DIARIO DI UNA CATECHISTA
Il quadro del Correggio in carne ed ossa
di Assunta Steccanella | 10 gennaio 2014
Quando andando a Messa capita di imbattersi in una semplice, naturale e magnifica catechesi familiare sull'importanza dell'Eucaristia

Due giorni in montagna prima di concludere le vacanze... e piove a dirotto! La chiesa però è gremita, sembra che questo tempaccio non abbia influito sulla decisione di partecipare all'Eucaristia domenicale: entriamo con dieci minuti di anticipo e già non ci sono più posti a sedere. Ci accomodiamo vicino ad un altare laterale, e prima che inizi la Messa ho il tempo di guardarmi un po' intorno. La gente continua ad entrare, ci sono persone di tutte le età, molti sono evidentemente turisti, e anche parecchi bambini. Dopo qualche minuto arriva una famigliola, papà, mamma e tre figli: il più grandicello avrà undici o dodici anni mentre i fratellini ne dimostrano più o meno cinque e tre. I genitori li fanno sedere sul gradino dell'altare laterale proprio mentre il coro intona il canto d'inizio. Il maggiore si alza quasi subito e si mette accanto al papà, mentre i piccoli cominciano a disputare e la mamma, forse per prevenire intemperanze maggiori, si siede nel mezzo, sul gradino. Distolgo lo sguardo, è il momento dell'atto penitenziale e ho tanto bisogno di misericordia...

Dopo un po' torno a rivolgermi verso di loro e la scena è cambiata: la mamma si è spostata, sempre seduta a terra ma con la schiena appoggiata alla colonna d'angolo. Tiene sulle ginocchia il bimbo più piccolo, mentre il secondo tenta di guadagnare un po' di spazio nel suo abbraccio, appoggiandole la testa sulla spalla. Mi balena davanti agli occhi l'immagine della Madonna con Gesù e Giovannino: sembra una rappresentazione vivente di quel quadro, anche il sorriso, quieto e felice, è lo stesso.

 

Correggio

Madonna con Bambino e san Giovannino - Correggio 1513-14 ca.

 

Per tutta la durata della celebrazione sono attratta da loro e ogni tanto mi giro: il grande non riesce a stare fermo, ogni tanto parla sottovoce alla mamma, che risponde serena. Ad un certo punto il piccolo si addormenta, mentre il fratellino si rifugia tra le braccia sicure di papà che sta in piedi vicino a me: "Papà, dove va quella scala?" "Lì sopra, vedi, si chiama pulpito. Una volta il sacerdote andava lì per parlare alla gente" "Che bello, mi fai salire?" "Non si può. Ma adesso guarda, Gesù viene!". E' il momento della Consacrazione.

Discutiamo tanto, nelle nostre comunità, su come migliorare la catechesi e sono in atto progetti articolati, molto belli ma anche complessi, per coinvolgere le famiglie nell'azione catechistica. Ma io oggi ho assistito ad una semplice, naturale, magnifica catechesi familiare sull'importanza dell'Eucaristia domenicale, per la quale quei genitori non hanno ritenuto necessario fare altro che uscire di casa insieme, affrontare anche qualche piccolo disagio, per condividere con i figli l'Amore che è fonte di ogni nostro amore.

 

 

31/10/2015 15:38 ifzhzpoayy ifzhzpoayy
qnuz bctl majority of these college scholarships are to have Celine las vegas seats one year single and are to apply to the phone first year amongst review your childhood studies. Celine Dion Imdb these scholarships is offered to any student who exactly participated in Andover little league since a child becoming an adult in Andover. it is not necessary to have Celine as Rene took part in little league as providing a college training to be regarded because of scholarship grant ybdro
sac celine luggage pas cher
hermes borse Italia
canada goose site officiel
hermes borse Italia
hermes garden party replica
outlet borse birkin hermes
hermes borse Italia
canada goose replica
fausse canada goose pas cher
hermes constance bag replica



13/01/2014 21:11 assuntas
Grazie a te, Pietro.


13/01/2014 13:58 PIETRO ARGIA
GENT.ASSUNTA TI RINGRAZIO PER QUESTA LETTERA ,MI SONO RIVISTO, QUESTE SITUAZIONI, CON LA MIA FAMIGLIA.IL TUO SCRITTO LO SI VIVE QUASI COME UNA DIRETTA.


Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Assunta Steccanella

Sono nata in provincia di Vicenza nel 1960. Dico spesso che, dopo il diploma, ho frequentato due diverse università: prima, per diciotto anni, l'ateneo della famiglia; quindi, in parallelo, la Facoltà Teologica, dove ho completato il dottorato.

Ho insegnato religione in un liceo fino al 2010. Adesso, oltre alla ricerca, mi dedico alla formazione: sono impegnata in vari modi nella catechesi di adulti e bambini e nella preparazione dei catechisti e cerco di condividere parte di questo lavoro attraverso il mio blog (www.asteccanella.altervista.org). La famiglia però è e resta la mia prima vocazione: mio marito e i miei tre figli sono preziosi, tra mille altri motivi, anche perché mi fanno capire quando la speculazione mi fa staccare troppo i piedi da terra.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it