenti, per aiutare i ragazzi a crescere attraverso il teatro.
leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it