Nell'arte
L'Avvento dell'Agnello
di Gian Carlo Olcuire | 11 dicembre 2015
È il simbolo che meglio di tutti dice chi è Cristo. Il cui amore «non è estorto ma offerto. 'esatto contrario del "capro espiatorio"» (Paul Ricoeur)

III Avvento

San Giovanni il Battista con l'Agnello di Dio
cattedra d'avorio del vescovo Massimiano, 546-554
Ravenna, Museo arcivescovile

 

«Io vi battezzo con acqua; ma viene colui che è più forte di me, a cui non sono degno di slegare i lacci dei sandali. Egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco»

Di nuovo un simbolo, l'agnello di Dio, che nei primi secoli del Cristianesimo ebbe quasi più successo della croce. Tra le sue raffigurazioni più antiche, a Roma, ci piace ricordare quella delle catacombe dei santi Marcellino e Pietro (inizi del IV secolo) e quella del battistero lateranense (epoca di papa Ilario: 461-468). Perché sono le primizie dei due "format" con cui l'Agnus Dei viene di solito rappresentato: nella prima l'agnello è su un'altura da cui sgorgano quattro fiumi, mentre nella seconda è racchiuso in una ghirlanda.

Quasi mai disgiunto dalla croce (che può essergli alle spalle, o nel nimbo, o sorretta dallo zoccolo), l'agnello è in posizione centrale. E appare da solo, come figura del Cristo che verrà. Invece a Ravenna, nella cattedra di Massimiano, l'agnello è assieme al suo "inventore", Giovanni il Battista, il primo a chiamare Gesù «l'agnello di Dio, colui che toglie il peccato del mondo!» (Gv 1,29). Il clipeo, cioè lo scudo tondo in cui è inserito, evoca un logo odierno, come se Giovanni gli facesse da "testimonial".

Questo agnello, secondo alcuni, è il simbolo che meglio di tutti dice chi è Cristo e chi è il cristiano: un servo sofferente, che soffre ma che soprattutto s'offre. Il cui amore «non è estorto ma offerto. Il servo sofferente, "l'agnello di Dio", è l'esatto contrario del "capro espiatorio"» (Paul Ricoeur). La vittima, infatti, è consenziente, il sacrificio è accettato: «Per questo il Padre mi ama: perché io do la mia vita... Nessuno me la toglie: io la do da me stesso» (Gv 10,18).

E che l'agnello sia un gran bel simbolo l'ha inteso san Giovanni evangelista nell'Apocalisse, quando ne ha colto la doppia natura: «l'agnello... sarà il loro pastore e li guiderà alle fonti delle acque della vita» (7,17).

 

20/12/2015 00:07 antonella mazzei
"Porta gli agnellini sul petto e conduce pian piano le pecore madri" (dalla liturgia delle ore).
Un pò agnelli siamo anche noi... però spesso smarriti e cercati con infinito amore dal Bel Pastore che non vuole che neppure un solo capo del suo gregge vada perduto.
Cercami Gesù e fà che io mi lasci trovare e raccogliere dalla tua grande Misericordia!



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it