DIARIO DI UNA CATECHISTA
Le parole-proiettile
di Assunta Steccanella | 11 novembre 2013
Ci sono parole che rovesciamo addosso ai nostri bambini con noncuranza, con la stessa facilità con cui diremmo buongiorno e buonasera

Catechismo è appena terminato e Simone scende le scale di corsa, superando con un balzo gli ultimi tre gradini. Infila la porta del patronato e lo sento gridare: "Vado a prendermi le patatine!". La mamma, ferma sulla soglia, non ha proferito parola. Aspetta che io scenda e poi: "E' stato tanto cattivo oggi, Simone?" mi chiede con un sorriso, che però non si sente nella voce e non si vede nello sguardo. "Ma no, è stato un po' vivace, come capita spesso, ma l'ho richiamato e poi si è messo tranquillo".

La sua espressione cambia, ma non capisco se esprima sollievo o incredulità: "Sai" mi dice "non so proprio più cosa fare, con lui. Anche a scuola è cattivo, un disastro. Eppure le abbiamo provate tutte, lo abbiamo castigato, gli abbiamo promesso dei premi, ne abbiamo parlato... niente da fare. Catechismo è l'unico posto da cui non torno a casa amareggiata: gli piace, viene volentieri, tu mi dici che un pochino riesce a controllarsi...".

La invito a bere un caffé e ci sediamo insieme. Non le racconto nei dettagli che cosa intendo con 'un po' vivace', mi preme di più ascoltarla. Soprattutto vorrei essere capace di instillare un piccolo dubbio nella sua immagine di 'bambino cattivo'.

È merito di un altro ragazzino se ho maturato questo tipo di sensibilità. Erano i primi anni del mio servizio di catechista ed eravamo prossimi alla Messa di Prima Comunione. In mezzo alle questioni pratiche ("Ma è così che devo mettere le mani?" "Ma facciamo le prove vero?") si era affacciata una domanda importante. Paolo aveva chiesto: "Ma cosa succede quando Gesù viene nel mio cuore?"

Rispondere non è mai stata cosa da poco. Mi era venuto in soccorso il Vangelo (Gv 8,12) ed avevo detto più o meno: "Vedi, Gesù nel nostro cuore è una grande luce, che illumina tutte le cose più belle e guarisce le brutte, ci fa ricordare che siamo buoni, perché Dio ci ha creato così, e ci aiuta ad esserlo per davvero in ogni cosa che facciamo".

Speravo di essermela cavata, ma non mi aspettavo la reazione successiva: "Io non sono buono, sono cattivo", aveva affermato senza nessuna spavalderia.

"Io non credo, Paolo, non esistono bambini cattivi. A volte chiamiamo così i bambini vivaci, i bambini indisciplinati, i bambini arrabbiati o tristi, i bambini che si comportano male, ma ciascun bambino è capace di essere buono. Questo Gesù lo sa e se vuoi ti aiuta a scoprirlo".

"Gesù pensa che io sono capace di essere buono? Sei sicura?" "Sono sicura".

Credo di aver davvero capito solo in quel momento il senso profondo di due versetti del Vangelo:

"Avete inteso che fu detto agli antichi: Non uccidere; chi avrà ucciso sarà sottoposto a giudizio. Ma io vi dico: chiunque si adira con il proprio fratello, sarà sottoposto a giudizio. Chi poi dice al fratello: stupido, sarà sottoposto al sinedrio; e chi gli dice: pazzo, sarà sottoposto al fuoco della Geenna" (Mt 5,21-22).

Ci sono parole che rovesciamo addosso ai nostri bambini con noncuranza, con la stessa facilità con cui diremmo buongiorno e buonasera. A volte lo facciamo per superficialità, non valutandone bene il peso, altre volte purtroppo le usiamo per esprimere ira, con violenza, magari puntando il dito: "Sei sempre il solito!" "Mi hai davvero deluso!" "Non ne combini mai una di giusta!" "Cosa potevo aspettarmi di buono da te?"

Sono le parole-proiettile.

Esse sono in grado di uccidere nei bambini non solo la speranza, ma l'ipotesi stessa di poter essere diversi da come li etichettiamo, e li intrappolano nella rassegnazione della propria inadeguatezza: "Sei proprio cattivo"...

