Disuguaglianza, alcune cose che so di te (II)
di Massimo Pieggi | 29 marzo 2016
Solo il recupero della tutela e valorizzazione del lavoro, e il riallineamento dei redditi da lavoro alla produttività potranno consentire un progresso stabile, sostenibile e «umanamente ecologico»

Nel post precedente abbiamo ripercorso i fondamenti biblico-teologici del magistero ecclesiale in rapporto alla destinazione universale dei beni, prendendo al contempo atto dei dati preoccupanti sulla sperequazione crescente nella distribuzione delle ricchezze.

Ma la disuguaglianza economica interna ai paesi è davvero così negativa sotto il profilo delle dinamiche economiche? Già il secondo teorema dell'economia del benessere pone in evidenza come l'allocazione efficiente delle risorse non necessariamente corrisponda a una distribuzione equa e socialmente preferibile delle stesse. Negli ultimi anni si sono occupati di questo problema alcuni tra i maggiori economisti (es. Stiglitz, 2014); la stessa OCSE in successivi studi ha posto in evidenza l'aumento della disuguaglianza interna agli stati negli ultimi decenni, quale fattore incoerente con la crescita stabile e socio-economicamente sostenibile nel lungo periodo.

Tra indice di diseguaglianza econimica (Gini) e indice di sviluppo umano e sociale esiste una correlazione negativa statisticamente rilevante, confermata in modo evidente dai dati empirici (Bagnai).

Dati empirici incontrovertibili dimostrano che persino le democrazie più importanti del pianeta hanno visto crescere al proprio interno diseguaglianze sempre maggiori - con una contestuale decrescita della mobilità sociale - cause di marginalità e precarietà delle condizioni di vita, quando non di vero e proprio impoverimento, di ampie fasce della popolazione (es. USA, Germania). Ciò indipendentemente dal colore e dall'orientamento politico dei governi che si sono succeduti. La deregolamentazione della finanza e la conseguente finanziarizzazione dell'economia hanno condotto col tempo alla decisa compressione della quota salari rispetto alla quota profitti di capitale, all'acuirsi della polarizzazione nella distribuzione delle risorse e al progressivo spostamento verso economie ove il consumo delle famiglie e degli individui si basa sempre più sull'indebitamento privato anziché sui redditi da lavoro (rimasti per lo più stabili o cresciuti solo debolmente in termini reali, nonostante l'aumento della produttività). Le economie, si noti, si sono caratterizzate in questo senso soprattutto nei decenni che hanno condotto alle maggiori crisi mondiali dell'ultimo secolo (1929 e 2007); gli anni del secondo dopoguerra hanno invece seguito un diverso paradigma, sino ai primi anni '80 (quando le disuguaglianze hanno ricominciato a crescere).

Il visionario Dr. Michael Burry, tra i primi ad accorgersi degli squilibri in atto sul mercato immobiliare e a presagire il crollo dei mutui subprime al momento del passaggio dal tasso fisso all'indicizzazione variabile (secondo trimestre 2007), nel film "La grande scommessa" di Adam McKay esclama: "Il valore degli immobili continua a crescere, mentre i salari reali rimangono fermi: ciò significa che questi beni non sono assets, ma 'debito'!".

Le grandi crisi sono state causate precisamente dalla crescita delle disuguaglianze economiche e dall'eccessivo indebitamento privato, che ha portato all'esplosione di 'bolle' finanziarie, trasmesse poi all'economia reale e ai debiti sovrani (diminuzione del reddito, recessione, crollo delle entrate fiscali e conseguente innalzamento del deficit pubblico e del rapporto debito/PIL). Ciò ha rafforzato la marginalizzazione del lavoro (compreso, giova ricordarlo, il lavoro artigianale e della piccola-media imprenditoria) - privato di tutele e rappresentanza - e il progressivo smantellamento dello stato sociale, dei servizi ai cittadini (sanità, istruzione - soprattutto in Italia, previdenza pensionistica), degli investimenti pubblici e privati.

