Nell'arte
Il Padre amorevole dell'Ascensione
di Gian Carlo Olcuire | 28 maggio 2017
Tra i vari modi di rappresentare l’Ascensione, questo – viene da dire – è veramente… da Dio. Perché, assieme al ritorno di Gesù, mostra il Padre, così amorevole da venire a prendere il Figlio.

GESÙ SALE AL PADRE

(avorio, V sec., Monaco, Museo nazionale bavarese)

 

«Fate discepoli tutti i popoli… insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato». Mt 28,16-20

 

Tra i vari modi di rappresentare l’Ascensione, questo – viene da dire – è veramente… da Dio. Perché, assieme al ritorno di Gesù, mostra il Padre, così amorevole da venire a prendere il Figlio.

Nell’arte s’è visto sovente un Gesù frontale, mentre si solleva da terra, racchiuso in una sfera di luce o in una mandorla (talvolta somigliante a un’astronave, anche quand’è sorretta dagli angeli). Alcuni pittori, invece, l’hanno messo di profilo, per aggiungere dinamismo all’ascesa. Altri ancora, del Signore, hanno ripreso solo la metà inferiore del corpo, ponendo tra le nubi l’altra metà ed evidenziando le orme lasciate sulla roccia.

Il Padre che va incontro al Figlio è cosa rara. E pure preziosa perché, non mostrando un Gesù onnipotente ma – prima di tutto – Figlio, non ci fa sentire l’Ascensione come un suo privilegio. Dando a intuire che il ritorno nella gloria del Padre sia solo una primizia, una prima esperienza, che spetterà a tutti i figli.

Di provenienza italica, la tavoletta contiene – oltre all’Ascensione – le Donne al sepolcro, creando un legame significativo con la morte e la risurrezione (suggerita anche dall’albero della vita, dei cui frutti gli uccelli si cibano).

L’opera si apparenta, per età, all’Ascensione in legno di cipresso nel portale della Basilica romana di Santa Sabina, sull’Aventino. Lì, in verità, non appare la mano di Dio, sostituita da due angeli che quasi issano Gesù, con un terzo angelo che lo tiene per mano. L’analogia tra i due bassorilievi è nell’atteggiamento degli apostoli, pochi e timorosi. Che un po’ ricordano quelli delle Trasfigurazioni: altro momento in cui sono richiamati a tornare coi piedi per terra.

In altri termini: pur avendo visto ciò che un giorno – se Dio vuole – ci succederà, resta molto da fare. Tanto più per uomini fragili e pieni di dubbi, come siamo. Qui sarà Gesù a darci una mano, «tutti i giorni, fino alla fine del mondo».

 

 

Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it