Nell'arte
Il bisogno di vedere l'Atteso
di Gian Carlo Olcuire | 28 novembre 2015
Nell'Etimasia della Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma il tentativo di mostrare colui che certamente verrà, e in gloria

I Avvento

Etimasia, Mosaico del V secolo, Roma, Basilica di Santa Maria Maggiore

 

«Vegliate in ogni momento pregando, perché abbiate la forza di sfuggire a tutto ciò che sta per accadere e di comparire davanti al Figlio dell'uomo»

 

Ecco un'opera che unisce l'ultima domenica dell'anno liturgico (dedicata a Cristo re dell'universo) alla prima domenica del nuovo anno. Il suo nome, che in greco significa semplicemente "preparazione", non dice - ma lo dice la figura - che si tratta della preparazione di un trono: per un re - o, meglio, per il re dei re - che verrà a instaurare il suo regno.

È singolare come i cristiani, chiamati a non fissare «lo sguardo sulle cose visibili, ma su quelle invisibili» (2Cor 4,18), non ce la facciano a non immaginarle. E diano figura al re attraverso le sue insegne. Anzitutto il trono, sempre gemmato e sormontato da un cuscino (talvolta con un altro, più piccolo, per i piedi), su cui si posa l'agnello o la croce (o entrambi). Per lo più gemmata, la croce può essere accompagnata dai simboli della Passione: la lancia, la canna con la spugna imbevuta di aceto, i chiodi, la corona di spine, il sudario... Sui cuscini possono pure trovare posto la corona e il mantello regali, il rotolo della Legge, il libro coi sette sigilli dell'Apocalisse e la colomba dello Spirito santo. Accanto al trono, a fare da ala, sono due angeli. Oppure, come nell'arco trionfale di S. Maria Maggiore, due santi (Pietro e Paolo) e i quattro evangelisti. O dodici agnelli, che stanno per i dodici apostoli... Molte varianti, dunque, in un grande simbolo inventato per dare corpo all'invisibile, nel quale confluiscono vari simboli.

Tipiche dell'arte bizantina e presenti in molte altre chiese romane, le etimasie più note sono rintracciabili a Ravenna, Venezia, Torcello, Grottaferrata, Palermo e Monreale. Poi in Croazia (da dove proviene quella forse più antica, assieme a questa di S. Maria Maggiore), in Romania e in Turchia. Quasi tutte con un denominatore comune: la fantasmagoria di luci e di colori, a dire lo splendore di colui che verrà certamente, e in gloria, non come il Godot di Beckett che si aspetta e non arriva.

Dove c'è un banchetto eucaristico, quest'immagine equivale al posto vuoto a tavola, lasciato per l'invitato più atteso. E infatti, nelle nostre celebrazioni, oltre a far memoria del Cristo che si è offerto in sacrificio, siamo sempre proiettati sul Cristo che tornerà.

In ultimo, uno sguardo alla cornice, dove, ancor oggi, si mette ciò che si ha di bello e di prezioso. Per dargli luce, per fargli spazio. Questa di S. Maria Maggiore è persino semplice, come cornice, rispetto alle ghirlande di fiori e frutti che si vedono in altre chiese: dice però quanto sia centrale, per noi cristiani, l'Atteso. E quanto la festa del suo ritorno sia da onorare nei preparativi.

 

 

29/11/2015 18:16 antonella patrizia mazzei
Bellissimo commento, Giancarlo. Che grande grazia e gioia conoscere una persona come te che fa parlare le immagini e dona splendore di luce alle parole! Grazie, continua ad inviarmi i tuoi preziosi commenti,
la tua amica in Cristo e nella vita, Antonella



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it