Nell'arte
Chiedere giustizia, la preghiera più dolorosa
di Gian Carlo Olcuire | 16 ottobre 2016
I terribili dubbi agitati dopo Auschwitz e Hiroshima, oppure dopo una strage, un terremoto, la morte di un bambino... Non c'è come l'ingiustizia a far vacillare la fede

16 ottobre

 

LA LIBERAZIONE DI SAN PIETRO DAL CARCERE

(Raffaello Sanzio, 1514, Città del Vaticano, Stanza di Eliodoro)


«Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti...? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell'uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?» (Lc 18,1-8)

 

Delle somiglianze tra la parabola del giudice ingiusto e quella dell'amico importunato, abbiamo già riferito. Entrambe insistono sul fidarsi di Dio. Tuttavia la storia del giudice ha due aspetti originali: il primo riguarda il rapporto tra il giudice e il fare giustizia; il secondo, il rapporto tra il fedele e l'aver fiducia. Rapporti che dovrebbero essere ovvi, automatici, eppure non lo sono.

Infatti, nel racconto, c'è qualcosa in più di un richiamo alla perseveranza nella preghiera: c'è una richiesta forte di fare giustizia (tant'è che questo verbo torna quattro volte). Si tratta della preghiera più dolorosa: quella di chi, avendo subìto un grave torto, ha bisogno di riparazione in tempi rapidi. E, non ricevendola, potrebbe essere tentato di credere che «Dio non c'è», che «non s'è mosso», che «non ci ascolta»: i terribili dubbi agitati dopo Auschwitz e Hiroshima, oppure dopo una strage, un terremoto, la morte di un bambino... Non c'è come l'ingiustizia a far vacillare la fede.

Ciò che sorprende è che Gesù lo sa: sa, cioè, quanto sia forte la tentazione di pensarsi abbandonati (per questo domanda se troverà la fede sulla terra). E ciò che si scopre, alla fine della parabola, è paradossale: un giudice ingiusto può fare giustizia, mentre un credente può smettere di credere.

La scelta di quest'opera è dovuta al forte legame tra la preghiera e la miracolosa liberazione di Pietro: ricordano gli Atti degli Apostoli che «mentre Pietro era tenuto in carcere, dalla Chiesa saliva incessantemente a Dio una preghiera per lui» (12,5). E che, anche dopo la sua liberazione, «molti erano riuniti e pregavano» (12,12).

Raffaello, invece di accontentarsi di un unico quadro, racconta (forse con l'intento di dare più peso alla prigionia di Pietro). E divide la storia in due momenti, con tre scene: in quella centrale l'angelo scuote dal sonno Pietro, «piantonato da due soldati e legato con due catene»; a sinistra, due guardie danno ben altro risveglio ai colleghi (che fan parte dei «quattro picchetti di quattro soldati ciascuno», a cui il re Erode ha consegnato Pietro in custodia); a destra si vedono l'angelo e Pietro, ormai libero ma ancora convinto di «avere una visione», mentre stanno per oltrepassare due sentinelle addormentate.

In quei giorni drammatici, poco prima di far catturare Pietro, Erode Agrippa aveva fatto uccidere di spada uno dei Dodici: il fratello di Giovanni, Giacomo. Ed è un suo omonimo, autore di una lettera riportata dalla Bibbia, a soffermarsi (Gc 4) sulla mancanza di preghiera dei cristiani («Non avete perché non chiedete») e sulla preghiera malfatta («Chiedete e non ottenete, perché chiedete male, per soddisfare cioè le vostre passioni»).

 

 

Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it