Nell'arte
L'angelo di Natale «ad personam»
di Gian Carlo Olcuire | 24 dicembre 2015
In quest'opera custodita al Museo Diocesano di Salerno gli angeli sono tanti quanti i pastori. Al punto da farci immaginare che ciascuno, per il proprio pastore, abbia usato parole tagliate per lui

pastori

ANNUNCIAZIONE AI PASTORI

(avorio del XII secolo, Salerno, Museo Diocesano)


«[I pastori] Andarono, senza indugio, e trovarono Maria e Giuseppe e il bambino, adagiato nella mangiatoia. E dopo averlo visto, riferirono [...]. Se ne tornarono, glorificando e lodando Dio [...]» (Lc 2,15-20)

 

 

Non si sono limitati, gli angeli, a Zaccaria e a Maria. E ai pastori hanno riservato la terza annunciazione. È su questa scena laterale che vorremmo puntare l'attenzione, anziché proporre un'ulteriore Natività.

L'opera presenta due aspetti interessanti. Intanto l'annuncio è un'inquadratura a sé, non fa parte della Natività: se non è posto accanto né sullo sfondo, è perché merita uno sguardo ravvicinato e dedicato.

In secondo luogo, gli angeli sono tanti quanti i pastori e al loro livello. Mentre i pastori dei presepi sembrano le comparse di un film e sono distanti dagli angeli (che volano alto, sulla grotta o sulla capanna), qui gli angeli si rapportano a delle persone, non a una folla. Al punto da farci pensare che ogni angelo, per il proprio pastore, abbia usato parole diverse, tagliate per lui. Non è una bella provocazione per i nuovi evangelizzatori?

Resta il fatto che, per quanti errori possano avere i nostri presepi, con essi noi diventiamo dei nuovi angeli. Invece di accontentarci di una sintesi, ci siamo sobbarcati questa fatica per ridire una storia sempre uguale e risaputa con parole nostre. Quindi originale per ogni presepio.

Sono importanti quanto il racconto, i narratori, perché - mettendoci tempo e voce, creatività e passione, corpo e cose - si relazionano con l'altro. E in qualche modo lo cambiano. Fa piacere ascoltare da Luca che i pastori si mossero «senza indugio». Come Maria quando andò da Elisabetta: pronti, scattanti, senza perdere tempo. E, «dopo averlo visto», furono capaci di riferire, cioè di passare parola, dandosi l'un l'altro la bella notizia: «Venite a vedere, è nato un bambino». Capaci, infine, di elevare una lode a Dio.

 

 

Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it