Nella musica pop
Madre «per un nuovo amore»
di Sergio Ventura | 20 dicembre 2015
La maternità cantata dall'Ave Maria di Fabrizio De André: «Sai che fra un'ora forse piangerai poi la tua mano nasconderà un sorriso»

indiano

F. Remington, The Outlier, 1909


Ricordo ancora la sensazione fisica di dolcezza provata ogniqualvolta, dai banchi in cui sedevano gli scout che animavano le messe frequentate durante la mia fanciullezza, si alzavano le note di una canzone. Sembrava estranea allo stile musicale caratterizzante i brani cult dell'epoca - da Camminerò a Symbolum '77. Eppure il contenuto era religioso. Si parlava di Maria. Una strana Ave Maria.

 

Guarda qui il video di «Ave Maria»

 

Quella sensazione di tenerezza, fortunatamente, mi accompagnò negli anni successivi, nonostante l'adolescenza mi stesse conducendo lontano dalla vita parrocchiale. Sia perché scoprii - con la sorpresa tipica di un giovane italiano mediamente ignorante di 'cose' religiose - che la canzone apparteneva al repertorio di colui che stava diventando il mio cantautore preferito, sia perché cominciai - spinto non si sa bene da cosa o da chi - una lettura più personale ed esistenziale, a tratti smaliziata, del testo biblico.

Ciò mi permise, innanzitutto, di accogliere l'idea secondo cui la storia dei vangeli potesse essere 'completata' dalle intuizioni dei grandi cantautori o pensatori, letterati o filosofi che fossero. Ma soprattutto di seguire De André, senza grandi turbamenti per la mia coscienza religiosa d'allora, nel tentativo di immaginare una giovane promessa in sposa, intorno al cui passare - di donna già incinta - si raccoglie "l'altra gente" circondandola di una "siepe di sguardi che non fanno male". Forse perché Maria portava con sé la benedizione e la beatificazione ricevuta dalla cugina Elisabetta. Forse perché questa siepe di sguardi proveniva dall'altra gente: dalla gente "degli umili, degli straccioni". Forse perché, più semplicemente, la "stagione dell'essere madre" - la "stagione che stagioni non sente" - è un processo di tale potenza da consentire ad ogni donna, se vuole, di sentirsi protetta contro tutto e contro tutti.

Come non rivedere, poi, il volto di mia madre ogni volta che, ripensando alle sue ultime due gravidanze, canticchiavo negli anni liceali "sai che fra un'ora forse piangerai poi la tua mano nasconderà un sorriso"? Ogni volta che la riguardavo con gli occhi della memoria, si incarnava perfettamente in lei lo splendido verso, dedicato ad ogni futura madre, in cui De André parla della "stagione che illumina il viso". Da allora ho sempre provato un fascino particolare per la luminosità che effettivamente assume il corpo femminile durante la gravidanza. Per non parlare poi di quella che negli ultimi anni è diventata una faticosissima difesa di questo corpo e delle sue rotondità luminose davanti ai giudizi estetici delle giovani generazioni di "femmine" troppo spesso (rese) sempre più spigolose.

Ma l'inno del Faber alla "donna" Maria è solo l'apice di una storia al femminile narrata dalla Buona Novella, concept album solitamente interpretato come avente al centro la figura di Cristo, quando in realtà ruota intorno più a figure di donna - Maria, le madri di Dimaco e Tito, le donne della via della croce - che a quelle di uomo - Giuseppe, il buon ladrone Tito, Gesù. Tutte madri "per un nuovo amore", non importa se "povero o ricco, umile o Messia".

A questa Maria De André ritornerà un decennio dopo, forse leggendola sotto una luce maggiormente divina, nell'album denominato L'indiano perché dedicato al popolo omonimo e a quello sardo. Due esempi di culture assimilabili agli occhi del Faber in quanto, da un lato nomadi, povere  e perseguitate, dall'altro lato comprensibili, se non perdonabili, nei loro tratti di banditismo ed anarchia.

In attesa che alla fine si aprano anche per loro le porte del Paradiso, non è un caso che al centro del disco del cantautore genovese si stagli, come sua espressa volontà di magnificare queste minoranze di fronte ai popoli ricchi e potenti e alle loro superbe culture, lo splendido canto popolare sardo Deus ti salve Maria, l'Ave Maria sarda.

 

Guarda qui il video di «Deus ti salve Maria»

 

 

 

26/12/2015 11:40 Sergio Ventura
Grazie a te Angela per le belle parole e soprattutto per gli auguri che ricambio con gioia :-)

Certo, con Gigi D'Agostino rischiamo di farci 'lapidare', ma per non lasciarti da sola condivido questa Ave Maria in versione house ;-)

https://www.youtube.com/watch?v=A19lpmSc2Zs



23/12/2015 17:25 Angela Gatto
Maria ha affascinato e continua ad affascinare l'artista, il poeta, l'uomo comune per credenti o non credenti che siano. Addirittura Gigi D'Agostino, il 'Lento Violento Man' si è ispirato a Maria ed ha una prodotto una Ave Maria Dance (la conosci, Sergio ?) che mi piace postare https://m.youtube.com/watch?v=gW2PpFX8hDk# Ma l'Ave Maria del Faber, per dolcezza, tenerezza, umanità rimane per me, in assoluto, la più bella. Grazie, Sergio, per questi stimoli, per la tua straordinaria, singolare capacità di legare alla Musica ed alla Canzone valori e messaggi sani. A te ed ai tuoi cari l'augurio di un sereno Natale.


Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Sergio Ventura

Sergio Ventura, romano del '73, giurista pentito, datosi all'insegnamento per la libertà di ricerca che esso garantisce, appassionato di religione perché - disseminata ovunque - permette di curiosare in tutto, è responsabile del Blog degli Studenti nel sito del Cortile dei Gentili.

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it