Il Sinodo dei Padri e quello dei media
di Fabio Colagrande | 10 ottobre 2014
Ridurlo a un'allegra battaglia tra vescovi per accettare o no le richieste pressanti dei divorziati-risposati non è corretto nemmeno nei confronti delle coppie etichettate come «irregolari»

Un tentativo forte per il commentatore cattolico, in Italia, è quello di criticare altezzosamente la maniera semplicistica e un po' forzosa con cui i titoli dei quotidiani raccontano il Sinodo straordinario in svolgimento in questi giorni in Vaticano, voluto da Papa Francesco per aggiornare la pastorale familiare.

Torna alla mente l'efficace metafora di Benedetto XVI, in uno degli ultimi discorsi del suo pontificato, quando, in una vera e propria 'Lectio magistralis' dedicata al Vaticano II, distinse tra il Concilio dei padri e il Concilio dei media. Il punto era, secondo Ratzinger, che i mezzi di comunicazione raccontavano il Concilio al di fuori della prospettiva di fede, secondo categorie che sono del mondo.

Impossibile non trasferire queste riflessioni alla copertura mediatica che la stampa italiana sta dando oggi ai lavori del Sinodo sulla famiglia. Hanno raccontato il pre-Sinodo come uno scambio di minacce e avvertimenti tra cardinali conservatori e progressisti, intenti a duellare a suon di pubblicazioni solo sul tema del divieto dell'Eucaristia per i divorziati risposati civilmente. Di conseguenza, gli stessi giornali, si sono subito gettati sulla 'Relazione prima della discussione', che ha aperto il Sinodo lunedì 6 ottobre, andando a scovare una frase sui 'divorziati riposati' che ricordava come questi 'facciano parte della Chiesa'. 'I divorziati risposati fanno parte della Chiesa', titolavano i giornali di martedì. 'Dov'è la novità?', direbbe qualcuno. Benedetto XVI, papa e teologo molto interessato ad approfondire questo tema, spiegò bene come, pur essendo esclusi dalla comunione eucaristica, restino, come ogni battezzato peccatore, nella comunione ecclesiale. Eppure, quei titoli hanno certo contribuito a far conoscere questa dottrina anche ai non esperti. Nella terza congregazione, il secondo giorno dei lavori del Sinodo, viene invece precisato dai padri sinodali - informa la Sala Stampa della Santa Sede - che 'l'Eucaristia non è il sacramento dei perfetti, ma di coloro che sono in cammino'. Il giorno dopo i quotidiani citano la frase come un chiaro segnale di apertura verso i divorziati-risposati e la loro richiesta di essere ammessi alla comunione. Eppure la stessa frase, quasi identica, era già nell'Evangelii Gaudium di Papa Francesco, pubblicata alla fine del 2013. 'Dov'è la novità?', direbbe il solito qualcuno.

Ora, intendiamoci. Qui si parla soprattutto di titoli e non di articoli. Spesso (è esperienza comune di chi ancora legge la carta stampata) i titoli non c'entrano un tubo con il corpo del pezzo e contengono affermazioni irrintracciabili tra le righe dell'articolo che hanno la pretesa di presentare. Ciò avviene, mi sembra, molto spesso per i pezzi dedicati al Sinodo che - per i soliti intuibili motivi commerciali - debbono attrarre il lettore distratto. Spesso, il vaticanista in questione, sviluppa il suo reportage sinodale in modo analitico e molto meno tranchant di quanto il titolo faccia pensare. E certi balzi in avanti, annunciati dal titolo, poi non ci sono. Perché il Sinodo straordinario è solo il primo tempo di un film che continuerà nell'ottobre 2015 con il Sinodo ordinario, dopo un lungo intervallo. E perché Papa Francesco - è sempre l'Evangelii Gaudium a spiegarlo - come ogni gesuita ama i processi collegiali lunghi che si svolgono nel tempo e di cui solo Dio conosce l'esito.

