CHE FIGURA!
Perché il dramma non c'è più?
di Gian Carlo Olcuire | 04 gennaio 2014
Una riflessione sui presepi troppo rasserenanti, che fanno sentire in paradiso e dimenticare che la lotta con il male non è finita

In questi giorni di classifiche delle cose più mirabili e memorabili del 2013, in cima alla lista dei presepi metto quello della parrocchia dell'Immacolata, a Ferrara. Che non ha niente di speciale, all'infuori di una presenza ignorata dalla maggior parte dei presepi: la città arroccata sul colle. Presenza che sarebbe meglio chiamare assenza, vista la sua distanza dalla grotta della Natività. Perché la città se ne sta sulle sue, impermeabile all'odore delle pecore e degli immigrati, piena di luci e di sé. Immagine inquietante, capace di evocare un brano di Vangelo riascoltato da poco: il prologo di Giovanni (1, 9-11), dove si parla del fatto che «veniva nel mondo la luce vera, quella che illumina ogni uomo. Era nel mondo e il mondo è stato fatto per mezzo di lui; eppure il mondo non lo ha riconosciuto». E poi un brano che riascolteremo presto, il giorno dell'Epifania: il racconto dei Magi, in cui si accenna al re Erode che «restò turbato e con lui tutta Gerusalemme» (Mt 2, 3). Per cui la città del presepe ferrarese potrebbe essere tanto Betlemme quanto Gerusalemme.

Magi di Cavallini

Affinché non salti su qualcuno a rivendicare diritti di primogenitura, giova ricordare che, tra la fine del XIII secolo e l'inizio del XIV, nella chiesa romana di Santa Maria in Trastevere, Pietro Cavallini raffigurò alle spalle dei Magi una città. O, forse, il palazzo di Erode. Con la stessa volontà - del presepe ferrarese - di non nascondere il dramma. E al contrario dei presepi odierni, che, non mostrandolo, rischiano d'essere dolci come miele. Già: non sono, i nostri presepi, troppo accattivanti, troppo belli, troppo ruffiani? Preoccupati di far sognare o di farsi dire «Che carino!», più che di suscitare un pensiero?

Eppure Gesù è stato spregiudicato nell'uso delle immagini. Non cercava sempre quelle piacevoli e morbide, che non urtano, ma si serviva anche di immagini "brutte, sporche e cattive", facendole valere soltanto in funzione dell'aspetto che gli interessava. Per dire «Fatevi furbi», ha utilizzato un amministratore disonesto (Lc 16). Per dire «Fatevi ascoltare», ha nobilitato persino i rompiscatole, un amico e una vedova (Lc 11 e 18), che - se non altro per sfinimento - sono riusciti a ottenere ciò che chiedevano. Per dire «Fate attenzione, state svegli», non ha avuto paura di accostarsi a un ladro (Mt 24). Né di far riferimento ai giorni di Noè, pur di dare l'idea che la venuta del Figlio dell'uomo sarà imprevedibile e travolgente come il diluvio.

Noè

In uno dei mosaici del Duomo di Monreale, possiamo vedere Noè accogliere la colomba che porta nel becco «una tenera foglia d'ulivo» (Gen 8). Mentre più in basso, a pelo d'acqua, un corvo sembra cibarsi dei cadaveri degli annegati. Diciamo la verità: se fossimo chiamati a rifare l'opera, non sceglieremmo forse un'inquadratura ravvicinata di Noè e della colomba, scansando il corvo e gli annegati? Non faremmo un Noè sorridente sotto l'arcobaleno? Però, senza relazione con la tragedia, faremmo apprezzare di meno la pace e l'armonia ritrovate. E la salvezza.

La sera dell'11 ottobre 2012, a 50 anni dall'apertura del Concilio ecumenico Vaticano II, Benedetto XVI ha pronunciato un discorso in apparenza lontano da quello "della luna", fatto 50 anni prima da Giovanni XXIII. Per ricordare che la nuova primavera della Chiesa, la nuova Pentecoste, deve comunque fare i conti con il peccato, con la zizzania, con i pesci cattivi nella rete di Pietro, con la fragilità, con i venti contrari... E a taluni è sembrato sgradevole, nonostante Papa Ratzinger abbia aggiunto che «il Signore non ci dimentica». E «dà calore ai cuori, mostra vita, crea carismi di bontà e di carità che illuminano il mondo e sono per noi garanzia della bontà di Dio».

Non può essere che Papa Francesco avesse in mente il suo predecessore, quando ha invitato a cogliere la differenza tra i pastori e i pettinatori di pecore?

 

 

05/01/2014 21:56 annachiara vslle
Proprio ieri sono andata a vedere il presepe di SS Cosma e Damiano e quello di Santa Maria in Via, entrambi napoletani, entrambi esposti permanentemente. La guida mi ha fatto scoprire che anche quando sembra accattivante e dolce, il presepe in realtà interroga: il pastore addormentato e gli altri personaggi che pensano ognuno per se, come se l'evento non fosse mai accaduto, l'osteria che è un simbolo demoniaco (l'oste rappresenta colui che ha chiuso le porte a Gesù che nasceva), la casa di erode in lontananza. Ma anche poi il fornaio, con tutto ciò che significa il simbolo del pane, il fiume, che taglia in due la scena tra un prima e un dopo la venuta... insomma ho scoperto tante cose che non conoscevo...


05/01/2014 20:00 anna bella vita
Perche' farne un dramma,solo perche' non capiscono il dramma che si nasconte in quelle acque, pensano solo alla parte finale alla salvezza ,come fosse giusto fare tutti una buona fine,qui sta la tragedia ,qui sta' quel corvo nero ad aspettare quelli che ci cascano come morti viventi.


04/01/2014 12:03 Elisabetta Bianchi

Nel presepe di tradizione popolare, in realtà, il dramma era rappresentato. Negli anni, girando per bancarelle, ho trovato figure per il presepe di provenienza napoletana di tutti i tipi: il demonio, che va messo dietro la capanna, perchè esiste come tentazione sempre, anche nel momento in cui Dio si fa carne; le anime del purgatorio (in cui vengono rappresentati un giovane ed una giovane, un anziano ed una anziana, ed un prete) che in mezzo alle fiamme invocano preghiere; l'Addolorata che (mi hanno detto) fa parte di un "quadro" a sè stante ai piedi di una Croce; la strage degli innocenti, rappresentata da Erode ed un centurione che uccide un bambino... e chi sa quanti altri ne verrebbero fuori da una visita approfondita a Napoli, a San Gregorio Armeno. Ho anche una piccola natività, proveniente dal Sudamerica, in cui il bambino non è rappresentato in una culla, ma in croce (che mi sembra la rappresentazione di quanto ha detto il Papa all'Angelus nel giorno di Santo Stefano)




04/01/2014 09:54 Maria Elisabetta Gandolfi
Grazie Giancarlo per la bella riflessione. Ho in mente un presepe creato da un'artista bolognese con statue e ambientazione pensate come a un naufragio dalle coste di Lampedusa. C'è una natività attorno a un barcone... Spero di procurarmi presto una foto da linkare.
Buon anno!



Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Gian Carlo Olcuire

Gian Carlo Olcuire è un grafico. Che si sente realizzato quando riesce a far guardare le parole come se fossero immagini e a far leggere le immagini come se fossero parole. Lavora soprattutto per il mondo cattolico ed è appassionato di linguaggi, soprattutto dell'uso (o abuso, disuso, riuso) che se ne fa nel mondo cattolico.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it