SECONDO BANCO
Daniela, Dio e il gelato
di Gilberto Borghi | 11 giugno 2015
Le lacrime si fermano, gli occhi lucidi tornano a guardare la realtà con meno angoscia. La scuola va in ferie, la vita no. E nemmeno Dio.

Arriva in classe nera. Scaraventa lo zaino in terra, afferra la sedia e viene alla cattedra. Sa che deve essere interrogata. Io non ho ancora detto nulla, ma lei è già li pronta davanti a me. Ma dentro le scoppia il mondo.

"Che succede, Daniela?". "No, niente prof. roba mia!". "Daniela, si vede che stai male, se vuoi ne parliamo. Non credo tu sia così lucida da essere interrogata". "No, prof. mi interroghi, lasciamo stare!". "Come vuoi - le dico -. Allora parlami della differenza tra cattolici e protestanti". Ci prova. All'inizio anche bene. Poi si inceppa. Provo a sostenerla. Riparte e poi si blocca di nuovo. Gli occhi, persi sul pavimento, d'improvviso traboccano. I singhiozzi riempiono l'aria. La classe si blocca. Arrivano le due amiche del cuore, ma lei non se ne accorge nemmeno. Alza il viso sporcato dal trucco e mi dice: "No prof. non ce la faccio. Mi dia quattro". "No, Daniela, il voto qui non c'entra. Lo vedo. Stamattina riusciresti a parlare solo del tuo problema, vero?" Annuisce.

E come un fiume che travolge gli argini, le parole prendono il sopravvento: "Non ci sto più dentro prof. Quel deficiente di mio padre. Ha licenziato mio fratello! E' una merda!!". "Scusa Daniela, non capisco!" "Sì, prof. hanno litigato di brutto. C'erano i carabinieri. E lui l'ha licenziato, così noi adesso come facciamo?". I suoi sono separati da tempo. Lei vive con mamma e fratello. La mamma licenziata già cinque mesi fa, da una grossa azienda in crisi. La separazione è stata burrascosa e l'unico ponte tra il padre e loro era il fratello che lavorava con lui. E ora anche questo ponte si è rotto. "Adesso è un casino. Senza soldi... Lui non ci ha mai dato quello che doveva pagare. E' sempre stato uno stronzo!". E il pianto dilaga.

Come un lampo, senza che nessuno bussi, la porta si apre ed entra la bidella. "Professore deve assolutamente leggere questa circolare, subito!". Manco si rende conto di quello che sta succedendo. Guarda Daniela. E con una smorfia di insofferenza al cielo dice: "Ma ancora!?". Resto di sasso. E le dico: "Questi commenti se li tenga per lei. Adesso non posso leggere la circolare, se me la lascia dopo vediamo". Tutta risentita risponde: "Faccia presto però, che devo finire il giro delle classi". Mi lascia la circolare, gira i tacchi e sbatte la porta scomparendo con la sua rabbia.

Daniela non si è accorta di nulla. Ha solo cercato di sopravvivere all'angoscia. Sospira, smette di singhiozzare e mi dice: "Come devo fare prof? Ieri mia madre ha pianto tutto il pomeriggio. Io sto male in questo casino". " Daniela, mi dispiace un mondo vederti così, perché tu sei sempre stata una ragazza solare e viva. E queste cose dentro di te non sono scomparse. Tu sei sempre tu. Ma sento che stamattina ti sembra di non riuscire a uscirci. Di sicuro tuo fratello e tua madre non staranno con le mani in mano, e una soluzione arriverà". "Si è vero, lo so. Ma perché a nessuno frega di noi. Nessuno che gli importi davvero se stiamo male". Si ferma, tira su col naso, respira e continua: "La vita fa davvero schifo. Molto meglio fregarsene. E lei che continua a parlare di Dio ...".

"Daniela, non credo che la vita faccia schifo, se no nemmeno ti faresti il problema e te ne fregheresti anche dei tuoi. E forse ci staresti meno male. Se ci stai male è perché senti che la vita ha da darti molto di più di quello che finora hai visto. Ma lo capisco: in certi momenti non si vede luce. Io continuo a parlare di Dio perché la mia vita mi porta lì. A 24 anni ho scoperto con dolore che non avevo capito nulla di me e della mia vita. E ci ho messo due anni a risistemarmi un po'. Ma adesso vedo che quella svolta è stata un grande regalo di Dio per me. Non avrei mai cominciato a guardarmi dentro un po' meglio, e non sarei arrivato a perdonare chi mi ha fatto del male, come d'altra parte anche io ne ho fatto e ne faccio ancora agli altri. Se non ci fosse un senso intero, e non ci fossi stato male, non avrei potuto ricucire un filo nella mia storia. Mi farebbe davvero piacere se immaginassi che questo dolore di oggi può spingerti a non mollare, a dire che un filo, un senso comunque resta. Quello che ci fa male non sono le cose che capitano, ma il nostro modo di affrontarle. E, se ci fa stare male, non è obbligatorio mantenerlo".

Le lacrime si fermano, gli occhi lucidi tornano a guardare la realtà con meno angoscia. Resta il problema sì, ma con meno paura di morirci sotto. Che è già qualcosa. Respira. E mi dice: "Magari prof. Anche io lo spero. Sono anni che mio fratello e mia madre pensano di aprire una gelateria. Sono bravi, hanno fatto dei corsi. Chissà forse è la volta che ci provano davvero. A me piacerebbe".

La scuola va in ferie, la vita no. E nemmeno Dio.

19/06/2015 09:46 Teresa
Trovare persone come lei, prof, è un regalo che auguro a tutti, pure a me !


13/06/2015 11:28 nadia b
Grazie di cuore per questa testimonianza...
La vita e Dio non vanno in ferie e Dio aspetta Daniela per rivelarle un orizzonte di Bellezza e di Speranza



11/06/2015 07:38 Pietro B.
Gil, sei un vero fratello.


Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gilberto Borghi

Sono nato a Faenza all'inizio degli anni 60, ho cercato di fare il prete, ma poi ho capito che non era affar mio. E dopo ho studiato troppo, forse per capirmi e ritrovarmi. Prima Teologia, poi Filosofia, poi Psicopedagogia e poi Pedagogia Clinica... (ognuno ha i suoi demoni!). Insegno Religione, faccio il Formatore per la cooperativa educativa Kaleidos e il Pedagogista Clinico.... Lavoro per fare stare meglio le persone, finché si può... In questo sito provo a raccontare cosa succede nelle mie classi e a offrire qualche riflessione. E da qui è nato il libro pubblicato nel 2013 dal titolo: "Un Dio inutile".

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it