Nella musica classica
Il principe della pace
di Chiara Bertoglio | 03 dicembre 2016
La «preghiera per il figlio del re» in cui Charpentier traduce il salmo 72 evoca una regalità che trascende il piano meramente umano

Il Salmo responsoriale presentato dalla liturgia di questa seconda domenica di Avvento è il 72 (71), di chiara impronta messianica: il ritratto del re fedele a Dio e da Lui benedetto diviene non solo il prototipo del sovrano giusto, vera guida spirituale del proprio popolo, ma anche e soprattutto un'anticipazione dei tratti del "Principe della Pace", dai caratteri regali e divini che chiaramente trascendono il piano del meramente umano.

La realizzazione musicale che ne proponiamo, basata sul testo latino della Vulgata, è opera di Marc-Antoine Charpentier (c.1634-1704), e si può ascoltare a questo link. Pur non godendo dei privilegi che posero il contemporaneo Lully in una situazione di quasi-monopolio nei confronti della vita musicale parigina e della corte francese, Charpentier riuscì a farsi apprezzare dal Re, che gli commissionò, fra l'altro, questo brano, dal titolo alternativo Precatio pro filio regis, "preghiera per il figlio del re". Il testo verbale, infatti, può essere interpretato in modo letterale come preghiera per un regnante umano, e in questo senso ben si applicava al Delfino di Francia, destinato a regnare dopo il padre ed educato a tal fine (purtroppo, il Delfino poi morì prima di accedere al trono).

Nonostante l'ambientazione di corte, e in modo simile a quanto accadeva con il brano proposto la scorsa settimana, Charpentier rifugge dai trionfalismi e privilegia la supplica intensa e fervida. Inoltre, alcune scelte compositive, come la ripetizione di un tetracordo (sequenza di quattro note), sottolineano determinati aspetti teologici: la citazione dell'eternità divina nella dossologia conclusiva ("nei secoli dei secoli"), cantata su tetracordi ripetuti, suggerisce un'anticipazione dell'eternità come trascendimento del tempo, e proietta anche la preghiera per un principe secolare in una dimensione genuinamente spirituale.

 

 

Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Chiara Bertoglio

Chiara Bertoglio è una giovane concertista di pianoforte, musicologa, scrittrice e docente italiana. Laureata e dottore di ricerca in musicologia, ha scritto diversi libri e numerosi saggi per riviste specialistiche italiane ed internazionali, partecipando come relatrice a convegni prestigiosi (ad Oxford, Londra, Roma etc.).

Impegnata nell'approfondimento dei rapporti fra musica e spiritualità cristiana, ha pubblicato libri sull'argomento; inoltre, scrive articoli e libri non musicali per diffondere storie positive di speranza. Svolge intensa attività didattica privatamente ed in importanti istituzioni italiane ed estere, sia come docente di pianoforte sia come musicologa.

Gli articoli che pubblichiamo su Vino Nuovo sono tratti dal suo blog. Per conoscere meglio (e anche ascoltare) la sua attività di musicista www.chiarabertoglio.com

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it