Aggiungi un prete a tavola
di Diego Andreatta | 01 giugno 2010
La condivisione della quotidianità di una famiglia consente al ministro di Dio di entrare «nel mondo». Ma anche lui lì non è più costretto nell’abito del super-don

Dalla mensa eucaristica al tavolo di cucina, dai paramenti sacri alla tovaglia a scacchi. Si annuncia ai figli «Indovina chi viene a cena?» e  si aggiunge una sedia in più per il parroco o per il prete amico. Che sorpresa, più gradita di molti regali!
Per lui, certo, ma anche per la famiglia che finalmente può apprezzare insieme alla pastasciutta («niente minestrine, oggi») il gusto feriale, domestico e saporoso, del sacerdozio.
Con il tiramisù di scorta della nonna, saltano fuori ricordi e gag, affiorano noie e gioie: una rivelazione per i figli adolescenti («non pensavo che quel don fosse così sciallo…»), una ricarica duracell per le pile del nostro curato di campagna: «Adesso devo proprio andare alla riunione decanale, ma un giorno ne riparliamo, eh…», si congederà con la riconoscenza di chi si è trovato straordinariamente bene in quella famiglia che gli ha fatto provare una sana nostalgia della sua.
«Vieni e vedi». Ecco allora la proposta indecente, ma non troppo. A conclusione dell’Anno Sacerdotale, che culmina con l’invito di Benedetto XVI a migliaia di confratelli a Roma, perché non prendersi l’ impegno settimanale, fisso come tutte le cose importanti: «Aggiungi un prete a tavola…»
Può essere il lunedì a pranzo, o la domenica sera libera da riunioni… scelga lui quando vuole (non è più ospite, ma familiare), purché diventi un’abitudine settimanale. Senza regalini di circostanza, perfino senza tiramisù.
Provare per credere. È condivisione di una quotidianità che consente al ministro di Dio di entrare «nel mondo» e ascoltarne le voci: le tensioni padri-figli per un banale ritardo, le uscite del Grande Fratello, qualche stanchezza nel rapporto di coppia.
Ma stappando il vinello d’occasione si libera lo stress da giornata storta dello stesso parroco, costretto troppo spesso a non mostrare alcuna macchiolina sull’abito da super-don.
Arricchito nella sua fragilità, il parroco s’immerge nella cura-famiglia, si fa ascoltare, consolare se occorre. E offre nello stesso tempo quel personale risvolto d’umanità che nulla toglie al suo specifico operare «in persona Christi», richiamo dell’Anno Sacerdotale. Il quale è davvero «circostanza provvidenziale» - come auspicava il card. Bagnasco nell’ultima prolusione - se ci lascia in eredità anche quest’attenzione alle relazioni infrasettimanali con i nostri preti, che finisce per esaltare la complementarietà delle due vocazioni, sacerdotale e coniugale.
Anzi, a proposito di vocazione, chissà che essa non possa diventare un tema teologicamente «narrato» davanti al dessert alla domanda «ma tu come sei diventato prete?». E perché non estendere almeno una tantum l’invito a cena anche ad un seminarista che possa immergersi all’interno di una famiglia italiana media.
Mission impossible, il prete dal posto fisso a cena? Basta non farsi condizionare dal brusio altri parrocchiani (anzi: «perché non lo invitate anche voi?») o dal chiacchiericcio tipo fiction su don Matteo: massima libertà, di fare, accettare o rifiutare l’invito.
Ma quella conversazione casalinga conclusa dal budino - in molti lo hanno già sperimentato - diventa uno spazio di «formazione permanente» per il prete, modello frugale di «aggiornamento in servizio». E antidoto alla solitudine segnalata dal prof. Giorgio Campanini in una lettera ad Avvenire sulla prevenzione della pedofilia: «Alla fine ritengo che la grande "ricetta" sia quella dell’amicizia e della vicinanza. Assicurare a presbiteri e religiosi autentiche amicizie laicali - maschili e femminili - è il migliore antidoto contro la presenza di un male con il quale anche la Chiesa, anzi soprattutto essa, è chiamata a misurarsi».

Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Diego Andreatta

Diego Andreatta, classe 1962, laureato in sociologia a Trento (dove è nato, vive e va in montagna), dal 1987 è giornalista professionista. È direttore del settimanale diocesano Vita Trentina e dal 1996 corrispondente di Avvenire. Sposato con Chiara, ha cinque figli che gli offrono preziose informazioni  sulla vita e sulla fede oggi. 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it