Giuseppe, ovvero: l'autorevolezza del silenzio
di Gerolamo Fazzini | 09 gennaio 2015
Una lezione per noi, padri in crisi del XXI secolo, che vorremmo convincere i figli con una dialettica dal fiato corto...

Stanco di sentir parlare di "crisi del padre", letti i libri di Polito e di Risè, con addosso i sensi di colpa per la perdita di autorevolezza di una figura solo fino a qualche decennio fa indiscutibilmente al centro della scena (anche nella mia famiglia d'origine), ho pensato, in questi giorni, di aver trovato un alibi di ferro.

Mi è venuto spontaneo ascoltando i Vangeli dell'Infanzia che la liturgia ci propone nel tempo di Natale. Ci avete fatto caso anche voi? Giuseppe - il padre di Gesù - c'è, il Vangelo ne parla. Ma è sempre in ombra, quasi il "padre assente" caro alla letteratura attuale: non parla, non si espone, è sempre dietro le quinte. Una vita da mediano, insomma. Riferendosi a Gesù, durante le nozze di Cana, Maria è chiarissima e intima ai servi: "Fate ciò che vi dirà". Nel caso di Giuseppe, nulla.

Logico, allora - mi son detto - che a noi padri cattolici manchi un riferimento solido, un modello esplicito. Alle donne del suo e di ogni tempo Maria non ha certo donato un manuale di istruzioni per la vita cristiana, ma alcune precise indicazioni sì ("Maria serbava tutte queste cose meditandole..."). Giuseppe invece...

Lo dice bene quel fine biblista che risponde al nome di Gianfranco Ravasi, in un suo volumetto sulla figura del padre putativo: "La presenza del nostro Giuseppe, il padre legale e non naturale di Gesù, in realtà nei vangeli è piuttosto ridotta: egli affiora nella genealogia di Cristo, appare come il promesso sposo di Maria (Lc 1, 27), sarà menzionato durante la nascita di Gesù a Betlemme (Lc 2, 4-5), farà qualche altra fugace apparizione nei primi giorni del neonato, acquisterà rilievo durante la vicenda di clandestino e migrante in Egitto con la sua famiglia".

Riemergerà finalmente dal silenzio una dozzina d'anni dopo, in occasione della "fuga" del figlio dodicenne nel tempio di Gerusalemme tra i dottori della legge. Ma anche in quel caso - benedetto uomo! - lascerà alla giovane moglie il compito di sgridare quel figlio un po' strano con il famoso "Tuo padre ed io angosciati ti cercavamo": una frase che, da quel giorno in poi, chissà quanti genitori - nelle più diverse circostanze - hanno ripetuto ai figli, specialmente nell'età dell'adolescenza.

Ebbene, se la Parola di Dio ha un senso anche per noi che la leggiamo oggi, c'è da chiedersi cosa voglia comunicarci con il silenzio di Giuseppe: quale messaggio ci consegna quell'apparente mutismo? Quale segreto ci può rivelare?

Non sono teologo, né biblista. Ma da papà di famiglia (e genitore di figli adolescenti) mi piace pensare che Giuseppe sia l'icona del padre presente eppure discreto, che parla con sguardi e gesti più che con le parole. Una presenza che è d'esempio senza dirlo e, soprattutto, senza rivendicarlo.

Una lezione per noi, padri in crisi del XXI secolo, che vorremmo convincere i figli con una dialettica dal fiato corto perché - parlo per me, beninteso - troppo spesso non corroborata da un vissuto altrettanto coerente.

Caro san Giuseppe, troppo spesso "dipinto come un Geppetto: vecchio, marginale e falegname" (copyright Elisabetta Broli e Roberto Beretta, "Gli undici comandamenti"): forse anche noi, padri moderni, abbiamo da imparare da te non meno che le nostre mogli da Maria (e viceversa). C'è un'autorevolezza del silenzio che viene dall'obbedienza senza "se" e senza "ma": "Giuseppe fece come gli aveva ordinato l'angelo del Signore".

Un'autorevolezza che si radica nella fede, che si fortifica nella fedeltà quotidiana e che fa della discrezione e della perseveranza la forma più alta di eloquenza. Insegnaci a inseguire quell'autorevolezza autentica, anziché cercarne i surrogati nei manuali di psicologia pronti all'uso. E così sia.

 

09/01/2015 15:24 Pietro Buttiglione
Nella figura sfuggente di Giuseppe io vedrei
solo il tipico ruolo sociale riservato al padre
in quelle societá. Con Braudel: la stanzialità è nata
con la donna casa e famiglia ( e terreno) mentre il
maschio da caccia e difesa ( e guerra )...
Nel meridione ancora 50 anni fa il padre era
una figura assente.
Invece sulla crisi della figura paterna nel secolo scorso
hanno giocato tante cose, ad es. il riposizionamento
dei ruoli a fronte di cambiamenti epocali nella
famiglia : con la madre hai comunque un legame,
resti connesso. Invece col padre devi essere
capace di costruire una relazione: mission spesso
impossible sia x la distanza antropologica, sia x
la incapacità relazionale dei ns. figli ( vedi le
legazioni quanto durano!!😣



09/01/2015 12:15 Marco Tommasino
La follia di Dio
Dio ha tanta fiducia nell'uomo da dare a Giuseppe e Maria il compito di insegnargli come diventare uomo.



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gerolamo Fazzini

Gerolamo Fazzini (Verona 1962) è giornalista, appassionato di temi religiosi ed internazionali. Oggi è consulente di direzione per Credere e Jesus, oltre che editorialista di Avvenire. Fondatore del sito MissionLine.org, è stato per anni direttore editoriale di Mondo e Missione. In passato ha diretto il settimanale Il Resegone, a lungo voce di Lecco, la città dove abita con la moglie e due figli. È autore di alcuni libri, l'ultimo Scritte col sangue. Vita e parole di testimoni della fede del XX e XXI secolo (San Paolo, 2014). 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it