Nell'arte
Sbilanciarsi per riconciliarsi davvero
di Gian Carlo Olcuire | 12 febbraio 2017
Allora, invece di star fermi, in attesa della prima mossa altrui individuiamo una persona con cui riconciliarci e inventiamoci un abbraccio.

 

RICONCILIAZIONE

(Ghislaine Howard, 2014, Manchester, Chiesa di S. Anna - in esposizione temporanea)

 

 


«Va' prima a riconciliarti con il tuo fratello e poi torna a offrire il tuo dono». Mt 5,17-37

 

Che sia benedetta... quest'artista inglese, per il suo abbraccio sbilanciato, smisurato, smodato. Poiché siamo abituati a quelli che si scambiano le autorità, sempre simmetrici, ci siamo messi in testa che ogni gesto di riconciliazione tra esseri umani debba essere speculare e simultaneo. Desiderato da entrambi e nella stessa forma per entrambi. Perdendo di vista l'importanza straordinaria che ha, nel movimento verso l'altro, chi compie il primo passo.

Nell'opera (uno studio per un Figlio prodigo), in realtà non si capisce chi abbia preso l'iniziativa: potrebbe essere stata anche la persona in ginocchio. Però si impara che esistono più modi per abbracciarsi e che al bel gesto di uno può rispondere un bel gesto dell'altro, non necessariamente identico ma ugualmente spontaneo, non studiato. E caloroso (come questa lunga carezza, fatta di mani e di guance).

Inoltre si intuisce che tra i due c'era una storia precedente e ci sarà ancora storia insieme.
È proprio la rinuncia a un futuro condiviso a spegnere la voglia di stringersi in un abbraccio. Ne siamo diventati così incapaci da lasciar nascere una sorta di "movimento", Free Hugs, presente persino alle ultime Giornate Mondiali della Gioventù, per distribuire abbracci a costo zero.

Quelli che coinvolgono i corpi senza coinvolgere i cuori, sono abbracci facili e privi di prospettiva. Quelli veri impegnano e per questo si rimandano.

Allora, invece di star fermi, in attesa della prima mossa altrui (ormai siamo talmente prudenti da agire solo per secondi: salutiamo se veniamo salutati, facciamo gli auguri se li abbiamo ricevuti, invitiamo a cena se già siamo stati invitati...), individuiamo una persona con cui riconciliarci e inventiamoci un abbraccio. Nessuno ci verrà a dire come si fa, tanto meno una legge o una regola del galateo: facciamo memoria di quest'opera (ah, la potenza dell'immagine!), senza scordare che il Padre è nostro, non mio, dunque che siamo entrambi figli e fratelli.

 

12/02/2017 09:11 Antonella Mazzei
Quale libertà nel non essere secondi!


Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it