Nell'arte
La vertigine della sequela
di Gian Carlo Olcuire | 04 settembre 2016
Il fascino del viandante è nel suo essere sospeso: tra paura e coraggio, tra voglia di lasciar perdere e voglia di osare. Ma anche la scelta di seguire Gesù o di non seguirlo è vertiginosa per chiunque

Friedrich

 

VIANDANTE SUL MARE DI NEBBIA

(Caspar David Friedrich, 1818, Amburgo, Hamburger Kunsthalle)

 

«Chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi, non può essere mio discepolo» (Lc 14,25-33)

 

In assenza di figure dedicate a questa pagina di Vangelo, per una volta ricorriamo all'arte profana. Con un'opera assai utilizzata per rappresentare l'uomo moderno (alla pari con "L'urlo" di Munch, "Guernica" di Picasso, "Il pensatore" di Rodin, "La grande onda" di Hokusai, ecc.).

Il fascino del viandante (la cui silhouette favorisce l'immedesimazione) è nel suo essere sospeso: tra paura e coraggio, tra voglia di lasciar perdere e voglia di osare, tra consapevolezza dei propri limiti e consapevolezza delle proprie capacità. La scelta di seguire Gesù o di non seguirlo è vertiginosa per chiunque, non solo per chi avverte la vocazione alla vita religiosa. Ed è giusto che venga accostata a una grande impresa: dura, insidiosa e, insieme, di altissimo profilo.

Che sia tale si capisce pure dai due personaggi citati da Gesù, assimilabili a un'archistar e a un capo di Stato odierni, ciascuno dei quali è attratto da un progetto ambizioso (nel primo caso, un grattacielo; nel secondo, una vittoria sul nemico). A loro carico è il rischio d'impresa (con l'eventualità del fallimento, se non calcolano bene le forze). E fare un passo indietro potrebbe essere saggio.

È immaginabile che il viandante di Friedrich, dopo essere stato seduto a valutare, si sia appena rimesso in piedi e stia per fare la scelta migliore. Quella che auguriamo ai giovani, con l'aggiunta di alcune parole suggerite - in una recente intervista - dall'attrice Laura Morante: «Nessun fallimento è una tragedia. Invece non aver tentato, può esserlo».

A loro auguriamo di incontrare dei santi sacerdoti, come molti di quelli da noi conosciuti in gioventù, che - ispirati dalla pedagogia di Gesù - organizzavano campiscuola in montagna, insegnandoci, davanti alle vette, a non essere temerari né timorosi. E a liberarci dalle zavorre («Chiunque di voi non rinuncia a tutti i suoi averi...»).

 

04/09/2016 11:07 PietroB
G.Carlo legge "Averi" e scrive "Zavorre".....
Poco fa in Chiesa ho udito "Averi" ed ho visto tutte quelle cose inutili che spesso riempiono ( zavorre) il mio tempo.
Può definirsi MALE un sodoku? Un programma TV? Un sito web che ti prende tanto tempo? FB, magari VN?
Secondo etica std NON sono male, ma se ti tolgono tempo x Lui, se lasciano turba.mente ecco che sono tuoi 'averi', anzi zavorre, magari ostacoli alla sequela di cui parla G.Carlo. Lo capisco, ma ne ho coscienza, anzi:
con sapevol ezza??



Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it