La bellezza che vince la paura e l'omertà
di Assunta Steccanella | 10 maggio 2017
A Palermo con Giovanni - seconda media - che mi fa da guida a Palazzo dei Normanni. E il pensiero va a una frase de «I cento passi» di Peppino Impastato

Sono passati trentanove anni dall'assassinio di Peppino Impastato, ucciso dalla mafia il 9 maggio 1978: la sua storia è nota, ma ripercorrerla solleva sempre tante domande. La collusione e l'intreccio di interessi tra la mafia e il potere politico e giudiziario si manifestarono in tutta la loro pervasività, ma ancor più triste fu constatare che anche una parte della società civile era segnata da quella che è stata definita 'mentalità mafiosa'.

Ho pensato a Peppino in questi giorni, a Palermo, incontrando un'iniziativa che mi ha riempito di speranza: si tratta di "Panormus: la Scuola adotta la città".

Ho scoperto che, già da vent'anni, gli alunni delle scuole palermitane vengono preparati per accompagnare i turisti a conoscere il patrimonio artistico della loro città. A ciascuna scuola viene affidato un sito, i ragazzi si recano sul posto negli orari stabiliti ( pubblicizzati anche tramite una pagina Facebook) e fanno gratuitamente da guida.

Domenica ho visitato Palazzo dei Normanni accompagnata da Giovanni (seconda media, sezione B della Buonarroti) che mi ha spiegato con completezza e passione le sale del palazzo.

"Ma come sai tutte queste cose? Avete avuto dei colloqui con delle guide professioniste?"

"No, abbiamo fatto delle ricerche, i professori le hanno corrette, poi le abbiamo studiate"

"E quando incontrate degli stranieri? Con le lingue come fate?"

"Impariamo anche in altre lingue, alcuni studiano la parte in francese, altri in inglese... E' bello imparare le lingue, si aprono le porte di tutto il mondo".

La visita finisce. Giovanni ci saluta chiedendoci di lasciare le nostre impressioni sul quaderno dei visitatori. E si avvicina subito ad altre persone: "Avete bisogno di una guida per il Palazzo?"

Nelle scuole di Palermo si accompagnano i ragazzi a conoscere la propria città e a sviluppare autonomia e competenze, attraverso un lavoro capillare, diffuso e coinvolgente di educazione alla bellezza.

C'è una frase de "I cento passi" che mi ha sempre colpito, e che nella quarta domenica di Pasqua (la domenica del Pastore Bello - 'o poimèn 'o Kalόs) risuona in tutta la sua verità:

"Se si insegnasse la bellezza alla gente, la si fornirebbe di un'arma contro la rassegnazione, la paura e l'omertà".

C'è chi ci sta lavorando, Peppino, grazie a Dio nella tua terra ci sono tante persone che ci stanno lavorando da tempo, sul serio.

 

 

 

Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Assunta Steccanella

Sono nata in provincia di Vicenza nel 1960. Dico spesso che, dopo il diploma, ho frequentato due diverse università: prima, per diciotto anni, l'ateneo della famiglia; quindi, in parallelo, la Facoltà Teologica, dove ho completato il dottorato.

Ho insegnato religione in un liceo fino al 2010. Adesso, oltre alla ricerca, mi dedico alla formazione: sono impegnata in vari modi nella catechesi di adulti e bambini e nella preparazione dei catechisti e cerco di condividere parte di questo lavoro attraverso il mio blog (www.asteccanella.altervista.org). La famiglia però è e resta la mia prima vocazione: mio marito e i miei tre figli sono preziosi, tra mille altri motivi, anche perché mi fanno capire quando la speculazione mi fa staccare troppo i piedi da terra.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it