Nell'arte
Il regalo del Figlio alla Madre
di Gian Carlo Olcuire | 15 agosto 2016
Abituati a tante Madonne col Bambino in braccio, è straordinario, quasi surreale, assistere a questo scambio: Gesù adulto mentre solleva la piccola Maria

15 agosto

 

LA "DORMITIO VIRGINIS"

(prima metà del XII secolo, Palermo, Chiesa di S. Maria dell'Ammiraglio o della Martorana)

 

«L'anima mia magnifica il Signore e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore, perché ha guardato l'umiltà della sua serva» (Lc 1,39-56)


Anche se la Dormizione e l'Assunzione di Maria non sono termini coincidenti, alle Assunzioni dell'arte preferiamo le opere che rappresentano il momento del trapasso della madre del Signore, in particolare quelle degli artisti dall'XI al XIV secolo. Che presentano uno stesso schema iconografico, con poche varianti: di solito Maria è al centro, adagiata su un letto e assistita dagli apostoli tristi, con San Pietro e San Paolo sempre riconoscibili. Talvolta, piegato su di lei, che lo ebbe come figlio in affido dallo stesso Gesù, si vede San Giovanni. Dietro la Vergine, uno stuolo di angeli e il Signore raccolgono la sua anima, raffigurata come una bimba in fasce, per portarla in cielo.

Abituati a tante Madonne col Bambino in braccio, è straordinario, quasi surreale, assistere a questo scambio: Gesù adulto mentre solleva la piccola Maria (più che sorreggerla, infatti, pare proprio che la stia innalzando). E sembrerebbe un'Assunzione, senonché si è smesso di rappresentarla in tale modo, perché Maria, «terminato il corso della vita terrena, fu assunta alla gloria celeste in anima e corpo»: così recita il dogma proclamato da papa Pio XII nel 1950. In altre parole, anche il corpo della Madonna - non solo l'anima - è stato assunto in cielo: già preservato dal peccato, è stato preservato pure dalla corruzione.

Sbagliavano, dunque, gli artisti. Ciononostante, riuscivano a commuoverci quando immaginavano questo regalo del figlio alla Vergine madre: venirla a prendere nel momento del suo addormentarsi. D'altra parte esistono, nell'arte, altri omaggi di Gesù a Maria a dispetto delle Scritture: ricordiamo un'Ultima Cena del Beato Angelico in cui Maria è presente e varie apparizioni del Risorto a sua madre (Rogier van der Weyden, Filippino Lippi, El Greco, Guido Reni...).

Infine ci piace rilevare come Dante - per la preghiera alla Vergine, pronunciata da San Bernardo nel XXXIII Canto del Paradiso: «Vergine madre, figlia del tuo figlio...» - sia stato certamente ispirato dagli artisti. Non solo dall'ignoto mosaicista bizantino che lavorò alla Martorana di Palermo, ma, prima di lui, da Bonanno Pisano, che già nel 1180-81 scolpì la Dormitio in una porta del Duomo di Pisa, e poi da Cimabue, Cavallini, Torriti, Giotto, Duccio, contemporanei di Dante... Anche loro, come molti Vangeli di queste domeniche, hanno voluto soffermarsi a celebrare l'umiltà dei servi del Signore (vedi Magnificat) e la certezza del premio del Signore per chi lo serve.

 

 

 

15/08/2016 22:59 Lorenzo M.
Ma non dovremmo stupirci di queste situazioni surreali. Era un paio di domeniche fa che leggevamo di un padrone di casa che rientra dalle nozze.
Dovrebbe appartarsi con la sposa, invece si cinge le vesti e passa a servire i dipendenti.
Ah, sì.... perché la sposa è proprio la comunità di quei servi fedeli.
Surreale questo cristianesimo, eppure risponde alle nostre attese più profonde.



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it