Nella letteratura
Cigola la carrucola al pozzo di Giacobbe
di Sergio Di Benedetto | 18 marzo 2017
È come se il componimento di Eugenio Montale, "Cigola la carrucola", raccontasse il primo tempo di quanto accade al pozzo di Sicar...

Al pozzo di Sicar si incrociano tante storie: una donna samaritana con la sua storia, fatta di tanti fallimenti, un uomo di Galilea, con la sua storia e il suo destino, e infine un popolo con la sua storia, che risale ai tempi del patriarca Giacobbe.

Tanta storia attorno a un pozzo, eppure si parte dall’acqua e dalla sete, cioè da quello che ognuno vive nell’oggi, e che coagula attorno a sè la vicenda che ogni uomo si porta sulle spalle, frutto del cammino personale e di altri: una famiglia, un popolo, un luogo, una tradizione.

Il pozzo è luogo dove la memoria riaffiora e dove essa può essere redenta, se affidata a Colui che chiede acqua per dare acqua, oppure può tornare nell’oblio, nel buio del pozzo:

 

Cigola la carrucola del pozzo,

l’acqua sale alla luce e vi si fonde.

Trema un ricordo nel ricolmo secchio,

nel puro cerchio un’immagine ride.

Accosto il volto a evanescenti labbri:

si deforma il passato, si fa vecchio,

appartiene ad un altro…

Ah che già stride

la ruota, ti ridona all’atro fondo,

visione, una distanza ci divide.

 

Eugenio Montale canta, in questa lirica tratta da Ossi di seppia (1925), un ricordo che riaffiora, un volto che ride. Ma per il poeta il recupero si fa evanescente e impossibile, la distanza che il tempo ha posto è eccessiva. Il secchio torna sul fondo.

È come se il componimento raccontasse il primo tempo di quanto accade al pozzo di Sicar: storie che salgono alla superficie.

La donna di Samaria ha curiosità e coraggio: parla, domanda, risponde, dice di sé. Alla fine lascia la brocca, perché la sua storia ha incontrato una svolta che imprime il senso.

Sta a noi scegliere se affidare la nostra storia all’uomo di Galilea che ci aspetta al pozzo, perché dal passato, anche ferito, nascano verità e vita, oppure se lasciarla cadere nuovamente sull’«atro fondo» delle nostre povere vite. Sta a noi far smettere alla ruota di stridere.

 

 

 

Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Sergio Di Benedetto
Sergio Di Benedetto, classe 1983, insegnante di Lettere, è ora assistente di Letteratura Italiana all'Università della Svizzera Italiana di Lugano. Da anni collaboratore in realtà ecclesiali e scolastiche, scrive drammaturgie di carattere sacro e civile per una compagnia di attori professionisti, la Compagnia Exire. Ha coordinato diversi laboratori teatrali con adolescenti, per aiutare i ragazzi a crescere attraverso il teatro.

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it