Grazie Christian del tuo «tempo per vivere»
di Giorgio Bernardelli | 10 gennaio 2017
Sul nostro blog Christian Albini aveva parlato con fede profonda della malattia che ieri lo ha portato via. Lasciandoci un'eredità preziosa

Christian

 

«Sono convinto che si possa fare della malattia un tempo per vivere, l'occasione per una nuova relazione con noi stessi, con gli altri. Anche quando non si guarisce».

Sono passati quattro anni da quando Christian Albini su questo blog ci consegnava questa riflessione molto forte sulla sua malattia. La riflessione di un marito, padre, insegnante, teologo - rigorosamente nell'ordine che aveva scelto lui stesso per la scheda biografica che accompagna tutti i suoi articoli su Vino Nuovo.

Quando ieri mattina dal tweet di Enzo Bianchi ho letto la notizia della sua morte la mente non è potuta andare che a questo testo bellissimo che Christian ci aveva regalato. Eravamo nel febbraio 2013 e lui raccontava della diagnosi del tumore, scoperto nove anni prima. La malattia che a 43 anni lo ha portato via ieri, lasciando un grande vuoto non solo per sua moglie e i suoi figli.

Ricordo bene quando mi propose di pubblicare questo articolo. Voleva che fosse l'inizio di una serie sul tema della malattia, a partire dalla sua storia. Ne aveva già parlato un anno prima in un altro suo post intitolato Il Nulla e la speranza.

«Fondamentalmente, è stato scoprire il mio corpo come non più mio, la mia vita come non più mia. Con tutti i miei progetti, idee, aspettative, mi sono trovato a convivere con la minaccia della morte che veniva da dentro di me e per curarmi a dover aggredire, tagliare, avvelenare, irradiare il mio stesso corpo... (...). Eppure... Eppure in questi anni ho vissuto, ho amato e sono stato amato, sono nati due figli, ho sofferto, ho gioito e ho sbagliato. I luoghi della malattia sono anche i luoghi della speranza nella cura, ma soprattutto sono i luoghi dove ho trovato - dentro la piccolezza di un gesto, un sorriso, una parola - l'umanità di ammalati, medici, infermieri, preti e persino amicizia. E poi c'è sempre quell'uomo, Gesù. Se non fosse uomo, veramente uomo, Dio non sarebbe Dio, sarebbe un falso Dio».

Questo suo affidare proprio al nostro blog pensieri così intimi mi lasciò molto sorpreso: non ci conoscevamo nemmeno di persona, neanche dopo ci è mai capitato di incontrarci dal vivo. Sì, succede anche questo a Vino Nuovo: si possono costruire rapporti semplicemente incontrandosi tra blogger e stimandosi a vicenda. L'esatto contrario della post-verità, di cui in questi giorni tanto si parla: la rete come relazione vera, come strumento fecondo. Con Christian era così: era uno dei lettori più attenti di Vino Nuovo, uno che ci credeva profondamente in questo spazio, un amico che se trovava qui dentro una parola buona non esitava a farla diventare tesoro per tutti. Del resto nella rete ci era arrivato ben prima di tutti noi con il suo blog dal titolo così bello: Sperare per tutti.

Ovviamente alla proposta della serie dissi subito di sì. E nacque quell'articolo che pubblicammo l'11 febbraio 2013. Senza poter sapere che proprio in quel giorno che la Chiesa - per volontà di Giovanni Paolo II - dedica al corpo fragile degli ammalati, papa Benedetto avrebbe annunciato la sue storiche dimissioni.

In realtà la serie andò avanti ben poco: sul tema della malattia Christian scrisse solo un altro articolo il mese dopo. Ricominciò ad affrontare, invece, tanti altri temi su cui già su questo blog aveva spaziato. E io mi guardai bene dal fare domande: l'essenziale l'aveva detto, il resto era un tempo per vivere.

Così arrivarono tanti altri regali per Vino Nuovo. Basta scorrere a questo link l'elenco degli articoli di Christian per rendersene conto. Tanti temi: dall'attualità ecclesiale al dialogo interreligioso, dalle frontiere della carità ai populismi. E poi il modo tutto suo di affrontare anche temi delicati come l'omosessualità, la polemica sul gender, l'aborto, sempre con l'ansia di tenere insieme piuttosto che dividere.

Ma c'è in particolare una cosa per la quale gli sono personalmente molto grato: le voci della Quaresima for Dummies scritte per il nostro laboratorio Chi Cercate? insieme ad Assunta Steccanella nella Quaresima 2015 (e diventate poi anche un libro per l'editrice Effatà). Credo sia stato un bell'esempio di una teologia che ha l'umiltà di partire dall'abc in una Chiesa in uscita non solo a parole.

Tante altre cose su chi è stato Christian Albini fuori dalla nostra esperienza di Vino Nuovo le ha scritte ieri Gianni Di Santo in questo bel profilo pubblicato sul sito di Famgilia Cristiana.

Vorrei però concludere con un altro suo pensiero tratto da un'intervista radiofonica sulla misericordia che Christian aveva rilasciato appena una manciata di giorni fa a Fabio Colagrande per Radio Vaticana (e anche questa rilanciata ieri per ricordarlo).

