Nell'arte
I mercenari attorno all'ovile del Buon Pastore
di Gian Carlo Olcuire | 07 maggio 2017
Quasi scioccante per la brutalità dei violenti, quest’opera ha un merito: quello di allargare l’inquadratura, facendo vedere che cosa c’è – nella realtà – attorno al quadretto bucolico del pastore con pecora in spalla...

 

LA PORTA DELLE PECORE

(incisione di Philip Galle da un dipinto di Pieter Bruegel il Vecchio, 1565, New York, Metropolitan Museum of Art)

 

«Il ladro non viene se non per rubare, uccidere e distruggere; io sono venuto perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza». Gv 10,1-10

 

Quasi scioccante per la brutalità dei violenti, quest’opera ha un merito: quello di allargare l’inquadratura, facendo vedere che cosa c’è – nella realtà – attorno al quadretto bucolico del pastore con pecora in spalla, che rischia d’essere un sedativo se fa solo pensare alla bontà.

È Gesù stesso, d’altra parte, a premettere un dramma all’immagine del buon pastore. E il pittore non fa che enfatizzarlo, ritraendo un ovile preso d’assalto da gentaglia d’ogni tipo, armata fino ai denti e intenta ad arraffare tutto il possibile.

È vero che il caricare (tipico dei disegnatori) porta inevitabilmente a deformare: però può spingere a vedere ciò che di solito non si vuole vedere. Mentre le figure dolci e consolatorie spesso impediscono di pensare alle dimensioni del male. Che nel XX secolo – scrive San Giovanni Paolo II – «non è stato un male in edizione piccola, per così dire “artigianale”. È stato un male di proporzioni gigantesche, un male che si è avvalso delle strutture statali per compiere la sua opera nefasta, un male eretto a sistema…». Dalla potenza del male Gesù mette in guardia i farisei, in particolare coloro che si pongono come guida delle persone senza amarle: lupi con le fattezze umane dei ladri e dei briganti.

Va detto che, oltre a mostrare la spettacolarità del male, l’opera non perde di vista il bene. Il fatto, ad esempio, che l’amore sia conoscenza, è riscontrabile nel modo in cui il pastore Gesù viene guardato dalle pecore. Che conoscono la sua voce, come lui conosce ciascuna di loro per nome (ne conosce pure l’odore, aggiungerebbe papa Francesco, a dire quanto le consideri proprie).

Non si può non ricordare il recente discorso del pontefice sulla rivoluzione della tenerezza, cioè «l’amore che si fa vicino e concreto. La tenerezza è usare gli occhi per vedere l’altro, usare le orecchie per sentire l’altro, per ascoltare il grido dei piccoli, dei poveri, di chi teme il futuro; ascoltare anche il grido silenzioso della nostra casa comune, della terra contaminata e malata. La tenerezza significa usare le mani e il cuore per accarezzare l’altro. Per prendersi cura di lui».

Il prendersi cura si realizza anche nel quadro: il pastore, infatti, nonostante sembri statico (come la porta in cui si identifica), tra poco smetterà di assistere allo scempio. E che stia per passare all’azione è chiaro nella parte superiore dell’opera, dove la metafora si sviluppa: a sinistra, si vede il buon pastore difendere le pecore mettendo in fuga il lupo; sul lato destro, invece, il mercenario – a cui non importa nulla del gregge – lo abbandona alla vista del lupo.

16/05/2017 11:31 Agnese V.
Grazie per l'opera proposta e il commento...ne attendo ancora!


16/05/2017 11:24 Agnese V.
Davvero interessante quest'opera. Il bene e il male sono descritti, anzi incisi in modo così efficace da rompere ogni scontata rappresentazione. La porta/Cristo nella calma/pace totale circondato dal "piccolo gregge" è la soluzione del "problema".
Grazie!



08/05/2017 12:45 antonio giugliano
bello


Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it