Degli uomini e di Dio
di Assunta Steccanella | 15 gennaio 2015
Ha ragione Tauran quando dice che le religioni non sono il problema, sono parte della soluzione. Solo che troppo spesso gli uomini non le conoscono

Una babele di voci, alla cui torre ogni giorno si aggiungono nuovi mattoni, verbali e grafici:

 "Io sono Charlie!"

 "Un attacco al valore europeo della libertà!"

"Sono morte diciassette persone!" (... e altre tre ...)

 "Dietro tutto questo ci sono delle manovre degli americani, è un complotto!"

"Le solite ipocrisie: i sauditi frustano un blogger e tutti tacciono!"

"Ma perché non c'è una marcia di milioni di persone anche per la Nigeria?"

"La religione è alla base della strage di Parigi!"

"In nome di un pugno di Dei ci si è sempre combattuti!"

"Siamo in guerra santa, siamo in guerra santa!!!"

"Dieu n'existe pas - Sì"

Oggi, durante la pausa caffè, tra Marta che è stata promossa e Chiara che aspetta un bambino, hanno fatto capolino Boko Haram e Charlie Hebdo, mescolandosi senza soluzione di continuità ai mille discorsi quotidiani.

La chiacchiera. Immediata, limpida e amara mi coglie la percezione di essere immersa nella chiacchiera.

Heidegger diceva che essa si palesa quando il discorso perde il rapporto autentico con il reale, diffondendosi e ripetendosi in cerchi sempre più ampi, dai quali trae autorità. La chiacchiera è la possibilità di credere di aver compreso tutto, senza alcun vero confronto con la cosa da comprendere: "le cose stanno così perché così si dice". Per la chiacchiera non esiste più nulla di incerto.

Vorrei saper smettere di fabbricare mattoni... ma in questa torre artificiale è tanto difficile sostare, perché cambia continuamente, si ingigantisce in nuovi piani e stanze e scale ed androni, tutti aperti e intercomunicanti, in cui fatico a trovare lo spazio necessario alla riflessione, all'autentica appropriazione, al lavorio che occorre per provare a capire.

Devo fare ordine. Comincio dal principio. Torno a pensare in compagnia dei grandi.

Dio.

Che piccola, immensa parola. Karl Rahner, nel suo Corso fondamentale sulla fede, scrive: "per l'uomo la cosa più semplice e inevitabile nella questione di Dio è il fatto che nella sua esistenza spirituale esista la parola Dio".

L'uomo infatti non ha esperienza immediata della realtà di Dio, come può averla di un albero, o di un sentimento interiore. Queste realtà vengono a noi per prime, quasi  evocando una parola che le nomini. Per Dio non è così. La parola "Dio" è il primo, generalissimo modo in cui facciamo esperienza del mistero di Dio stesso. 

L'esistenza di questa parola è attestata in tutte le lingue e in tutte le culture, indica sempre un essere superiore, causa e ordine della realtà. Anche l'ateismo - o la satira! -  contribuisce a far sì che essa viva: nel momento stesso in cui nega l'esistenza di Dio, infatti, l'ateo lo nomina rinnovandone la presenza. Paradossalmente, per sperare che essa scompaia, egli dovrebbe tacere in maniera radicale, non dichiarandosi neppure a-teo.

Nella nostra cultura però questa parola è quasi divenuta opaca, dice troppo poco, per cui senza pensarci le affianchiamo degli attributi: padre, signore, celeste ... Eppure proprio la sua spaventosa mancanza di contorni ci fa intuire la natura di ciò che indica: qualcosa di ineffabile, il silente, colui che è nel mondo in modo assolutamente diverso, presente e non visto, il tutto fondante.

La parola Dio risulta essere  l'unica parola che pone l'uomo, ogni uomo credente o meno, di fronte all'ipotesi, o alla possibilità, che la realtà sia sensata, organica e armoniosa, frutto di un progetto unitario in cui sentirsi inseriti, l'unica parola che rende possibile chiedersi "perché" sperando in una risposta.

È una parola potente, da non nominare invano.

Abita il fondo dell'umanità, è un appello ancestrale, può suscitare rabbia o nostalgia, fastidio o invocazione, ma raramente lascia indifferenti, piuttosto convoca e scuote. E' una parola attiva, capace di muovere al dono di sé come alla guerra, con intensità impensata.

Anche per questo sono sorte le religioni: la religione compone, mette ordine, collega intuizioni ed istinti, regola e incanala. Ha ragione il card. Tauran (Avvenire, 10/01/15), quando dice che le religioni non sono il problema, sono parte della soluzione.

Solo che troppo spesso gli uomini non le conoscono, le religioni. Molte volte neppure la propria.

"Io ti conoscevo per sentito dire, ma ora i miei occhi ti vedono" (Gb 42,5).

Non trovo preghiera più urgente, oggi: "Rabbunì, che noi vediamo" (Mc 10,51).

 

19/01/2015 10:38 germano turin
Credo anch'io che "le religioni non siano il problema, ma parte della soluzione".

Credo sia Dio la soluzione dei problemi e le religioni siano una strada per arrivare a Dio, cioè alla soluzione dei problemi.

Se ti fermi a guardare la strada, cioè le religioni, non arriverai mai Dio.

Germano Turin - Torino



19/01/2015 10:02 assuntas
Grazie a tutti dei vostri commenti e della vostra attenzione.


18/01/2015 22:41 M. Luisa
"Solo che troppo spesso gli uomini non le conoscono, le religioni. Molte volte neppure la propria".
Parole sante, gentile Assunta.
Ma l'uomo non ne sente il bisogno, crede di sapere già tutto.
E ovviamente s'inganna.

A proposito di vignette, mi ha colpito quella che ho letto oggi, densa di amara verità:
Titolo: "Guerre...sante"
Fumetto 1: "...Il problema non è quando Dio creò l'uomo a sua immagine e somiglianza..."
Fumetto 2: "...ma quando l'uomo ha fatto il contrario!"



15/01/2015 23:00 Massimo Menzaghi
le religioni dovrebbero essere parte della soluzione ma possono essere anche un problema enorme, a prescindere dal fatto che siano o meno conosciute...

la soluzione è nell'accettazione delle diversità, chiacchiere comprese...

la soluzione, sicuramente, è un dono...



15/01/2015 18:30 Alberto Hermanin
Ottimo. Sottoscrivo tutto.


Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Assunta Steccanella

Sono nata in provincia di Vicenza nel 1960. Dico spesso che, dopo il diploma, ho frequentato due diverse università: prima, per diciotto anni, l'ateneo della famiglia; quindi, in parallelo, la Facoltà Teologica, dove ho completato il dottorato.

Ho insegnato religione in un liceo fino al 2010. Adesso, oltre alla ricerca, mi dedico alla formazione: sono impegnata in vari modi nella catechesi di adulti e bambini e nella preparazione dei catechisti e cerco di condividere parte di questo lavoro attraverso il mio blog (www.asteccanella.altervista.org). La famiglia però è e resta la mia prima vocazione: mio marito e i miei tre figli sono preziosi, tra mille altri motivi, anche perché mi fanno capire quando la speculazione mi fa staccare troppo i piedi da terra.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it