Ma tornando all'immagine ratzingeriana del Sinodo dei padri distinto da quello dei media, è possibile individuare un rischio che certe semplificazioni mediatiche possono arrecare a una corretta comprensione dei lavori dei padri sinodali. In un'ottica di fede (e non politica o mondana) la Chiesa non sta decidendo se accontentare o no la richiesta del partito dei divorziati risposati esclusi dalla comunione, (giornalisticamente capeggiato addirittura da Pippo Baudo). Ma sta provando a modificare la sua pastorale, il suo linguaggio, il suo approccio alle situazioni familiari difficili, per compiere fino il fondo la missione evangelizzatrice che giustifica la sua esistenza. Come hanno rilevato gli stessi padri sinodali in questi giorni "le famiglie sofferenti non cercano soluzioni pastorali rapide, ma sentono il bisogno di essere ispirate, di sentirsi accolte e amate".

Allora, ridurre il Sinodo a un'allega battaglia tra vescovi per accettare o no le richieste pressanti dei divorziati-risposati (che in controtendenza con la secolarizzazione incipiente agognano ad accedere alla comunione) non è corretto nei confronti della Chiesa, ma neanche - e soprattutto - delle coppie di credenti che vivono nella sofferenza sentendosi escluse o etichettate come 'irregolari'. Le loro giuste rivendicazioni, rispetto ad atteggiamenti ecclesiali di giudizio e emarginazione, vanno approfondite e rappresentate con chiarezza, altrimenti possono sembrare solo capricci.

 

 

 

13/10/2014 16:07 pietro b.
conferenza stampa di oggi dell'ufficio comunicazione Vat.

https://soundcloud.com/vaticancommunications/press-conference-on-the-works-of-the-synod14-13-oct-2014?utm_source=soundcloud&utm_campaign=share&utm_medium=twitter



13/10/2014 15:42 pietro b.
Non mi pare che Crux scriva solo x accattivarsi la simpatia dei lettori..

http://www.cruxnow.com/church/2014/10/12/divisions-on-divorce-run-to-the-top-at-bishops-summit/?s_campaign=crux:email:daily

Che poi siano state espresse ad altissimo livello posizioni opposte
( Pell vs. Marcx ) è di dominio pubblico, no? A cosa dovremmo
rifarci x un Sinodo chiuso?



13/10/2014 11:46 Alberto Hermanin
Caro Fabio, ottimo: in poche parole dici ciò che veramente è da dirsi. Per parte mia aggiungo che è sterile e anche illogico prendersela con i media, i quali somministrano largamente alla opinione pubblica ciò che essa vuol sentirsi dire. E che quindi la presentazione da sfida all'OK Corral di questo Sinodo straordinario, che opportunamente si ricorda avrà un seguito, nasce prima di tutto dal desiderio di viverlo così proprio di tanti cattolici. Basta guardare come si sbranano anche qui su Vino Nuovo.


13/10/2014 08:02 salvatore izzo
Papa Francesco chiede alla Chiesa una "conversione pastorale". A questo punta il Sinodo. La questione dei divorziati riaposati e' la cartina di tornasole che misura la volonta' del cambiamento. E' chiaro che e' un tema marginale, ma la polarizzazione delle posizioni e il radicale rifiuto di alcuni indica proprio la resistenza al cambiamento che urge.Secondo me, i media c'entrano poco, stavolta. Grazie a Fabio per le sue riflessioni. Salvatore Izzo


10/10/2014 10:41 pietro B.
E sono due che si lamentano dei media…
Ma, come scrive qui un altro, il Sinodo NON è 'trasparente'
a noi poveri mortali cosa ci resta, oltre Vatican Ins. e Crux:
http://www.cruxnow.com/church/2014/10/09/two-more-cardinals-back-communion-for-divorced-and-remarried/?s_campaign=crux:rss?s_campaign=crux:email:ja



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Fabio Colagrande

Fabio Colagrande, nato a Roma a metà dei favolosi anni Sessanta, lavora da vent'anni alla Radio Vaticana come giornalista e conduttore di programmi in diretta. Collabora con L'Osservatore Romano e altre testate cattoliche. Per alcuni anni, ai microfoni di Radio Due, si è occupato di cultura e intrattenimento.

Autore, regista e attore di teatro, per diletto, nel 1995 ha fondato una compagnia tuttora sulla breccia. Felicemente sposato, ha due figli, che spera mettano su un gruppo rock e lo facciano cantare, ogni tanto. Cura un blog personale intitolato L'anticamera del cervello.

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it