PRESO IN RETE
«Like a Virgin» e le due strane consorelle
di Guido Mocellin | 26 ottobre 2014
Il video di suor Cristina Scuccia con la cover di Madonna, l'immancabile dibattito e una nostra sensazione di fondo

Non ho termini di raffronto, se non indiretti: tra venerdì 17 ottobre e domenica 19 mattina Il Sismografo aveva registrato «la febbre del Sinodo sera» (vignetta di Massimo Bucchi su La Repubbblica), ovvero 69 link italiani (e 82 stranieri) per la finalissima dell'Assemblea episcopale dedicata alle sfide sulla famiglia, ed è quasi certo che a quei 69 link abbiano corrisposto, sabato e domenica e lunedì, altrettanti articoli sui quotidiani.

Tutti concordi nel descrivere la dialettica interna al Sinodo, persino in termini di conflitto, ma divisi in due nell'interpretarla: da un lato, il polo di chi ha presentato tale sintomo come «un problema», e dall'altro quello di chi lo ha visto come «un valore». Con prevalenza, dopo che era intervenuto il papa, di questi ultimi.

Ma non credo di sbagliarmi di molto se dico che, al netto del Sinodo, sul podio delle notizie religiose della settimana c'era di sicuro, con 17 «titoli con Madonna», suor Cristina Scuccia, che domenica 20 ha pubblicato una sua versione romantica e spiritualizzata di Like a Virgin, uno dei primi successi (1984) della popstar italoamericana. Una cover, insomma.

I titoli si sono raccolti in tre movimenti. Il «la» lo ha dato Avvenire il 19, con un'intervista esclusiva in anteprima di Gigio Rancilio, che conteneva con molto garbo già quasi tutto quel che si poteva dire, in bene e in male, sulla faccenda. A questo pezzo si sono intonati, con più o meno lo stesso garbo (tranne Il Giornale, che ha suonato una sirena d'allarme) i 6 titoli usciti tra il 20 e il 22.

Il 23 altri 5 titoli, stavolta legati a un commento «un tono sotto» del SIR, ripreso - stonando - come fosse frutto di un'ampia consultazione dei vescovi. Al punto da suggerire al direttore Delle Foglie ci concedere un bis di chiarimento ai microfoni di Fabio Colagrande, su Radio Vaticana.

Gli ultimi 5 titoli il 24: stavolta è Madonna in persona a cantare, e infatti tutti la riprendono e La Stampa le dà la fotonotizia in prima pagina. Commenta positivamente il lavoro di «sister Cristina» e piazza sul proprio profilo Facebook e di conseguenza sui media di mezzo mondo un paio di fotomontaggi accordati col suo personaggio.

Dirò anch'io la mia, ma temo che non sarò originale (e sulle popstar straniere sono poco preparato). L'ipotesi dei discografici di sister Cristina di invertire l'operazione su cui Madonna ha costruito la prima parte della sua carriera, ovvero di «ri-consacrare» ciò che lei aveva «profanato» (reso profano: a cominciare dal nome con cui in Italia a livello popolare più si identifica Maria, la Madre di Dio) non mi pare alla portata della nostra orsolina.

Un conto infatti è - accadde a The Voice of Italy - essere l'acqua santa di un povero diavolo come J-AX con l'imprimatur di Raffaella Carrà, e un conto è proporsi di esserlo di un «demonio» come Louise Veronica Ciccone, che ha già resistito a ben altri esorcismi.

Il personaggio di suor Cristina mi pare tuttora legato, oltre che alle qualità canore, alla popolarità (in pochi ormai per esperienza diretta, in molti per il ricordo) del «tipo» della suorina giovane, con la chitarra, che sa animare a scuola o in parrocchia i ragazzi delle medie contagiandoli di entusiasmo e di sorrisi: «Ho un dono, ve lo dono», appunto. La differenza di dimensioni con l'icona pop che Madonna è stata ed è tuttora non mi pare ancora colmabile.

Lo si è visto bene proprio quando Madonna è comparsa, vera e propria guest star, sul palco di Cristina: in uno dei due fotomontaggi mostra come il video della suora citi testualmente il suo, e nell'altro si siede accanto alla Scuccia in posa non proprio composta, e lo intitola «Sister for life», «Sorelle per la vita».

