Nell'arte
Il ricco senza nome e il povero Lazzaro
di Gian Carlo Olcuire | 25 settembre 2016
La ricchezza rende ciechi: senza bisogno di odiare l'altro, è sufficiente non vederlo o essergli indifferenti per erigere un muro invisibile, capace di impedire ogni relazione

lazzaro


IL RICCO SENZA NOME E IL POVERO LAZZARO

(1110-30, Moissac, Abbazia di San Pietro)


«Figlio, ricòrdati che, nella vita, tu hai ricevuto i tuoi beni, e Lazzaro i suoi mali; ma ora in questo modo lui è consolato, tu invece sei in mezzo ai tormenti» (Lc 16,19-31)

 

Sullo sfondo della parabola, è sempre la ricchezza... a farla da padrone. Stavolta per la sua capacità di mettere distanze. «La ricchezza rende ciechi», scrive Bruno Maggioni: senza bisogno di odiare l'altro, è sufficiente non vederlo o essergli indifferenti per erigere un muro invisibile, capace di impedire ogni relazione.

Il ricco viene talvolta soprannominato epulone, cioè mangione, perché banchettare è ciò che sa fare meglio. Tuttavia, nella parabola, è privo di nome. Potrebbe egli stesso non averlo mai fornito, proprio per non accorciare le distanze, per un rifiuto di mettersi in comune, di lasciarsi conoscere...

Ed è senza nome anche il suo tenere alla larga i poveri. Non mescolarsi, ritenersi superiori, non sopportare di avere qualcosa in comune (e anzi essere felici di non aver nulla da spartire), pensare di poter percepire uno stipendio o una pensione nettamente più alti, far fare anticamera... se non sono peccati, ne stanno creando il terreno di coltura.

Tra le figure generate dalla parabola del ricco e del povero, alcune si limitano a mostrare il non-rapporto tra i due in vita: da una parte il ricco che banchetta e dall'altra il povero, non ammesso al banchetto e in compagnia dei cani che gli leccano le piaghe.

Altri artisti, invece, danno peso alla seconda parte della parabola, a ciò che avviene dopo la morte dei due. E, in alcuni casi, li utilizzano nei giudizi universali (ad es. a Novacella, Torcello, Otranto, Soleto, Istanbul ecc.), come spunto per rappresentare la divisione tra eletti e dannati.

Il bassorilievo di Moissac (cittadina situata su uno dei cammini verso Santiago di Compostela, nella Francia meridionale), mostra quattro tempi della storia raccontata da Gesù. Procedendo da destra verso sinistra, dapprima incontriamo i due protagonisti nell'al di qua: vicini fisicamente, eppure separati da una parete. Subito dopo, un angelo - accanto all'albero della vita - porta in cielo l'anima di Lazzaro. Più in là è Abramo, con Lazzaro in grembo, e infine Abramo da solo, nell'atto di pronunciare le parole della Scrittura.

Che sono durissime. Perché, dagli inferi, il ricco finalmente vede il povero. E supplica Abramo affinché Lazzaro, bagnatasi la punta del dito, vada a bagnare la lingua a lui. Gli basta pochissimo, ora. Ma il padre nella fede, pur chiamandolo «figlio», gli risponde in sostanza: «E come si fa? Non vedi l'abisso che c'è tra noi e voi?». Così, senza nominare la ricchezza, ne fa notare i frutti.

 

26/09/2016 08:50 Pietro Buttiglione
Se mi si garantisse di esistere ancora dopo la morte... io firmerei!
Cosa peggio di NON-esistere?
Vivere a che serve se non riesco neanche ad avere un NOME?
E se nella vita non ho vere relazioni, come scrive Santa, se non realizzo la mia trascendenza, se vivessi come una bestia o come una indifferenza totale..avrei ancora un NOME? E senza un NOME che senso ha esistere ancora??



25/09/2016 22:25 Santa
L'assenza della relazione con Dio produce l'incapacità di relazionarsi con gli altri. Il ricco non ha un nome perché non sente la necessità di relazionarsi con l'altro, di comunicare con l'altro....
Il povero ha un nome perché cerca di entrare in relazione con l'altro, anche se dalla relazione riceve solo le briciole -e a volte neanche quelle -
L'uomo ha un nome, cioè rivela la sua identità di persona quando entra in relazione con gli altri



25/09/2016 15:22 PietroB
Il Papa stamane sottolineava l'atteggiamento di supponenza, chiusura su se stesso del ricco... atteggiamento cge conserva anche post-mortem
Cosa dici.. il senza nome non suona già come condanna implicita.. ne percepisci la tragicità...? Quasi non-umano! Rabbrividisco!



Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it