Nell'arte
Farsi carico di Gesù per essere Santi
di Gian Carlo Olcuire | 01 novembre 2016
Il detto medievale, attribuito a Bernardo di Chartres, secondo cui «siamo come nani sulle spalle di giganti», sarebbe ribaltato, perché il vero gigante è chi sta sopra: è lui a vedere più lontano di noi ed è lui a elevarci a Dio.

Cristoforo


SAN CRISTOFORO, CON SAN ROCCO E SAN SEBASTIANO

Lorenzo Lotto, 1532-33, Loreto, Museo Antico Tesoro della Santa Casa

«Beati voi, quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi per causa mia. Rallegratevi ed esultate, perché grande è la vostra ricompensa nei cieli». Mt 5,1-12a

 

Facciamo fatica a riconoscerli, i santi. È per questo che, sugli altari delle nostre chiese, gli artisti fissano un loro tratto distintivo, il più spettacolare. Così S. Sebastiano è sempre trafitto da frecce (anche se non morì a causa loro), S. Caterina d'Alessandria è posta accanto a una ruota dentata, S. Pietro da Verona ha un coltello conficcato in testa, San Rocco mostra sulla coscia il bubbone della peste, S. Lucia tiene in mano un piattino con due occhi, S. Agata i seni recisi, S. Bartolomeo la pelle di cui fu scuoiato, ecc.

E poiché il destino dei santi è d'essere irrisi non solo in vita, c'è chi - come il commediografo Alan Bennett - annota gongolante: «Il fatto che i santi non possano mai separarsi dagli strumenti del loro martirio e se li debbano portare appresso in ogni quadro è il sintomo di una grave insicurezza relazionale».

Invece è proprio una relazione, quella messa in evidenza dalle opere d'arte: perché i santi - come il S. Cristoforo del quadro del Lotto - si sono rapportati a Gesù facendosi carico di lui.

In effetti, qualcosa di ridicolo S. Cristoforo ce l'ha. Anzitutto il gigantismo, conservato nelle rappresentazioni (due su tutte, da andare a vedere: a Gemona, sulla facciata del Duomo, e a Treviso, nella chiesa di S. Nicolò). Poi il protezionismo improbabile, da quando è diventato - a sua insaputa (succede a molti) - patrono degli automobilisti per aver dato un passaggio a Gesù bambino. Intorno a S. Cristoforo sono nate superstizioni incredibili, messe al bando dalla Chiesa da vari secoli, e può pure essere - come sostengono alcuni - che non sia mai esistito. Nondimeno il suo gesto - di issarsi Gesù in spalla - è il più significativo per dire che cosa fa un santo.

Il detto medievale, attribuito a Bernardo di Chartres, secondo cui «siamo come nani sulle spalle di giganti», sarebbe quindi ribaltato, perché il vero gigante è chi sta sopra: è lui a vedere più lontano di noi ed è lui a elevarci a Dio. A conferma di ciò, esistono affreschi della prima metà del XIII secolo, venuti alla luce a Roma venti anni fa, nell'aula gotica dei Santi Quattro Coronati, dove a portare i santi in spalla sono le virtù. Abbigliate come guerriere (con elmo, camaglio e cintura), esse tengono sotto i piedi i vizi e i loro "campioni", cioè i personaggi storici che li incarnano (da Alessandro Magno a Nerone, da Giuda a Simon Mago). E, contemporaneamente, innalzano santi (alcuni dei quali canonizzati da pochi anni, come S. Francesco e S. Domenico).

Quindi non è vero che i santi non si reggono: se li liberiamo dei pesi di cui li abbiamo caricati, contemplando semplicemente la loro vita e la loro morte nel Signore, sono più che sopportabili. Come Gesù, che di sé disse: «Il mio giogo è dolce e il mio peso leggero» (Mt 11).

 

Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it