Nell'arte
Il giorno dei giovani e dei piccoli
di Gian Carlo Olcuire | 20 marzo 2016
Gli evangelisti non ne fanno cenno: sono stati gli artisti di ogni epoca a immaginare che in una «folla numerosissima» non potessero mancare i ragazzi

Duccio

 

 

L'INGRESSO IN GERUSALEMME (particolare della Maestà)
(Duccio di Buoninsegna, 1308-11, Siena, Museo dell'Opera del Duomo)

 

«Benedetto colui che viene, / il re, nel nome del Signore. / Pace in cielo / e gloria nel più alto dei cieli!». Lc 19,28-40


Se la sera precedente, a Betania, gli amici hanno organizzato per Gesù una festa privata, quel giorno gli abitanti di Gerusalemme - più la gente convenuta per la Pasqua - gliene fanno una di popolo. Non si può non osannare chi ha ridato la vita a un uomo sepolto da quattro giorni.

L'entusiasmo è alle stelle, come per una popstar, e sembra quasi improvvisato, l'evento, a giudicare da quanti sono ancora all'opera, soprattutto persone di giovane età. In realtà gli evangelisti non fanno cenno a questo particolare. Sono stati gli artisti di ogni epoca a immaginare che in una «folla numerosissima» - così scrive Matteo - non potessero mancare i ragazzi: impegnati a stendere mantelli sulla strada, a mo' di tappeto; arrampicati sugli alberi, a lanciare rami; affacciati dalle mura e dalle finestre, a salutare...

Gesù ricambia l'accoglienza, facendo capire che razza di signore sia il Signore: è vero che entra acclamato come un re, ma, mentre un qualunque sovrano monterebbe in sella al cavallo più bello e più bardato, lui - disarmato e povero - siede su un'asina, che non ha voluto separare dal suo puledrino (un omaggio ai piccoli e alle madri?). Li aveva mandati a prendere nel villaggio di fronte (un dettaglio che qualunque reporter avrebbe omesso, giudicandolo ininfluente, ma necessario a Gesù per dare compimento alla profezia di Zaccaria). Assicurando (altro particolare "inutile", riferito da Matteo e da Marco) che i due animali sarebbero stati rimandati indietro «subito»: difficile trovare dei re con tale delicatezza... (il suo scrupolo svela anche come lui avesse preparato l'evento).

Eppure, guardando da vicino i volti degli adulti, colpisce come siano tutti seri, da funerale più che da festa: forse era nell'aria che si stesse tramando per far fuori Gesù, questo re così poco regale e così sensibile, capace di dire parole tranquillizzanti, attento ai piccoli dettagli e alle piccole creature.

Da quel giorno, la tragedia si coglie nell'ambiguità dei segni, che aumenta: "fare la festa a qualcuno" comincia a significare un'altra cosa; anziché dire affetto, un bacio serve a identificare e a consegnare; un catino, nel giro di poche ore, viene usato per lavare i piedi e per lavarsi le mani, in un caso per farsi carico, nell'altro per non farsi carico.

 

Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it