«Lumen Fidei» e le domande di Franca
di Assunta Steccanella | 25 luglio 2013
Tratta della fede nel Dio di Gesù Cristo, non di un generico atteggiamento di fede. E credo sia inseparabile dal gesto di Lampedusa

Suona il campanello: è Franca, catechista di lungo corso. Non la aspettavo, ma arriva giusto in tempo per la pausa caffé.

«Come va Franca? Stai riposando almeno un poco?»

«Abbastanza, dai. Ne approfitto per leggere qualcosa di utile. In questi giorni ho cominciato l’enciclica dei due papi, ed è per questo che sono qui: puoi darmi una mano a capirla? Ho provato da sola, ma non ho le idee molto chiare».

Grande, Franca, con la sua capacità di accorgersi subito quando ha bisogno di aiuto, e la forza di chiederlo. Prendo l’enciclica e ci sediamo vicine.

«Vedi, leggere un’enciclica è un esercizio che richiede almeno due passaggi introduttivi: innanzitutto dobbiamo fermarci a riflettere sul titolo, in un secondo momento sulla struttura, ossia l’indice, con i temi dei capitoli e dei paragrafi, per visualizzare il percorso nel quale veniamo accompagnati».

Ma il titolo mi pare chiaro, non è  “Lumen fidei”?

Sì, ma si tratta di un’abbreviazione, perchè la titolazione completa è piuttosto lunga: questo non è un espediente per conferire solennità, o un sintomo del complicato linguaggio ecclesiastico, ma un elemento che offre delle informazioni indispensabili. Dice così:

1 lettera enciclica
2 Lumen fidei
3 del sommo pontefice Francesco
4 ai vescovi, ai presbiteri e ai diaconi, alle persone consacrate e a tutti i fedeli laici
5 sulla fede

Come prima cosa ci viene detto qual è il genere letterario del testo che abbiamo tra le mani: una lettera enciclica, ossia un documento pastorale molto importante ed autorevole, una delle forme principali del magistero pontificio.  Papa Francesco la firma, quindi la fa propria, senza distinguo e senza specificazioni.

Però l’ha scritta per la maggior parte Benedetto.

Certo. Si tratta, per svariati motivi, di un fatto molto significativo in particolare per noi, oggi, ma proviamo a dilatare gli orizzonti e a collocarlo nell’ampio respiro della Tradizione della Chiesa: Lumen fidei sarà comunque ricordata come la prima enciclica di papa Francesco, ossia una sorta di documento programmatico del suo pontificato, e in tale programma è compresa questa scelta di condivisione con il predecessore. D’altra parte, credo sia innegabile che lui agisce, pensa, vive alla luce della fede: Lumen fidei, le prime due parole del testo latino. Un tema che, per promuoverne l’immediata identificazione, viene ribadito come ultimo elemento del titolo nelle diverse lingue moderne.

Ci restano i destinatari...

Già, i destinatari, ossia in questo caso i fedeli, che siano ministri ordinati, laici o consacrati: questo è interessante, perchè non sempre i destinatari sono indicati nel titolo delle encicliche, a volte mancano (in Ut Unum sint, p. es.), o sono diversi: la Caritas in veritate era indirizzata anche a tutti gli uomini di buona volontà,  come Evangelium vitae o Pacem in terris; pensa che Fides et ratio era indirizzata solo ai vescovi! Certo, ciascuno poi è libero di leggere e meditare, anzi ogni credente è chiamato a tener conto dell’insegnamento autorevole, ma i destinatari condizionano, e in parte determinano, tono e contenuti della lettera (per capire meglio, è chiaro che scrivere una lettera al fidanzato non è lo stesso che scrivere alla nonna o al datore di lavoro!).

I destinatari determinano il contenuto? Ma come si fa a parlare di fede in modo diverso a seconda di chi ti interroga? La fede è la stessa cosa per tutti!


In parte è vero, ma è vero anche che essa è una realtà che abbraccia diverse dimensioni. L’enciclica tratta della fede nel Dio di Gesù Cristo, non di un generico atteggiamento di fede.

Questa me la devi proprio spiegare...

