DIARIO DI UNA CATECHISTA
La forza dei segni
di Assunta Steccanella | 15 aprile 2014
Succede ogni anno, quando proponiamo il gesto della lavanda dei piedi al di fuori della solennità della celebrazione: suscita sempre domande...

Ci sono nella nostra prassi di fede  dei segni che, quando vengono guardati con occhi liberi dall'abitudine entro la quale li abbiamo ingessati, mostrano tutta la loro potenza, la dirompente novità che li connota, e provocano domande, inquietudine, ricerca, una breccia nelle sicurezze di cui si nutre la non-fede.

Il problema è che spesso li subiamo, automaticamente. Nella sua 'Preghiera degli occhi', Pino Pellegrino ci invita ad invocare: "Signore, snebbia i miei occhi, dilata i miei occhi! Fa' che guardi come un bambino arrampicato su un olmo gigante, con occhi ingordi, con occhi sgranati sullo stupore del tuo creato... insegnami a guardare, non solo a vedere".

E il bello è che il Signore ci ascolta, se lo vogliamo riconoscere: il Signore ci ascolta, anche mettendoci accanto i bambini e guidandoci attraverso di loro.

E' di nuovo vicina la Pasqua. I piccoli che celebreranno presto la loro Messa di Prima Comunione sono protagonisti del rito della lavanda dei piedi, durante la Messa in Coena Domini. In Quaresima hanno riflettuto su questo brano del Vangelo, e ora li convochiamo in chiesa, per le prove.

Loro sono in fibrillazione, soprattutto Giosué:

- Ma prende l'acqua davvero il parroco?

- Adesso no, ma giovedì sì

- Ma ci lava i piedi sul serio?

- Certo, e non solo li lava, poi li bacia

- Ma fa schifo!!!! Padre Umberto, non ti fa schifo?

I compagni si fanno attentissimi, mentre il parroco trova le parole giuste per spiegare quale mistero di amore si riveli in quel momento.

Io sorrido tra me:  "Ecco, ci risiamo..."  Succede ogni anno, in ogni occasione nella quale proponiamo il gesto della lavanda dei piedi al di fuori della solennità della celebrazione: emerge sempre la sua capacità di suscitare domande, di scuotere.

È un segno potente, veicolo fecondo ed attuale per la trasmissione della fede, uno tra i molti di cui è intessuto il linguaggio cristiano, che ci porge un tesoro prezioso, fatto di gesti e parole intimamente connessi, capace di abbracciare la nostra mente, il nostro cuore, il nostro corpo e di immergerci in una unità sensata, e bella. E' un linguaggio che parla a tutti, secondo la misura di ciascuno.

Ci penso, grata, mentre in un flash rivedo un altro momento forte, ancora legato ad un segno del Giovedì Santo.

In chiesa, le primissime file sono occupate dai bambini e subito dietro le loro famiglie, al completo. Vicino a me siede un papà con il figlio piccolo, circa tre anni, tra le braccia. Durante la lavanda dei piedi il papà lo solleva perché veda bene, il canto copre la sua piccola voce che continua a fare domande.

Fino a quando la liturgia propone la spoliazione dell'altare.

L'assemblea è in silenzio, raccolta. E in quel silenzio intenso si sente chiara e forte la voce del bimbo, stupito, che chiede - Papà, cosa succede? -

E il padre gli sussurra piano la storia di Cristo che si consegna, della nostra tristezza, e della speranza perché - domenica però Gesù risorge! -

Di generazione in generazione...

16/04/2014 22:48 Matteo Lariccia
I segni della liturgia sono sempre bellissimi e carichi di significato. Il giovedì santo, poi, in quanto a segni non sacramentali è ancor più ricco: gli olii della messa crismale la mattina e la lavanda dei piedi il pomeriggio.
I bambini, come ci evidenzia Assunta Steccanella nel suo bel racconto, vivono i segni con una concretezza molto maggiore della nostra: il segno non è un solo un segno, ma una realtà, presente. E' bello poter riportare in famiglia un piccolo riflesso di questa ricchezza liturgica.
Grazie di avecelo ricordato



Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Assunta Steccanella

Sono nata in provincia di Vicenza nel 1960. Dico spesso che, dopo il diploma, ho frequentato due diverse università: prima, per diciotto anni, l'ateneo della famiglia; quindi, in parallelo, la Facoltà Teologica, dove ho completato il dottorato.

Ho insegnato religione in un liceo fino al 2010. Adesso, oltre alla ricerca, mi dedico alla formazione: sono impegnata in vari modi nella catechesi di adulti e bambini e nella preparazione dei catechisti e cerco di condividere parte di questo lavoro attraverso il mio blog (www.asteccanella.altervista.org). La famiglia però è e resta la mia prima vocazione: mio marito e i miei tre figli sono preziosi, tra mille altri motivi, anche perché mi fanno capire quando la speculazione mi fa staccare troppo i piedi da terra.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it