Saluto Simone e la mamma, che tornano a casa. Neppure per me è facile gestire la vivacità di questo bambino, come di altri. Ma quando lo rimprovero cerco di prendermela con i suoi comportamenti, non con la sua persona. Mi sforzo di usare parole-carezza, parole cioè che aiutano un bambino a sentirsi amato per se stesso e lo guidano con autorevolezza nel laborioso cammino per diventare grande. Non si tratta di blandirlo con parole dolci, come potrebbe sembrare, ma di correggere senza condannare: "Sai che non è il momento di chiacchierare" "Devi rispettare i compagni" "Questa cosa che hai fatto è sbagliata, una cosa cattiva".

Sì, a catechismo possiamo davvero educare alla vita buona del Vangelo.

 

31/10/2015 15:28 vtugcwwovr vtugcwwovr
xipe skzx we were holding blogged for safeguard the delicate specialised Celine Dion Utube problems that happened through devices or tv set collections. given this this is where Celine backpack outlet these companies jogging into much rrssues, because was just never make use of Celine wholesale handbags meant to be some cash,in this and the pair were never meant to consider applying one, And so it's only been quite an uncomfortable go well with tcoya
[url=http://www.acaosis.com.br]hermes outlet[/url]
[url=http://www.adecolbrasil.com.br]hermes lindy bags replica[/url]
[url=http://www.medicalalarmsusa.com]offerte canada goose[/url]
[url=http://www.cristale.com.br]hermes cheap[/url]
[url=http://www.barranamar.com]canada goose replica[/url]
[url=http://www.munives.gob.pe]christian louboutin wedding shoes outlet[/url]
[url=http://www.edipadrao.com.br]hermes outlet[/url]
[url=http://www.indiancasinorecords.com]hermes borse Italia[/url]
[url=http://www.sipleart.com]hermes cheap[/url]
[url=http://www.ss-engr.com]hermes replica[/url]



22/11/2013 20:58 Karl Saliba
Sono d'accordo. Possiamo educare, l'educare è un'arte.


17/11/2013 08:47 assuntas
Grazie a voi, davvero.


12/11/2013 12:40 antonio marelli
Cercherò di mettere sempre in pratica i tuoi consigli
Ho otto nipoti e ne aspetto altri due col nuovo anno. il compito è cercare di essere una buona guida e non sempre sono sufficientemente paziente.
grazie, sei una brava mamma e catechista da imitare. Io sono un uomo di oltre settanta anni e sportivo praticante e per i più grandi dei miei nipoti sono una persona da imitare. ciao
Antonio



11/11/2013 15:30 Matteo Lariccia
E' una gran benedizione che ci siano altri educatori accanto a noi genitori. Perché ci sono ambiti della vita personale in cui noi non possiamo arrivare; temi che non sappiamo affrontare o non sappiamo affrontare se non con difficoltà; e perché - come ci dimostra assunta - ci sbagliamo, anche molte volte, e anche quando abbiamo le migliori intenzioni. Ed è bene che ci sia qualcuno che abbia il coraggio di affrontare e sfondare le barriere del politically correct e ti sappia dire anche dove sbagli e come cambiare: a volte, semplicemente, non riusciamo ad accorgercene.


Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Assunta Steccanella

Sono nata in provincia di Vicenza nel 1960. Dico spesso che, dopo il diploma, ho frequentato due diverse università: prima, per diciotto anni, l'ateneo della famiglia; quindi, in parallelo, la Facoltà Teologica, dove ho completato il dottorato.

Ho insegnato religione in un liceo fino al 2010. Adesso, oltre alla ricerca, mi dedico alla formazione: sono impegnata in vari modi nella catechesi di adulti e bambini e nella preparazione dei catechisti e cerco di condividere parte di questo lavoro attraverso il mio blog (www.asteccanella.altervista.org). La famiglia però è e resta la mia prima vocazione: mio marito e i miei tre figli sono preziosi, tra mille altri motivi, anche perché mi fanno capire quando la speculazione mi fa staccare troppo i piedi da terra.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it