Beh, quando sentiamo parlare di fede spontaneamente pensiamo alla fede religiosa. In realtà la fede è una dimensione insita nell’uomo, una realtà che appartiene a tutti e senza la quale sarebbe impossibile vivere. I filosofi e gli antropologi la definiscono come dinamismo aperturale dello spirito umano: è quel sentire spontaneo per cui la realtà appare promettente, quell’apertura radicale ad entrare in relazione con gli altri e con il mondo che rende possibile ogni nostra azione, ogni nostra scelta. Gli abitanti di Lampedusa ci offrono una magnifica espressione di questa fede. Ciò che li muove quotidianamente, ciò che muove un’intera popolazione, è qualcosa di anteriore alla fede religiosa, qualcosa che è inscritto nel loro intimo, la fede nell’umanità: credono che ogni vita meriti di essere salvata, credono anche a costo di sacrifici personali, anche ricevendone solo disagi e non ricompense.

Ma se l’apertura di fede è di ogni uomo, cosa la differenzia dalla fede in Dio?

La fede in Dio è una forma particolarmente intensa dello stesso dinamismo, in cui rispondiamo ad un appello che ci apre all’orizzonte dell’eterno: nell’atto del credere entriamo in relazione con l’Autore di questa apertura, con Colui che l’ha inscritta nella nostra umanità (“Ci hai fatti per te, Signore, e il nostro cuore è inquieto finchè non riposa in te” – s. Agostino); lì Egli ci viene incontro e ci rivela qual è la nostra meta finale, divenendo luce per il nostro agire quotidiano (lumen fidei). Di questo genere di fede parla l’enciclica, che si pone in dialogo con noi per aiutarci sempre meglio a comprendere, approfondire e condividere le ragioni del nostro credere.

Ma allora non è davvero un caso che l’enciclica e la visita a Lampedusa siano state così vicine...

Non è davvero un caso. Il papa voleva parlare di fede a tutto l’uomo, a tutti gli uomini, e ha trovato il modo per raggiungerci tutti, in tutte le nostre dimensioni esistenziali. Con questa duplice scelta Francesco ha parlato alla nostra razionalità, esprimendosi con pensieri e concetti e Scrittura, ha parlato alla nostra spiritualità, con preghiera ed Eucaristia, ha parlato alla nostra carnalità, con l’azione dell’andare lì dove la fede di ogni uomo è all’opera in mani che proteggono la vita. E così ha parlato a cristiani e non cristiani, a chi ha voluto leggere e a chi semplicemente non ha potuto fare a meno di vedere; ha stilato il suo programma, quello che dal primo giorno continuamente ci porge spezzettando il Vangelo in briciole, così che anche i più piccoli possano nutrirsene (s. Gregorio Magno).

25/07/2013 22:50 assuntas
Grazie a tutti!


25/07/2013 16:35 Roberto
Bravissima!!!!


25/07/2013 14:15 Fabio Colagrande
E difatti, ieri a Rio, incontrando i giovani ex-tossicodipendenti dell'Ospedale S. Francesco d'Assisi, Papa Francesco ha citato più volte proprio la Lumen Fidei.


25/07/2013 14:03 Federico Benedetti
Grande Assunta!


25/07/2013 10:00 Elisabetta Bianchi
Davvero un bel commento alla Lumen Fidei, grazie.


25/07/2013 02:39 Maria Teresa Pontara Pederiva
Grazie, Assunta: questo è un esempio di come si può spiegare un documento in briciole e farsi capire da tutti, senza ricorrere a terminologia specifica o concetti alti.
E' quanto ci insegna papa Francesco: occorre parlare alle persone e farsi capire, meglio poi se col cuore, invece che fermarsi alla testa. E il mondo ne ha bisogno.



Commenta *






Versione stampabile
Scrivi a Vino Nuovo





Assunta Steccanella

Sono nata in provincia di Vicenza nel 1960. Dico spesso che, dopo il diploma, ho frequentato due diverse università: prima, per diciotto anni, l'ateneo della famiglia; quindi, in parallelo, la Facoltà Teologica, dove ho completato il dottorato.

Ho insegnato religione in un liceo fino al 2010. Adesso, oltre alla ricerca, mi dedico alla formazione: sono impegnata in vari modi nella catechesi di adulti e bambini e nella preparazione dei catechisti e cerco di condividere parte di questo lavoro attraverso il mio blog (www.asteccanella.altervista.org). La famiglia però è e resta la mia prima vocazione: mio marito e i miei tre figli sono preziosi, tra mille altri motivi, anche perché mi fanno capire quando la speculazione mi fa staccare troppo i piedi da terra.

 

 

leggi gli articoli »
Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it