Nell'arte
Il servo fedele e la sua ricompensa
di Gian Carlo Olcuire | 07 agosto 2016
Un regno dove tutti sanno essere servi, oltre a costituire una mancia gigantesca, è un regalo impegnativo. Come quell'arte che si chiama amicizia

scorzelli

 

LA MORTE DI SIMEONE

(Lello Scorzelli, 1968-71, Città del Vaticano, Basilica di San Pietro,
Porta della Preghiera, particolare del pannello del Nunc dimittis)


«Siate pronti, con le vesti strette ai fianchi e le lampade accese... Tenetevi pronti perché, nell'ora che non immaginate, viene il Figlio dell'uomo» (Lc 12,35-40)

Ancora una parabola, quella dei servi che vigilano. Con un padrone che arriva all'improvviso e, trovando svegli i servi, si mette a servirli a tavola (un'immagine fantastica, dimenticata dagli artisti!). Poi una seconda parabola, brevissima, dove è un ladro ad arrivare senza preavviso. In ogni caso - che la sorpresa la faccia il padrone o che la faccia il ladro - l'importante è non farsi cogliere in pigiama e pantofole, ma attenti, reattivi, capaci di rendersi subito utili.

L'opera scelta, che non illustra tali racconti, è per evocare due elementi in esse presenti: il servo fedele e la sua ricompensa. Rappresenta Simeone, «uomo giusto e pio», che, sentendosi premiato dall'aver potuto vedere Gesù, può cantare: «Ora lascia che il tuo servo vada in pace, secondo la tua parola, perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza...» (Lc 2).

Il fatto che Simeone poi muoia, non significa che sia la morte la protagonista delle parabole di oggi e che il nostro vigilare sia per timore del giudizio finale. Le vesti strette ai fianchi, tipiche di chi lavora e di chi cammina, sono lì a dire di guardarsi dal pericolo della sedentarietà; le lampade accese, dal pericolo della rilassatezza. Dopo il richiamo di domenica scorsa a farsi uno zaino leggero, eccone un altro a ricordare che c'è ancora tanto da fare e da camminare.

La figura del padrone che si mette a servizio è la beatitudine massima che Gesù garantisce a chi gli è fedele: un premio di consolazione talmente grande che, per una volta, invece d'essere secondario, è quello principale. L'abolizione della servitù, o, meglio, un regno dove tutti sanno essere servi, oltre a costituire una mancia gigantesca, è un regalo impegnativo. Come quell'arte che si chiama amicizia: «Non vi chiamo più servi, perché il servo non sa quello che fa il suo padrone; ma vi ho chiamato amici, perché tutto ciò che ho udito dal Padre mio l'ho fatto conoscere a voi» (Gv 15,15).

 

 

Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it