Nell'arte
Quell'occhio in comune anche col nemico
di Gian Carlo Olcuire | 23 aprile 2016
Le immagini, oltre a riprodurre la realtà, possano aiutarci a sognarla. Dando forma a quei cieli nuovi e terra nuova verso cui tendiamo

24 aprile

 

AMARE I NEMICI

Marko Ivan Rupnik, 2009, Lezionario per le Messe "ad diversa" e votive della Chiesa cattolica italiana

 

«Come io ho amato voi, così amatevi anche voi gli uni gli altri. Da questo tutti sapranno che siete miei discepoli: se avete amore gli uni per gli altri» (Gv 13,31-33a.34-35)

 

Continua, nelle domeniche tra Pasqua e Pentecoste, l'invito a essere una cosa sola, sull'esempio del Padre e del Figlio, dei discepoli e del maestro, del pastore e delle pecore... E quest'opera lo conferma, spingendosi all'amore verso i nemici o, se si pensa di non avere nemici, alla fiducia nelle persone di cui non ci si fida.

A più d'uno sarà venuto in mente il logo dell'Anno della Misericordia, dello stesso autore, che ripropone il motivo dell'occhio in comune tra due volti. Per «guardare insieme nella stessa direzione» (Antoine de Saint-Exupéry).

Sebbene quest'occhio non... balzi troppo all'occhio, sia qui che nel logo, è una gran bella pensata, al livello degli innamorati di Chagall in volo sulla città. A riprova del fatto che l'immaginazione riesce a modificare la realtà.

Di certo, al realista sembrerà surreale o, al peggio, una disgrazia da gemelli siamesi, ma chi crede nell'impossibile vede altro: più che uno scherzo della natura, uno scherzo alla natura. Un'utopia, come quella del lupo che dimorerà con l'agnello (Is 11,6). Se vogliamo, un miraggio irraggiungibile... «ma solo i miraggi hanno messo in moto le carovane» (Henri Desroche).

C'erano già stati, nella storia dell'arte, dei tentativi di unione di più volti (una Trinità a Giornico, nel Canton Ticino, con tre teste e quattro occhi; un Giano trifronte nell'aula gotica dei Santi Quattro Coronati, a Roma...), ma avevano prodotto delle creature vagamente mostruose. Qui il risultato è più accettabile e va apprezzato.

Anzitutto perché dimostra come le immagini, oltre a riprodurre la realtà, possano aiutarci a sognarla. Dando forma a quei cieli nuovi e terra nuova verso cui tendiamo. Poi perché è una metafora nuova, che rinuncia alle solite associazioni (ad es. a dire amore con il cuore, fratellanza con la stretta di mano tra bianco e nero, comunità con le tessere di puzzle che si incastrano...). Infine perché fa capire meglio che cosa vuol dire amare.

Se, per non amarsi, basta poco - un'altra pelle, un'altra squadra, un'altra scelta politica... -, per amarsi non basta condividere delle appartenenze. Quest'occhio scommette sull'appartenersi, invoglia a costruire un modo di vedere comune, cioè mio e tuo, non solo mio e non solo tuo. Con una forzatura che lascia segni sul corpo, ben più di un anello o di un tatuaggio.

Come si arriva a tanto? Attraverso due gesti: col primo - di rifiuto - si depone ogni tipo di arma e di paura, mentre col secondo - di accoglienza - si prende l'altro con sé, sotto la propria protezione.

 

 

24/04/2016 15:24 Gian Carlo Olcuire
No, Pietro, mi dispiace: non ho scritto nulla. Ti consiglio però un libretto di Enzo Bianchi, “Immagini del Dio vivente”, ed. Morcelliana, 2008, che riprende delle conversazioni radiofoniche dell'autore con Gabriella Caramore. Vi si parla anche delle icone, con linguaggio semplice e profondo.


24/04/2016 10:56 PietroB
Gian Carlo!
Tu possiedi un grande dono: unisci una cultura eccezionale ad una sensibilità veramente cristiane: così riesci a sdoganare a coinvolgermi in forme che altrimenti rifuggirei😍
Domanda: hai scritto qualcosa sulla fruizione di icone ortodosse?? Dal basso della mia ignorante incomprensione sarebbe l'ultima sponda x capirle.
Senza troppi riferimenti cervellotici, proprio cone sai fare tu!



Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it