Nell'arte
Contemplare chi contempla
di Gian Carlo Olcuire | 17 luglio 2016
Su che cosa sieda Maria, poco importa. Importa la sua voglia di cose alte, sfidando chi le rinfaccia la sua inutilità, la sua improduttività, il suo sfruttamento del lavoro altrui

17 luglio

 

IN CASA DI MARTA E MARIA

Jan Vermeer, 1664-65, Edimburgo, National Gallery of Scotland

 

«Marta, Marta, tu ti affanni e ti agiti per molte cose, ma di una cosa sola c'è bisogno» (Lc 10,38-42)


Come tanti quadri, anche questo avrebbe bisogno di didascalia o, meglio, di qualcuno ad affiancargli il testo del Vangelo, perché l'immagine, da sola, non è abbastanza esplicita. Vanno infatti ricordate la lamentela di Marta («Non t'importa nulla che mia sorella mi abbia lasciata sola a servire? Dille che mi aiuti») e la replica di Gesù («Maria ha scelto la parte migliore, che non le sarà tolta»).

Dunque, benché ogni sorella abbia le proprie buone ragioni, Gesù è di parte. Condizionando pure noi a esserlo, così che i nostri occhi restano bassi, a contemplare colei che contempla, non colei che lavora. Mentre anche da Marta ci sarebbe da imparare molto.

In quasi tutte le opere che ritraggono le due sorelle, una appare indaffarata, quindi a mani occupate e in piedi. L'altra è in ascolto, a mani libere e seduta. Spesso nemmeno su una sedia, ma in terra o su uno sgabello, a sottolineare un piano più basso rispetto a quello di Gesù. Dare ascolto, oltre che impegnativo, comporta in qualche modo un "sottomettersi", ritenendo superiore chi si ha di fronte. Ed evoca ciò che più tardi scriverà Paolo: «Cercate le cose di lassù... rivolgete il pensiero alle cose di lassù...» (Col 3).

Che cosa ci suggerisce Maria? Che ogni tanto, come lei, dovremmo mollare tutto, fermarci e sederci. Perché è l'unico modo per dare ascolto, per dare valore, per dire «Che bello» a ciò che è bello... E - vogliamo aggiungere - per compiacerci della strada percorsa, guardando gli anni passati insieme (una coppia di amici, nel XXV di matrimonio, ha regalato agli invitati una piccola sedia d'argento: un richiamo a non dimenticarsi del bello, anzi a obbligarsi a guardarlo, in una vita sempre di corsa).

Su che cosa sieda Maria, poco importa. Importa la sua voglia di cose alte, sfidando chi le rinfaccia la sua inutilità, la sua improduttività, il suo sfruttamento del lavoro altrui.

Maria ha poi da fare i conti con un secondo avversario: cioè chi si appoggia alla sua bellezza spirituale per nobilitarsi (o attutire la propria bruttezza).

Son cose che succedono anche nell'arte: dalla metà del Cinquecento al primo quarto del Seicento, questo soggetto è stato scippato da una pittura di genere che lo usava come sfondo, mettendo in primo piano un trionfo di cibi: quarti di bue, cacciagione, pollame, pesci, frutta, verdura... Con una celebrazione così smaccata della materia, che gli artisti - quasi per chiedere scusa - lasciavano allo spirito un angolino: dove collocavano Gesù e le sorelle di Betania, a malapena visibili. Un dipinto nel dipinto (giusto per fare qualche nome: gli italiani Vincenzo Campi e Jacopo Bassano, coi suoi familiari, i fiamminghi Aertsen e Beuckelaer...).

Tale moda arrivò a contagiare persino un grande come Velázquez. Per fortuna l’ambiente di Vermeer, di poco successivo, è tornato sobrio e l’unica concessione alla materia è il pane nella cesta. Le cose che contano sono nuovamente in primo piano e fa piacere vedere Gesù in una dimensione privata, ospite in casa di amici.

17/07/2016 09:34 PietroB
Contemplare è cristiano, ben più e meglio che non meditare.
Nel dipinto vedo una"circol-azione" fluire tra i tre personaggi per ri-posarsi su Maria e contemplare la grandissima umanità di Gesù, nel suo sguardo, nel suo indice... Nella sua bocca che anch'essa indica... si badi bene! senza distruggere la buona Marta! L'altra ha scelto il "meglio", Marta ha scelto il buono comunque ... (( anche allora vivere era m e d i - a z i o n e 😍😘))



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it