Si è assistito altresì all'utilizzo massiccio del dumping sociale tra le stesse economie avanzate, al fine di favorire le esportazioni nazionali. La concorrenza è avvenuta sempre meno sulla qualità - il recente caso Volkswagen insegna qualcosa - e sempre più sui prezzi, attraverso il contenimento dei costi dei 'fattori produttivi': anzitutto il lavoro e gli standard ecologici. Tutto questo, come sempre avviene quando si opera in regime di cambi fissi (o di unione monetaria: es. eurozona), ha condotto a ulteriori gravi scompensi e polarizzazione delle risorse. Il rapporto tra paesi in strutturale surplus commerciale - come la Germania - e le altre economie dell'unione manca infatti, in questo caso, del necessario fattore di riequilibrio delle partite correnti (saldo con l'estero), che consiste normalmente nell'aggiustamento del cambio tra le valute nazionali (secondo le dinamiche di domanda e offerta di mercato delle rispettive monete). Se a ciò si aggiunge che lo stesso paese strutturalmente in surplus quanto a saldo con l'estero ha operato "riforme strutturali" (promosse sia da governi 'socialdemocratici', che conservatori) che hanno avuto l'effetto di precarizzare e marginalizzare economicamente intere fasce della popolazione interna (fenomeno dei cd. mini-jobs, parzialmente temperato dal sistema tedesco di protezione sociale e di reddito minimo, sconosciuto nei paesi periferici come la Grecia e l'Italia), si comprende quanto più incisive e dolorose nella carne dei settori sociali più deboli dei paesi periferici abbiano dovuto essere le "riforme" dettate dall'agenda dell'austerity. Le conseguenze sono state negative per la crescita degli uni e degli altri, a motivo della spirale deflazionistica intrinseca alla radicale debolezza e stagnazione della domanda interna.

Sin qui i problemi e il grido del magistero del Papa: "Perché vi sia una libertà economica della quale tutti effettivamente beneficino, a volte può essere necessario porre limiti a coloro che detengono più grandi risorse e potere finanziario. La semplice proclamazione della libertà economica, quando però le condizioni reali impediscono che molti possano accedervi realmente, e quando si riduce l'accesso al lavoro, diventa un discorso contraddittorio che disonora la politica [...] Si richiede dalla politica una maggiore attenzione per prevenire e risolvere le cause che possono dare origine a nuovi conflitti. Ma il potere collegato con la finanza è quello che più resiste a tale sforzo, e i disegni politici spesso non hanno ampiezza di vedute. Perché si vuole mantenere oggi un potere che sarà ricordato per la sua incapacità di intervenire quando era urgente e necessario farlo?" (LS, 129.57). Una corretta analisi è presupposto necessario perché l'intervento sia efficace, non demagogico e autenticamente rivolto al bene comune. Correggere gli squilibri attraverso la progressività della tassazione è possibile, ma solo parzialmente (es. Duncan-Sabirianova Peter, 2008): solo il recupero della tutela e valorizzazione del lavoro, la creazione di condizioni di piena e stabile occupazione (è ormai provato che precarietà e produttività sono negativamente correlate, così come che la produttività dipende inversamente dal livello della domanda aggregata) e il riallineamento dei redditi da lavoro alla produttività potranno consentire un progresso stabile, sostenibile e "umanamente ecologico".

Sono necessarie soprattutto "misure che riducano l'enorme potere politico delle lobby. Come è possibile infatti che in Paesi prevalentemente democratici i 3,6 miliardi più poveri non vincano le elezioni contro i 62 più ricchi? Il pericolo maggiore è che i super-ricchi abbiano talmente tanti soldi da poter orientare cultura e politica in modo tale da convincerci che questo stato di cose è il migliore dei mondi possibili" (Becchetti). Si tratta delle dinamiche di controllo dell'opinione pubblica bene approfondite da Noam Chomsky: secondo il noto problem-reaction-solution paradigm, sono sovente gli stessi poteri economici che hanno creato i problemi a manovrare gli strumenti convincenti - attraverso i mezzi di informazione di massa e la politica asservita - al fine di offrire una soluzione ...vantaggiosa solo per se stessi!

