Nell'arte
Un presepio di trent'anni dopo
di Gian Carlo Olcuire | 03 luglio 2016
Un bambino che non è più bambino finalmente parla. E Rouault lo coglie mentre sta mandando due dei suoi in cerca degli uomini, nelle loro strade

Rouault

 

CRISTO NELLE PERIFERIE

(Georges Rouault, 1920-24, Tokyo, Bridgestone Museum of Art)

 

«Non rallegratevi... perché i demoni si sottomettono a voi; rallegratevi piuttosto perché i vostri nomi sono scritti nei cieli» (Lc 10,1-12.17-20)

 

Potrebbe essere un presepio di trent'anni dopo, con un bambino che non è più bambino e finalmente parla. Qui colto mentre sta mandando due dei suoi in cerca degli uomini, nelle loro strade, quando il sole se n'è andato e la speranza vacilla. Perché siano contenti di accendere la luce con la bella notizia che «il regno di Dio è vicino». Da proclamare tanto a chi li accoglierà quanto a chi non li accoglierà.

Gesù faceva lo stesso con le parabole e possiamo immaginarlo con la passione di un cantastorie quando le raccontava. E forse le accompagnava con delle figure, tracciate sulla terra. E magari gli capitava di raccontarle un'altra volta, su richiesta dei bambini. Non convinto che l'unico linguaggio sia l'esempio. Né convinto che, di Dio, «meno si parla, meglio se ne parla».

A onor del vero, Dio non viene mai nominato ma sempre si fa intravedere, in queste storielle prive anche di angeli e di miracoli. Che però rendono l'idea di come il regno sia possibile.

Qualcosa ci dice che tali racconti, che incontreremo spesso nelle prossime domeniche, venissero fatti camminando. A indicare che su nessuno di loro ci si può fermare come se fosse un'immagine definitiva. E per farci sentire, a un tempo, nelle mani di Dio e nei nostri piedi: perché il regno di Dio, più che da sognare, è da raggiungere con delle scelte di vita.

Ci auguriamo una ripresa d'interesse verso le parabole, che non venivano dette a caso ma al momento giusto. Ad esempio, le tre della misericordia (cioè della pecora, della moneta e del figlio prima perduti e poi ritrovati) sono narrate dopo i pettegolezzi sul Signore che mangiava con i peccatori: per far capire perché Gesù non li vuole perdere, perché li vuole includere e non escludere.

Sono storie che talvolta possono lasciare un po' d'amaro in bocca e non avere il lieto fine. Qualcuna sembra persino inconclusa: quella, bellissima, del padre misericordioso lì per lì finisce bene, ma la felicità per il figlio tornato è oscurata dal figlio che non gioisce... e che non si sa se si riconcilierà col padre e col fratello.

Eppure osiamo pensare che Gesù, come tutti i narratori, si sia anche divertito a raccontarle. E che sovente l'abbia fatto per rallegrare. Di sicuro gli sarà successo con quella dei lavoratori a giornata e dell'ultima ora (Mt 20), che pare confezionata per Pietro, ossessionato dalla ricompensa e da poco rassicurato col discorso del centuplo. Prevedibile lo sconcerto del principe degli apostoli, che avrà sbottato: «Non è possibile! Ma allora guadagniamo tutti la stessa cifra!». È una storia che mostra, come diceva Alberto Sordi, che «a Dio piace scherzare».

 

 

Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it