Nell'arte
L'amico importuno
di Gian Carlo Olcuire | 24 luglio 2016
È originale il modo inventato da Gesù per spingerci a pregare. È come se, dopo tante chiamate, fosse lui a dire: «Chiamami tu. Guarda che non mi scomodi. Che ho bisogno della tua amicizia. Non dimenticarmi»

 

L'AMICO IMPORTUNATO

(John Everett Millais, 1864)

 

«Chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. Perché chiunque chiede riceve e chi cerca trova e a chi bussa sarà aperto». (Lc 11,1-13)

 

Non essendo facile trovare opere d'arte per questa pagina di Vangelo, era già pronto un simbolo: un Gesù in ginocchio nell'orto degli ulivi. Col quale si sarebbe rimasti in tema, parlando della preghiera ma bypassando la parabola (che invece ha un valore). Finché è spuntata l'incisione di un pittore inglese, che ha il merito di farci fermare su un racconto scarsamente citato.

Dopo aver insegnato come pregare («Quando pregate, dite...»), Gesù raccomanda di farlo con invadenza, senza paura di disturbare, e con fiducia, senza stancarsi. Perché dall'altra parte c'è chi ascolta e non nega mai il dono dello Spirito.

Gesù ricorre alla storia dell'amico importunato, che - come la parabola del giudice infastidito (Lc 18) - ha per protagonista non tanto un personaggio positivo, quanto piuttosto uno che cede per sfinimento. Ed è per questo che sono due parabole in ombra, non troppo amate: al posto dell'eroe, del "buono" da emulare (vedi il samaritano di due domeniche fa), c'è uno che decide di fare una buona azione perché pressato.

Tra l'altro, se nella parabola odierna il personaggio principale - quello che dà i pani - è un amico, nella parabola del giudice è un tipo davvero sgradevole, che non ha timore di nessuno ed è pure disonesto. Ciò che scompone noi, però, non scompone minimamente Gesù, a cui interessa solo impiegare questo meccanismo retorico: «Se persino chi è cattivo sa dare cose buone... a maggior ragione Dio...». Per mostrare, in analogia a un comportamento umano, che, quando Dio fa lo stesso, fa «molto di più».

Presente in entrambe le parabole suddette e utilizzato più volte, nella lettera ai Romani (cap. 5), anche da San Paolo, tale procedimento non ha grande successo tra noi. Allo stesso modo, ci serviamo raramente di immagini forti e "brutte" (come quella del giudice). Pare quasi di far peccato a usarle, mentre Gesù - che ci insegna pure a comunicare - non le teme ed è spigliato nell'utilizzo di parole e figure, pur di farle giungere a destinazione. Osiamo immaginare che gli scapperebbe un sorriso, dopo aver letto il titolo politically correct della parabola "dell'amico importunato" (a cui lui avrebbe dato ben altro titolo...).

Consideriamo quanto è originale il modo inventato da Gesù per spingerci a pregare. È come se, dopo tante chiamate, fosse lui a dire: «Chiamami tu. Guarda che non mi scomodi. Che ho bisogno della tua amicizia. Non dimenticarmi». Ricordando, insieme, la sana fretta che mette Isaia: «Cercate il Signore, mentre si fa trovare, invocatelo, mentre è vicino» (55,6).

 

24/07/2016 09:09 PietroB
Ci sono i contenuti, ben dispiegati da G.C., mi soffermo sulla forma.
IMHO la forma prevale x vari motivi, ma nn posso riportare la vasta critica biblica.
Mi sta a cuore che essa significhi meglio ( di ogni regola😃 ) COME ci vorrebbe Gesù, la semantica profonda del ns comportamento.
Non chi è o era, ma cosa sta facendo hic et nunc.
Operare a monte una scelta delle cose importanti. Vorrei tornare su quel "dare RAGIONE" che probabilmente non traduce bene (( sapete che se si ricostruisce l'aramaico originale molti passi si tras-formano?😆)).. Propongo " date SPIEGAZIONE di..." Ho sempre inteso qs versetto come un invito ad essere TRASPARENTI verso chiunque altro ti chieda il PERCHÉ. Così dovremmo essere tutti, senza secondi fini, ipocrisie nascoste, tipo corruzioni, riciclo di valuta, copertura di pedofili... Per parlare di cose grosse orripilanti... ma in realtà se fossimo nella forma che Lui ci vuole rifulgiremmo di luce ( la Sua ) e davvero credete che le Persone ci sceglieranno x le ns regole e regolucce? O per la ns 'forma', luce??



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it