Con le schegge dei proiettili
scelto da Luigi Accattoli | 24 novembre 2014
"Ogni suora ha raccolto per tre anni sulla terrazza e nel recinto pallottole, schegge, frammenti di proiettili esplosivi e infine il Signore mi ha ispirato di fare di questi oggetti di morte dei simboli di vita: una croce e un rosario"
di Orsetti Arcangela

 

Orsetti Arcangela è una suora di una comunità carmelitana che presta la sua opera di carità in un ospedale di Aleppo. Ecco una lettera ai benefattori che ha pubblicato nel sito "Ora pro Siria", leggibile come una viva parabola dell'essere cristiani oggi in Medio Oriente:

"Cari amici, tutti i giorni, durante questa guerra senza nome, ingiusta e ingiustificata, ogni suora della comunità ha raccolto sulla terrazza e nel recinto dell'ospedale delle pallottole, delle schegge, dei frammenti di proiettili esplosivi... che deponiamo in una scatola in comunità. Certamente tre anni di souvenirs, ma molto di più, tre anni di prove tangibili della protezione particolare del Signore, perché neppure uno di questi proiettili ha ferito nessuna! Il Signore mi ha ispirato di fare di questi oggetti che seminano la morte dei simboli di vita: anzitutto una Croce, strumento di morte presso i romani, la Croce è diventata il simbolo universale che dice la speranza della Resurrezione, la vittoria totale sulla morte e su questi strumenti di morte destinati a disseminarla; al centro, il Cristo nostro Salvatore che la nostra preghiera invoca intensamente ogni giorno; poi un rosario, appello vibrante alla Vergine Maria perché Ella interceda presso suo Figlio, per ottenerci la pace. Dall'inizio degli eventi, ogni sera il rosario ci ha riuniti con il personale e coloro che accompagnano i malati; è grazie a Maria Consolatrice che abbiamo avuto e abbiamo la forza di restare in piedi davanti alla croce del suo figlio Gesù. Cari amici, con il vostro sostegno di cui vi ringraziamo e la nostra unione nella preghiera, custodiamo la speranza di vivere un giorno - che speriamo sia vicino - la fine di queste atrocità e di queste sofferenze indicibili. Suor Arcangela Orsetti, Ospedale St Louis- Aleppo, Siria - martedì 11 novembre 2014".

Un abbraccio di gratitudine alle carmelitane di Aleppo per l'insegnamento a cavare segni di vita da strumenti di morte.

 

24/11/2014 10:17 Lorenzo Cuffini
E se le carmelitane di Aleppo riescono, in quella situazione veramente estrema, a cavare segni di vita da strumenti di morte, possibile che io sia così pirla , in una situazione comoda e pantofolaia come la mia,da non riuscire a cavare segni di vita convincenti dalle continue risse da blog nelle quali mi caccio?!
Mi associo all'abbraccio di gratitudine.



Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Luigi Accattoli

Luigi Accattoli già giornalista della Repubblica (1976-1981) e poi del Corriere della Sera (1981-2008), ora collabora al Corriere della Sera, a Liberal. Scrive per la rivista Il Regno da 37 anni. Modera il blog www.luigiaccattoli.it

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it