Nell'arte
Quella luce inimmaginabile sul monte
di Gian Carlo Olcuire | 20 febbraio 2016
Gesù non chiede agli apostoli di immaginare: li porta a vedere. Pochi giorni dopo l'annuncio della sua morte e risurrezione, si mostra nella gloria del Padre

trasfigurazione

LA TRASFIGURAZIONE

(Teofane il Greco, 1378, Novgorod, Chiesa della Trasfigurazione)

 

«Mentre pregava, il suo volto cambiò d'aspetto e la sua veste divenne candida e sfolgorante. [...] E dalla nube uscì una voce, che diceva: "Questi è il Figlio mio, l'eletto; ascoltatelo!"». (Lc 9,28b-36)

 

Anche quest'opera, come le altre scelte per la Quaresima, è nel segno della luce. Diciamo meglio: della volontà di non lasciarsi sopraffare dalle tenebre e dall'ombra della morte, per entrare nella luce di Dio. Una luce talmente intensa sulle vesti di Gesù che, per descriverle, a Marco non bastano un aggettivo (splendenti) e un superlativo assoluto (bianchissime), ma ha bisogno di un superlativo di rinforzo: nessun lavandaio sulla terra potrebbe renderle così bianche. Come dire: qualcosa di inimmaginabile...

Gesù non chiede agli apostoli di immaginare: li porta a vedere. Infatti, pochi giorni dopo l'annuncio della sua morte e risurrezione, prende tre dei suoi (i più intimi? i più autorevoli? i più preoccupati? o quelli che saranno presenti alla sua Passione?) per dar loro la certezza della vita in Dio. E sul monte, dove terra e cielo paiono toccarsi, si mostra nella gloria del Padre.

Gesù ha in mano il rotolo della Parola (la legge e i profeti) e, accanto, Mosè ed Elia: il grande legislatore e il profeta che fece osservare la legge. Coloro che sul monte parlarono con Dio e che furono protagonisti di esodi incompiuti, ora conversano col Figlio del suo esodo che sta per compiersi. Cioè della sua passione, morte e resurrezione.

Non avendo ancora capito chi sia il più importante, Pietro vorrebbe fare per loro tre capanne, finché, da una nube, Dio chiede di dare ascolto al Figlio e resta «Gesù solo».

Sono dunque più momenti a essere narrati da Luca: gli artisti, di solito, inquadrano quello in cui Pietro parla e i personaggi sono tutti in scena. È interessante notare come, degli apostoli, venga reso il peso della condizione umana. Non solo le lame di luce - peraltro meno forte rispetto a quella del "sole" - sono insostenibili per i loro occhi e per la loro mente. Ma i corpi, incapaci di reggersi in piedi, sembrano addirittura travolti. È questo "precipitare" degli apostoli a caratterizzare l'arte orientale, a differenza di quella occidentale (es. Duccio, Beato Angelico, Giovanni Bellini, Perugino, Raffaello...) che mostra corpi più composti, appena risvegliati dal sonno.

Nell'opera di Teofane compaiono pure delle scene minori, non usuali nelle altre Trasfigurazioni, a sottolineare la necessità di un accompagnamento. Mentre quelle in alto, racchiuse in una nuvoletta celeste, raffigurano un angelo che scorta Elia e Mosè all'incontro col Cristo, le due centrali, incastonate in una grotta, mostrano Gesù coi tre apostoli prima e dopo la contemplazione nella gloria: la loro è stata una primizia, che, come ha avuto bisogno di un'ascesa guidata, va ricondotta alla vita reale.

 

 

22/02/2016 09:04 Pietro B
Alla Tua luce " vedo" la luce


22/02/2016 00:49 Lorenzo Pisani
Una luce inimmaginabile, scrive Olcuire. Il cui bagliore travolge i discepoli, nell'icona di Teofane.
Eppure a me, quasi per contrasto, vengono in mente altri aggettivi riferiti alla luce.
Kindly light, luce gentile; scriveva il Card Newman in una famosa preghiera.
"Luce serena" troviamo nelle ultime pagine de "L'uomo che cammina", un bel libretto di C. Bobin.
E questa stessa locuzione, luce serena, la ascoltiamo di anno in anno nella Veglia pasquale: "Cristo, tuo Figlio, che risuscitato dai morti fa risplendere sugli uomini la sua luce serena." E questo è sicuramente il riferimento più importante.
Allora che dire? Forse siamo davanti a due diverse prospettive.
Il bagliore inimmaginabile è collocato oltre la storia, "la folgore che da oriente brilla fino a occidente" (Mt 24,27).
Invece, fin da ora, a guidare le nostre scelte quotidiane, piccole e grandi, abbiamo una luce gentile, serena.
Poi, come tutti sappiamo, la luce deve essere diffusa. Abbastanza a proposito cade una frase di Don Tonino Bello. Rivolgendosi ai giovani di una scuola, diceva: "Voi non avete il compito nella vita di fare scintille, ma di fare luce."



Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it