Nell'arte
Il tesoro dello stolto
di Gian Carlo Olcuire | 31 luglio 2016
Il ricco di Rembrandt ricorda un po' lo Scrooge del racconto di Dickens e sarebbe fin troppo facile dargli dell'avaro. Ma, più che questo peccato, è la stupidità il bersaglio di Gesù

Rembrandt

 

IL RICCO STOLTO

(Rembrandt, 1627, Berlino, Gemäldegalerie)

 

«Tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell'abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede» (Lc 12,13-21)

 

Questa del giovane Rembrandt è una delle rare opere che prova a dare forma alla parabola odierna. Vi si vede un ricco, sommerso di carte e al lume di una candela, concentrato nell'osservazione/adorazione di una moneta.

Ricorda un po' lo Scrooge del racconto di Dickens e sarebbe fin troppo facile dargli dell'avaro. In realtà, più che questo peccato, è la stupidità il bersaglio di Gesù: da lui viene un monito più illuministico che moralistico, poiché la stoltezza dipende dallo scarso utilizzo dell'intelletto di cui siamo dotati.

Stolto - nel caso in questione - è dipendere dai propri tesori, che, per quanto non siano fatti d'oro e di pietre preziose, sono pur sempre cose a cui si dà grande valore. Stolto è mitizzare la roba (casa, soldi, auto, moto, libri, quadri...) e stolto è passare la vita a desiderarla, a cercarla, ad accumularla.

Un messaggio simile, se vogliamo, ci viene rammentato - anche in forma spiritosa - dai proverbi (ad es. «La cassa da morto non ha tasche»), dai comici (come l'americano Steven Wright: «Non puoi avere tutto. Dove lo metteresti?») e persino dalle scritte murali («Le cose belle della mia vita non sono cose»). Ma, rispetto a tali forme di saggezza, Gesù aggiunge un'osservazione: che chi accumula tesori per sé rischia di non arricchirsi «presso Dio». È lì, «presso Dio», la meta della caccia al tesoro più bella, quella a cui dobbiamo ancora iscriverci.

Dunque, anziché star dietro alle cose, per servirle, è meglio porsi davanti ad esse, da padroni, felici di metterle a disposizione. Tornano in mente le parole scritte da don Maurizio Patriciello, poco più di un mese fa, in morte di un boss mafioso: «Che peccato lo sciupìo di un'intelligenza che non ha saputo farsi cultura, impegno, passione per migliorare se stesso, la Sicilia e l'Italia... Si è spento lentamente. Solo. Senza le coccole che i vecchi ricevono dai loro nipotini. Senza la compagnia dei vecchi amici che richiamano alla memoria i tempi passati. Senza il conforto della coscienza che ti dice: "Hai agito per il bene. Devi esserne orgoglioso. Al di là di quello che la gente pensa o capisce. Hai creduto in Dio, adesso lo vai a godere per l'eternità"» (Avvenire, 14.7.2016).

 

Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it