Nell'arte
Lavare i piedi gli uni agli altri
di Gian Carlo Olcuire | 02 ottobre 2016
Non potrebbe essere utile meditare, oltre che sui "servi inutili", anche sui "servizi inutili"? E sul rischio di idolatrare qualunque servizio?

2 ottobre

«LAVARE I PIEDI GLI UNI AGLI ALTRI»

(mosaico, XII secolo, Venezia, Basilica di San Marco)

 

«Dite: "Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare"» (Lc 17,5-10)

 

Gli apostoli chiedono un aumento di fede. Manco fosse una dotazione di cui disporre o una medaglia da esporre. Non sembra contento, Gesù, e forse annusa una tentazione: che la fede, invece di far parte di loro, venga intesa al pari di un accessorio. Un qualcosa di esterno, che si può potenziare... anche perché può tornare utile, come un terreno che dà una rendita di posizione. Facendo pure sentire privilegiati, se lascia seduti a tavola e dispensa dal faticare.

Il rischio è di scordare ciò che siamo: servi sempre disponibili, impegnati ogni giorno a rendere la vita di tutti più bella e più leggera. In quest'ottica, l'aggettivo «inutili» (riferito da Gesù ai servi) è da intendere come «inutilizzati», non come «incapaci, inadatti, non all'altezza». Servi, dunque, che, avendo finito il lavoro, sono pronti a rimettersi all'opera. È normale, per chi non è ancora utilizzato, offrirsi: «Eccomi, sono libero... Disponi di me». Senza mettersi a tavola anzitempo e senza aspettare ricompense. Come fece Gesù, che «non ritenne un privilegio l'essere come Dio, ma svuotò se stesso assumendo una condizione di servo» (Fil 2).

Per questo è opportuno rivedere il momento più alto di Gesù servo, quando si abbassa a lavare i piedi ai suoi. Un episodio riportato solo da Giovanni, bypassando il racconto dell'ultima cena. Lì Gesù non dà solo l'esempio, ma chiede espressamente d'essere preso a esempio: «perché anche voi facciate come io ho fatto a voi» (Gv 13).

Quest'icona del servizio - da appendere nella stanza di quanti ricoprono un ruolo nella Chiesa - fa memoria di due movimenti del Signore: alzarsi da tavola e abbassarsi, facendosi ultimo. Per questo mette in risalto - anziché i segni del comando - gli attrezzi del servo, cioè l'unica dotazione necessaria al cristiano: l'asciugatoio e il catino. Oggetti umili, che raccolgono le sporcizie umane, le debolezze, le bassezze. Le puzze, direbbe papa Francesco. Il vescovo Tonino Bello li prese a simbolo, quando - parlando di Chiesa del grembiule - domandò: «Noi a chi laviamo i piedi?» (e proseguì constatando tristemente: «Noi lucidiamo le scarpe alla gente, quando abbiamo bisogno di qualcosa»).

Nel mosaico veneziano, dove l'abito di Gesù ha i colori dello sfondo per far emergere l'asciugatoio, emerge - curiosamente - anche l'acqua, debordando dal catino (è così anche nel monastero di Ossios Loukas, in Beozia). Seppure sbagliata o illogica (come il cielo dei disegni dei bambini, messo in alto perché sentito superiore), non si può credere - dalla qualità dell'opera - che i mosaicisti fossero incapaci di una rappresentazione corretta: che fosse un modo per farci vedere l'acqua e non compiacerci del catino?

Va pure notata un'altra cosa: il gesto di Pietro a indicare la testa («Non solo i miei piedi, ma anche le mani e il capo!»). Che non si tratti di un dettaglio inutile, è provato dal fatto che venga spesso ricordato dagli artisti che si sono cimentati con la lavanda dei piedi.

Gesù risponde che «chi ha fatto il bagno, non ha bisogno di lavarsi se non i piedi ed è tutto puro». Certamente lo dice in funzione di Giuda, al quale è indirizzata l'espressione successiva: «Ma non tutti siete puri». Siamo però sicuri che Gesù volesse dire solo quello? L'espressione «non ha bisogno», non potrebbe innescare una riflessione sui servizi di cui non c'è bisogno? Non potrebbe essere utile meditare, oltre che sui "servi inutili", anche sui "servizi inutili"? E sul rischio di idolatrare qualunque servizio?

 

03/10/2016 19:37 Luca Crippa
Non so se colgo la sana provocazione dell'autore dell'articolo, ma a proposito di "servizi inutili" e di "servizi da non idolatrare" direi che il valore da recuperare nella Chiesa - oggi e sempre - è quello del primato della scelta e della chiamata di Dio proprio nella carità, il servizio più importante.
Quante iniziative - pur lodevoli - prendono avvio più da un'intuizione (o da un'emozione) umana che da una concreta chiamata di Dio! E quando accade questo, spesso quelle iniziative seguono un'inesorabile parabola prima ascendente (entusiasmo) e poi discendente (demotivazione, stanchezza, insoddisfazione, divisioni...).
È Lui, dovremmo ripeterci, che sceglie per noi i poveri da servire, cioè quelli che effettivamente ci fa incontrare, quasi "inciampandoci addosso", come accade al buon Samaritano del vangelo: non il fondatore di una onlus, ma un semplice essere umano dotato di sensibilità (e di abilità e di mezzi, non lo dimentico) per aiutare.
Il servizio certamente utile è quello al prossimo. Questa umile disponibilità accetta anche tempi inoperosi, ma dedicati a ascoltare, osservare, scoprire il segreto dei cuori, i bisogni del vicino (spesso in casa tua). La carità, insomma, ti viene a cercare: non temere di doverla "costruire".
Poi, quando rispondi e la fai, falla bene, con tutti i mezzi davvero possibili e senza mai ritrovarti a recriminare perché il Signore ti ha "chiesto troppo". Il Signore ci chiede nella misura che abbiamo.

Luca Crippa



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it