Il fico e la misericordia contro natura
di Gian Carlo Olcuire | 28 febbraio 2016
Anche quando sembrano «di morienza», le storie possono avere vie d'uscita insospettabili. E fregare la morte con l'amore

vetrata fico

 

IL FICO SENZA FRUTTI

(vetrata prodotta in serie dalla Stained Glass Inc. di Greenville, Texas)

 

«Lascialo ancora quest'anno, finché gli avrò zappato intorno e avrò messo il concime. Vedremo se porterà frutti». (Lc 13,1-9)

 

Conosciamo un bambino che ama ascoltare i racconti del nonno. E quando capisce che nella storia le cose si mettono male, lo ferma - «Questa è una storia di morienza», gli dice - e lo invita a cambiare fiaba. È un argomento, la morte, che manda in paranoia chiunque, tant'è che la esorcizziamo in vari modi o evitiamo di pensarla. In più, come gli apostoli, siamo turbati dalle morti violente, siano esse provocate da armi o da disgrazie.

Gesù, per prima cosa, ci libera dal pensiero che queste morti siano un castigo. Lo fa con forza («No, io vi dico»), per due volte, ma, con uguale forza, per due volte, ricorda che siamo tutti dei condannati a morte. Esortandoci a cambiare strada, prima della nostra data di scadenza. Come faceva Giovanni il Battista, con la metafora della scure alla radice dell'albero.

Poi cambia tono, Gesù, cercando di dare speranza. Anziché mettere paura, punta a toglierla; invece di punire, preferisce salvare. Per cui, quasi ad ammorbidire la durezza iniziale, si mette a raccontare la parabola di un fico che da tre anni non dà frutti. Anche lui è un condannato a morte, poiché le leggi della natura sono inflessibili: chi rende, va avanti; chi non ce la fa, viene eliminato.

Però, come in quasi tutte le parabole, succede qualcosa di inaspettato: a condizione di mettersi in regola, il condannato ottiene un rinvio. Di un anno, mica di un giorno, grazie al vignaiolo che scommette su di lui.

Ciò dimostra che, se la natura non dà prove d'appello, la misericordia va contro natura. Se la natura è inesorabile come la morte, la misericordia non lo è. Se gli ultimatum sono nella logica delle leggi di natura, la misericordia dà una possibilità ulteriore. È esagerata, la misericordia, ed è pure antieconomica, irrazionale, stupida... (non a caso, viene sempre presa per i fondelli).

Pur non essendo d'autore, questa vetrata riesce a far cogliere le due logiche contrapposte... con la semplice trovata di porre il fico in mezzo. Tra chi si scandalizza («Ma come? Non dà frutti e sfrutta il terreno?») e chi crede nella possibilità di rinascere; tra chi pensa che l'altro sia irrecuperabile («Non cambierà mai!») e chi pensa l'opposto; tra chi vorrebbe fare giustizia («Facciamola finita. Che senso ha proseguire?») e chi non sopporta d'essere inesorabile come la morte.

Diremo dunque a quel bambino che, anche quando sembrano di morienza, le storie possono avere vie d'uscita insospettabili. E fregare la morte con l'amore.

Poi cercheremo di non scordare che pure noi abbiamo ottenuto un anno di misericordia. Per chiederla e soprattutto per donarla, imparando a usare - al posto della scure - la zappa e il concime.

 

 

 

Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it