Nella letteratura
In nome della Madre
di Sergio Di Benedetto | 31 dicembre 2016
È venuto col vento di marzo, poi è cresciuto nell'acqua della mia placenta, come tutti i bambini del mondo. Cosa prova lui adesso che sta per uscire e il tempo del grembo è scaduto? "Iosef, mi sembra che il censimento sia per noi un pretesto. Saremmo partiti lo stesso. L'ultima sua settimana doveva essere quella di un viandante, senza fissa dimora, sulla schiena di un'asina paziente".

C'è un piccolo libro, prezioso e sapiente, che andrebbe riletto ogni anno, in questo giorno dedicato alla Madre di Dio. Un piccolo libro che regala parole dolci e antiche, come sa fare una donna, come sa fare una mamma. Eppure è scritto da un uomo, per giunta non credente: è In nome della madre di Erri De Luca, un testo a metà strada tra il racconto e la drammaturgia (e infatti è stato messo in scena molte volte, anche dallo stesso scrittore napoletano).

De Luca racconta la storia di una gravidanza, quella di Ieshu, figlio di un annuncio primaverile accolto da una ragazza di Nazareth, Miriam. A sua volta accolta da Iosef. A loro a volta accolti da un'asina. E poi accolti da pastori e non accolti da albergatori.

Il Verbo che si fa carne impone la gara dell'accoglienza, a cui si può opporre il rifiuto: il Bambino viene a mondo, là dove gli si fa spazio:

Lontano i pastori chiamavano qualche pecora persa. "È una bella notte per venir fuori, agnellino mio, notte limpida in alto e asciutta in terra. Il viaggio è finito e tu hai aspettato questo arrivo per nascere. Sei un bravo bambino, sai aspettare. Ora nasci che tuo padre ti aspetta. Si chiama Iosef, quando entra gli diciamo: caro Iosef io sono Ieshu tuo figlio. Vedrai che sorpresa, che faccia farà".

Il tempo del parto è il tempo notturno in cui Miriam decide di stare sola con Ieshu, amando, pregando e profetando, suo malgrado. Dall'istante della nascita Miriam, come dice il Vangelo di oggi, "serba nel suo cuore" ciò che riguarda il Bambino. E eleva una preghiera alla rovescia, temendo un futuro di dolore:

Sia nessuno questo tuo Ieshu, sia per te un progetto accantonato, uno dei tuoi pensieri usciti di memoria. Ti pregano già tanto di ricordare questo e quello. Scordati di Ieshu.

Bellissima e terrena la madre di Erri De Luca, perché nulla è così sacro e al tempo stesso così umano quanto la maternità. Ancora una volta un autore non credente è capace di penetrare il Mistero e gettare una luce di grazia che illumina anche chi ha fede. Con una libertà che spesso il credente non possiede.

Il primo giorno dell'anno è anche la giornata mondiale per la pace. Non è retorica dire che se ci fosse più maternità, se tutti ci ricordassimo di essere figli, la guerra arretrerebbe. Più agnelli e meno lupi nelle nostre strade se tutti avessimo presente la comuna nascita, la medesima origine, la fraternità che spesso non vediamo.

Il cristiano sa che abbiamo un "Padre nostro", ma anche una "Madre nostra".

Facciamo nostro il canto dei pastori con cui si chiude il racconto di Erri De Luca:

 

Padre nostro che sei nei cieli

guarda il tuo gregge che resti intero e tuo.

Sia salva la tua proprietà,
come in cielo così in terra.
Dacci oggi i pascoli di domani,
riporta la smarrita e noi te l’offriremo
e non permettere gli agguati
ma salvaci dai lupi e così sia.

 

 

 

03/01/2017 00:42 Sara
" sarà per questo che le Persone che si affidano a lei sono spesso così poco "razionali"

Non necessariamente, c'è anche una mariologia più liberazionista come proponeva Clodovis Boff



http://dimensionesperanza.it/aree/formazione-religiosa/mariologia/item/6378-il-significato-liberatorio-del-magnificat-clodovis-boff.html

https://www.queriniana.it/libro/mariologia-sociale-1827

Più che altro c'è un che di popolare nel culto mariano con tutte le sfumature che il termine comporta.

Buona notte.



02/01/2017 18:03 Francesca Vittoria
Prega la Madonna, era un sollecito consiglio da parte di nonne e madri di fede, in quanto è stata essere umano che ha esperimentato, ha vissuto come noi prima di essere la madre di Dio e quindi la sentiamo in grado di immedesimarsi nelle più diverse situazioni della nostra stessa vita, la sentiamo comprensiva come sorella,madre,sposa e figlia a sua volta con tutte le incertezze, i sogni,la cultura e la tradizione cl'appartenenza ad un popolo ha comportato. Come ha affrontato i problemi che con le sue scelte si è trovata ad affrontare., come non vedere in lei una persona cui chiedere aiuto nei casi difficili? In fin dei conti è proprio grazie a certe sue scelte che è diventata la madre di Dio, ha saputo è avuto il coraggio di accettare un incognito impegno, chissà se anche non ha provato timore che solo una fede decisamente molto superiore l'ha resa capace di dire quel SI. Perciò non fa meraviglia che Dio l'abbia così innalzata e Lei possa godere di privilegi regali, abbia potere di intervenire e lo fa ancora oggi facendosi presente nelle vicende umane e a livello sociale che personale. quindi anche a non essere devoti è certamente Persona cui ricorrere confidando in una poliedrica comprensione e sapendo che ha anche potere, è una fortuna che esista e, proprio perché tanto vicina ai nostri problemi poter confidare su una generosità materna superiore ad ogni altra esistente." Francesca vittoria ....Buon Anno


31/12/2016 07:34 Pietro Buttiglione
Le chiavi relazionali con Maria si nutrono di fiducia speranza affidamento affetto protezione implorazione sofferenza custodia aiuto implorazione mediazione...
sono parole " di pancia" .. sarà per questo che le Persone che si affidano a lei sono spesso così poco "razionali"? ( cfr miracoli/ Medjugorie, e c)



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Sergio Di Benedetto
Sergio Di Benedetto, classe 1983, dottore di ricerca in Letteratura Italiana all'Università della Svizzera Italiana di Lugano, è insegnante di lettere e ricercatore in materie letterarie. Da anni collaboratore in realtà ecclesiali e scolastiche, scrive drammaturgie di carattere sacro e civile per una compagnia di attori professionisti, la Compagnia Exire. Ha coordinato diversi laboratori teatrali con adolescenti, per aiutare i ragazzi a crescere attraverso il teatro.
leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it