Chiesa e internet: esame di maturità
di Moreno Migliorati | 04 giugno 2014
Siamo sempre più consapevoli che la vita è una, tanto nell'ambiente fisico quanto in quello digitale. Ma proprio per questo c'è uno stile di vita da ricercare anche sui social

Dei risultati della ricerca sull'uso di Facebook tra sacerdoti, religiosi, religiose e seminaristi presentati nel corso di "Churchbook. Tra social network e pastorale", il convegno svoltosi lo scorso 29 maggio presso la Cattolica di Milano, ha già riferito Diego Andreatta. Il medesimo appuntamento è stato tuttavia ricco anche di altri spunti di riflessione che non sarà inutile, anche se brevemente, richiamare per sommi capi.

Quella che è emersa dalle varie relazioni è stata innanzitutto una visione estremamente positiva dell'ambiente digitale. Superate le iniziali diffidenze (che emergeva anche dai primi pronunciamenti magisteriali in merito) è entrato finalmente nel comune sentire, anche ecclesiale, che Internet è veramente un autentico "Dono di Dio", come lo definisce Papa Francesco nel messaggio per l'ultima Giornata mondiale delle comunicazioni sociali. Anche la distinzione tra "vita online" e "vita offline" (imperante fino a poco tempo fa e fonte di non poche incomprensioni) sta perdendo terreno a favore della consapevolezza che la vita è una, sia che la si viva nell'ambiente fisico che in quello digitale. Altro importante punto dibattuto nella giornata di convegno è stato quello relativo al ruolo dei social media nella costruzione dello spazio pubblico. Essenziale, a questo riguardo, è la realtà del Web 2.0, basato sul superamento delle tradizionali forme di intermediazione e fondato invece sulla partecipazione e sulla condivisione. Al centro, è stato sottolineato, c'è l'io e tutto intorno un mondo fatto di reti concentriche. È in questo contesto che è possibile affermare che l'abbondanza informativa imperante attualmente (tanto da poter affermare che il vero potere è costituito dalla conoscenza) se da un lato è un fenomeno da valutare positivamente perché può favorire la trasparenza, rischia tuttavia di trasformarsi in opacità. L'ambiente digitale (anche questo è stato un tema dibattuto) è estremamente importante anche per costruire ed ampliare un proprio spazio relazionale e quindi per offrire a se stessi notevoli opportunità di crescita personale.

Se questi sono stati i punti positivi emersi durante la giornata milanese, non sono mancate neppure le criticità, o meglio, le attenzioni da porre in atto per vivere al meglio nel mondo digitale e in particola modo dei social network. Il primo rischio da evitare è quello di chiudersi in "bozzoli confortevoli" cercando il contatto solo con chi la pensa come noi. Rischio presente anche nella vita fisica ma che rischia di essere ampliato in quella digitale. Altro rischio da evitare è quello di considerare la rete unicamente come un mezzo per fare proselitismo. È essenziale, invece, proporre uno stile di vita che sia il più possibile coinvolgente e condivisibile evitando anche che la religione sia vista come un prodotto da smerciare al pari di un altro. Anche la velocità, così connaturata all'ambiente digitale e fenomeno sostanzialmente positivo, può essere un'arma a doppio taglio se impedisce lo sviluppo del pensiero e della capacità espressiva e narrativa. Altra attenzione va posta a che in rete (vista in questo caso come un palcoscenico) non emerga unicamente l'aspetto emozionale e narcisistico, visto che siamo noi stessi i manager della nostra identità sociale.

Se un appunto può essere fatto all'interessantissima giornata milanese, è di aver trascurato completamente il mondo della messaggistica, in particolare applicazioni tipo WhatsApp, così ampiamente diffuse, specie tra le nuove generazioni, e considerate alla stregua di veri e propri social network. Ma magari il tutto sarà oggetto di altri appuntamenti. Per il momento, il convegno del 29 maggio ha già fornito ampio materiale di riflessione alla Chiesa italiana e alla società intera.

(si ringrazia Simona Borello per la collaborazione)

 

Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Moreno Migliorati

Moreno Migliorati è nato negli anni '60 a Città di Castello. Evangelico operaio dell'ultima ora, entra tra i paolini della Società San Paolo ad Alba a trent'anni suonati. Tornato in diocesi, frequenta il Seminario Regionale Umbro di Assisi e viene ordinato presbitero nel 1998. Da sempre appassionato di old media, non tarda ad appassionarsi anche di new media: è tra i primi blogger italiani in assoluto e tra i primi don ad affacciarsi ai social. Attualmente è parroco in una parrocchia della sua diocesi, direttore dell'Ufficio comunicazioni diocesano e responsabile delle pagine diocesane del settimanale cattolico regionale. Nel tempo libero gli piace praticare fitness, vedere qualche bel film, leggere, ascoltare musica e coccolare e farsi coccolare dalla gatta con cui convive da undici anni.

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it