Cioè «consorelle»: ma quale delle due è entrata nella congregazione dell'altra? Non a caso i titoli ci inzuppano il pane, e parlano di Madonna che «benedice» la collega, o che «le appare». Ha ragione Piero Negri: «Vince lei», Madonna.

P.S.: mentre scrivevo, ho ascoltato ripetutamente la cover. Sulle prime non dispiace, ma dopo un po', come mi ha detto anche Fabio Colagrande, diventa noiosa. Che ne dite, cari vinonuoviani?

 

20/11/2014 15:12 Alessio Sinigaglia
Come spesso accade quando si parla di piccoli che si avvicinano ai grandi, i primi sembrano sempre perdere, ma come ci ha insegnato il princpiale di Suor Cristina, basta una piccola luce in un mondo ormai governato dalle tenebre per portare un messaggio che anche se utilizza una cover può fare evangelizzazione più di mille prediche in chiesa. Portare la luce fori dal proprio giardino è il monito di papa Francesco e suor Cristina sta portando avanti con mille difficoltà la sua vocazione che risponde in pieno all'esortazione papale. Forza Cristina, con la tua voce qualunque canzone porta in sè il seme della verità!


28/10/2014 07:32 Guido Mocellin
A proposito di "sorelle per la vita", mi è anche venuto in mente che sister Cristina è nata nel 1988, quando Louise Veronica Ciccone aveva giusto trent'anni. Altro che sorella: potrebbe essere sua figlia...


27/10/2014 09:12 Fabio Colagrande
Da fan di suor Cristina sono rimasto deluso da questo singolo. Mi aspetto molto di più. Capisco le esigenze furbette commerciali, (e noi parlandone confermiamo che la trovata di riperticare Madonna è vincente!) ma questa cover dimostra solo che 'Like a virgin' era uno dei pezzi più poveri della Ciccone. Rallentato, privo dell'arrangiamento dance anni '80 e della malizia pruriginosa della sua interprete originale, non vivificato da un arrangiamento particolarmente originale, il brano è di una noia mortale. E l'operazione riproposizione in chiave spirituale fallisce proprio per motivi artistici. Dai, Cristina. Puoi fare meglio.


Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Guido Mocellin

Guido Mocellin (Bologna 1957), giornalista, sposato, due figli, si occupa di informazione religiosa e dei rapporti tra le religioni e la società. È direttore della rivista  I Martedì ed è stato per più di vent'anni caporedattore del periodico di attualità e documenti Il Regno, con il quale continua a collaborare. Dal 2015 è tornato a occuparsi dei volumi delle Edizioni Dehoniane Bologna (EDB), mentre tiene sul quotidiano Avvenire la rubrica trisettimanale WikiChies. Insegna Giornalismo religioso al Master "Giornalismo, a stampa radiotelevisivo e multimediale" dell'Università Cattolica di Milano e altrove, quando glielo chiedono; partecipa (come può) alla vita della comunità ecclesiale, in particolare all'interno dell'Unione cattolica stampa italiana (UCSI). Nel 2010 ha pubblicato, ovviamente presso le EDB, la raccolta di storie di fede Un cristiano piccolo piccolo

.

 

leggi gli articoli »
Preso in rete
di Guido Mocellin
Dopo quattro anni questa rubrica chiude. Ma per aprire presto altre pagine qui su Vino Nuovo...
Il video di suor Cristina Scuccia con la cover di Madonna, l'immancabile dibattito e una nostra sensazione di fondo
Ho fiducia che il Sinodo stia andando molto meglio e che stavolta Crozza abbia letto i giornali un po' in fretta...
Se i giornali dedicano pagine, e non righe, alla questione, vuol dire che interessa «davvero»
Un altro editore laico - quello del Boston Globe - ha deciso di puntare su «tutto quanto è cattolico» con un suo sito web
I burattini fanno una morte santa. Come quella che certamente ha fatto mons. Giovanni Catti
Dal filosofo Roger Scruton che analizza le coincidenze con il sacro alla Gazzetta dello Sport che titola «Cuore di Maria»
In fondo la parabola del samaritano è sempre attuale anche nel ritratto dei media sulla Chiesa
La domanda «chi è il sommo pontefice?» è tanto implausibile quanto lo sarebbe quella su «chi è il vescovo?» in qualsiasi diocesi con un vescovo emerito
Temo di aver già «letto» la gran parte degli articoli che scriveremo da oggi fino al 19 ottobre sull'ultimo (di fatto) Papa italiano...
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it