 

01/04/2016 13:22 Francesca Vittoria
Qualche volta, rara, la stampa rende nota una “bella notizia o storia”, come quella di quel imprenditore di capi di abbigliamento noto per la ricercatezza del suo prodotto, il quale a fine anno ha riconosciuto un ammount in denaro più ad ogni suo dipendente; riconoscimento-premio all’impegno verso lo sviluppo dell’ all’azienda dovuto anche all’impegno nel lavoro ricevuto dai suoi dipendenti. E’ questa una forma di condivisione? Segno di giustizia? Parrebbe di si. Di un altro industriale, nel triveneto, il quale lascia aperta la porta del suo ufficio ed è sempre ben disposto a ricevere dipendenti che attraversino qualche periodo di difficoltà famigliari, sensibile al bisogno e disponibile all’aiuto. E’ stato definito questo generosa partecipazione ai problemi dei suoi lavoratori, come proveniente da una personale esperienza di dignitosa povertà della famiglia, prima che gli sforzi e il lavoro intelligentemente e costantemente portato avanti dai suoi componenti arrivasse a successo . E che dire di quel negoziante di generi alimentari, che in città, visto il buon andamento del suo esercizio, offre un pane o anche altro a chi al mattino non ha soldi per comperarlo!e senza gli venga chiesto!
Condivisione, o anche una giustizia?, Un dovere sentito verso chi offre con generosità ciò che possiede, non l’ interesse a unirsi in affari con altro denaro, ma che offre il lavoro delle sue mani, la collaborazione a così ad accrescere a successo l’azienda del proprio datore di lavoro!. Se questo succedesse anche a più alti livelli, certamente il Paese non sarebbe in queste condizioni!!! Ansia di potere, sembra essere l’unico obiettivo in certi settori, il superarsi a vicenda, mancanza di scrupoli di coscienza- detto In un linguaggio dimenticato, fame di avere sempre molto di più di quanto già si possiede: Cecità si direbbe, nel non riconoscere i giusti meriti quando anche diritti di quei lavoratori che pur di portare a casa e mantenere un posto di lavoro, la propria famiglia, accettano quello che viene offerto, mentre in prestigiosi ruoli non si conoscono l’ammontare del loro income che appare tanto al di sopra di meriti e diritti, e tanto apparirebbe scandalosa la diversità. Le ore del giorno sono per tutti uguali e le esigenze vitali anche.Considerare di equilibrare queste disparità forse si potrebbero creare possibilità ad arginare una preoccupante disoccupazione. Viene di pensare che l’avvento del computer , ma non a causa di questo, che ha accelerato la comunicazione, i mezzi di trasporto veloci permettono alle merci di raggiungere in tempi rapidi i luoghi di mercato, ma certamente si verifica un maggior guadagno commerciale e però deriva anche una diminuita necessità di impiego di persone, queste però esistono e se non sono tra i fortunati occupati, ultime statistiche dicono , che giovani oggi 20-30 non desiderano neppure cercare un lavoro, ,mancano di speranza annegano la frustrazione in cose diverse che però impoveriscono la società stessa. La pubblicità è però riservata a quelli che attingono a una personale inventiva, ma certamente sono molti meno dei secondi. Questo è quanto si coglie di malessere e delle sue possibili cause nella società che ci circonda, vista da un semplice cittadino il quale a sua volta guardando a queste realtà fatica vederi segni incoraggianti per il futuro, e per i problemi incombenti come anche le guerre che non aprono a sperare. , Questo non per pessimismo ma perché queste realtà quelle positive non reggono il confronto con quelle negative . Se davvero si cambiasse rotta dall’alto interessandosi con maggior senso di responsabilità e onestà verso i propri doveri, e lungimiranza di intenti , ognuno via via guarderebbe con più attenzione al suo prossimo riconoscendo che soltanto per questa via, si può costruire il futuro, soltanto insieme in un reciproco riconoscimento si può aspirare a raggiungere il tanto invocato “bene-comune”
Francesca Vittoria



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Massimo Pieggi

Massimo Pieggi, milanese classe 1973, formatosi nella stagione ecclesiale dell’episcopato di Carlo Maria Martini, è docente di religione nei licei di Roma. Specializzatosi in economia politica internazionale (Università Bocconi), dopo gli studi filosofici (Università Pontificia Salesiana) e teologici (Università Gregoriana), si specializza in teologia fondamentale approfondendo il pensiero di Karl Rahner e la teologia politica di Johann Baptist Metz. Sposato con Francesca, collabora nella formazione pedagogica e didattica all'insegnamento

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it