«La conversione del cristiano nella Chiesa è ancora un qualcosa a cui non siamo abituati. Pensiamo troppo a convertire gli altri e poco noi stessi. La misericordia a cui ci richiama il Papa, invece, è l'imperativo di mettersi in ascolto del Vangelo e convertire, prima di tutto, noi stessi».

Lo risento con il suo tono pacato di voce ripetere queste parole. Eredità preziosa del suo tempo per vivere.

10/01/2017 16:18 Lorenzo Pisani
Oltre che gli interventi su VN voglio ricordare un volumetto "La conversione del cristiano e della chiesa".
Tra le altre cose, Christian parlava della comunità cristiana, che vive di belle relazioni, anche oltre le quattro mura dell'edificio, anche oltre la celebrazione eucaristica. E scriveva "Ci vogliono rapporti ravvicinati, costanti e prolungati, vivificati dalla fede".
Mi aveva fatto sentire la nostalgia, o l'anelito, di essere comunità, nella fede.
Grazie di tutto.

Qui su internet in tanti parlano di fede e chiesa, ma le parole acquistano spessore, valore, diventano eco della Buona Notizia, quando dietro sentiamo il sapore della vita cristiana, nella quotidianità, in famiglia e nelle comunità cristiane in carne ed ossa, piccole o grandi che siano. Quando avvertiamo che parole scritte, incontri veri, buone prassi sono in un circolo virtuoso, e non sentiamo solo prediche (irate) e lamentazioni.

Dunque, nel ricordo vivo di Christian, il mio augurio a VN è che si continui a sentire questo sapore.
Anche se, come scrive Bernardelli, non ci si vede di persona e magari non conosciamo il suono della voce.



10/01/2017 14:20 PietroB
Una volta ad una Mariapoli sono capitato al tavolo di una Persona nella situazione di Betty, situazione durata pochi mesi.
Mi dissero che il suo funerale era stata una festa, piena di canti di Lode.
La signora mi parlò di un marito quasi più vivo e vicino ora che prima! Tentai di trascinarla con i piedi in terra, ma presto mi dovetti fermare. si trattava di esperienze veramente REALI. Inconfutabilmente.
La verità è quella che vediamo con gli occhi terreni oppure….??
Oggi sono più vecchio. Ho perso mamma, papà, zii, cugini… ma sono sempre più cosciente che vivendo l'Amore che ci univa, Amore che NON è scomparso con loro. io, loro, siamo ancora VIVI:



10/01/2017 13:06 Betty
La notizia della sua morte mi colpisce.
Primo perchè non sapevo della sua malattia (ho iniziato dopo a leggere i suoi post e a seguirlo sui social network).
Secondo perchè anch'io sto imparando a vivere l'esperienza della malattia accompagnando mio marito, che da un anno lotta contro un tumore che lo sta distruggendo (più le cure, che il tumore).
Anch'io ho molto da imparare. Mi trovo dentro questa esperienza cercando di viverla il meglio possibile, con le poche forze che a volte rimangono. Anche noi abbiamo tre figli (due adolescenti, la più piccola di 11 anni) e per loro sono preoccupata. Se davvero esiste una comunione dei santi, che Christian possa accompagnare tutti coloro che sono nel dolore...



10/01/2017 11:54 Federico Benedetti
Belle parole, autentiche, vere.
Ringrazio Bernardelli e VN per il ricordo di Christian Albini.
Mi unisco a Yolanda in un abbraccio fraterno alla famiglia nella preghiera.



10/01/2017 09:06 Yolanda
Non sapevo nulla di lui. Ho riguardato tutti i riferimenti dati. Ho visto a quanti suoi articoli ho partecipato nella discussione su vino nuovo, a quanto cammino ho fatto grazie alle sue equilibrate sollecitazioni. E anche ora che ci ha lasciato lascia semi di speranza per chi ha ancora un tratto di cammino da compiere. Grazie Cristian, Amico sconosciuto capace di indicarci la luce anche nelle tenebre.Ora tu sai . Un abbraccio alla tua famiglia ,che ti ha accompagnato e condiviso con te il tuo breve cammino.
Ci mancherai molto ma nella luce anche con te e grazie a te continueremo a sperare.
Non conta quanto ma come si è vissuto e lasciato traccia nelle vite di altri vicini e virtuali.
Grazie Cristian e arrivederci in quel luogo sperato dove non ci sono più dolori e lacrime .
Grazie anche a vino nuovo che mi ha consentito di conoscerlo.



10/01/2017 00:22 Sara
Ho scritto giù sotto che non sapevo della sua malattia, leggevo il blog solo saltuariamente, l'ho scoperto solo stamattina, mi spiace, non sono brava a parlare ma mi spiace davvero.


Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Giorgio Bernardelli

Giorgio Bernardelli, giornalista della rivista Mondo e Missione e del sito mondoemissione.it, ha lavorato per dieci anni alle pagine di informazione religiosa di Avvenire, quotidiano con cui tuttora collabora oltre che con il portale internazionale di informazione religiosa VaticanInsider. Porta nel cuore Gerusalemme, città a cui ha dedicato diversi libri e che racconta nella rubrica La porta di Jaffa sul sito www.terrasanta.net.

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it