Nell'arte
Pescatori di uomini
di Gian Carlo Olcuire | 07 febbraio 2016
Fu bravo, Simon Pietro, a intuire che la vera ricchezza era quell'uomo. E che quel mare di pesci si poteva pure regalare

Pietro e Marco

 

PIETRO E MARCO PESCATORI DI UOMINI

(Beato Angelico, 1433, Firenze, Museo di S. Marco)

 

«"Non abbiamo preso nulla; ma sulla tua parola getterò le reti". Fecero così e presero una quantità enorme di pesci e le loro reti quasi si rompevano» (Lc 5,1-11)

 

Ancor più della chiamata di Simon Pietro, assai rappresentata, è interessante vedere l'apostolo molti anni dopo, immaginato in mezzo a una piazza. Intento a raccontare da un podio, a persone di altre culture e di altre epoche, la storia di chi gli cambiò la vita. Di colui che, dopo avergli fatto prendere una quantità incredibile di pesci, lo mise in crisi offrendogli un nuovo lavoro: sempre di pescatore ma di differente pescato.

Fu bravo, Simon Pietro, a intuire che la vera ricchezza era quell'uomo. E che quel mare di pesci si poteva pure regalare. Decise, dunque, di seguire Gesù e fece con lui un apprendistato itinerante, sbagliando spesso la misura degli interventi. Fino a che, responsabilizzato dal Signore e pieno di Spirito Santo, si buttò a pesce nella nuova attività arrivando, attorno all'anno 60, nella capitale dell'impero. Dove parlò di Gesù ai romani dominatori, che nel 64 lo crocifissero a testa in giù, come lui aveva chiesto, non sentendosi degno di morire come il suo maestro.

Piccola annotazione: nella predella del Tabernacolo dei Linaioli, conservata nel convento di San Marco (ora museo), l'Angelico ha voluto rendere omaggio all'autore del primo Vangelo, indirizzato appunto ai romani. Chi, anche oggi, si mette a raccontare Gesù - come Marco - senza averlo conosciuto, è perché l'ha appreso - come Marco - dagli apostoli. E fa una grande cosa, perché, facendo conoscere Gesù, fa incontrare Dio.

Seconda annotazione: ad ascoltare il pescatore di uomini - in realtà, un narratore - erano per lo più delle donne (a parte San Marco con due aiutanti, già allora gli unici maschi si tenevano ai margini). Non crediamo che l'apostolo si sia fatto prendere dallo sconforto: avrà ripensato alla fatica di quella notte senza pesci e a quanti ne pescò, il giorno dopo, con l'aiuto del Signore.

 

 

Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it