Se mio figlio mostra come si ama
di Paul Gondreau | 03 aprile 2013
La riflessione del padre del ragazzo affetto da paralisi cerebrale che il Papa ha abbracciato domenica al termine della Messa di Pasqua

bambino Papa Francesco

 

Ha commosso tutti domenica questo abbraccio di Papa Francesco a un bambino affetto da paralisi cerebrale, cercato tra la folla in piazza San Pietro. Dominic si chiama quel bambino. E ieri suo padre - che si chiama Paul Gondreau, ed è un docente di teologia statunitense - ha proposto una riflessione sull'abbraccio tra il Papa e suo figlio pubblicata sul sito Catholic Moral Theology. La proponiamo qui in una nostra traduzione dall'inglese.

-------------------------

«Piccoli gesti con grande amore», raccontano che dicesse Madre Teresa. Ieri Papa Francesco ha concesso una benedizione pasquale straordinaria alla mia famiglia compiendo uno di questi gesti abbracciando mio figlio Dominic, che ha una paralisi cerebrale. L'abbraccio è arrivato quando, mentre percorreva la Piazza con la papamobile dopo la Messa, in mezzo a 250 mila persone, ha visto mio figlio. Questo momento di tenerezza, l'incontro di un moderno Francesco con un moderno Domenico (come molti sannno, la tradizione riferisce che san Francesco e san Domenico ebbero la gioia di uno storico incontro), ha commosso non solo la mia famiglia (eravamo tutti in lacrime), non solo quelli che erano vicini (molti dei quali piangevano con noi), non solo le migliaia di persone che stavano guardando  sui maxischermi sulla Piazza, ma il mondo intero.

Le immagini di questo abbraccio sono diventate rapidamente virali: il pomeriggio di Pasqua erano già la foto d'apertura del Drudge Report con la didascalia «Trasformate l'odio in amore» (una parafrasi del messaggo Urbi et Orbi di Papa Francesco che è arrivato poco dopo) e adesso mentre scrivo la foto è ancora lì sul Drudge Report. Fox News, NBC Nightly News, ABC Nightly News, e la CNN hanno mostrato tutti quella sequenza. E l'ho trovata in prima pagina su Le Figaro, sul New York Post, sul Wall Street Journal, sul Philadelphia Inquirer, solo per citarne alcuni.

Tante volte è difficile provare a spiegare alle persone che non hanno figli diversamente abili che razza di sacrifici nascosti siano richiesti a ciascuno di noi ogni giorno. Riguardo poi a Dominic, lui ha già condiviso la Croce di Cristo molto più di quanto io abbia fatto finora durante tutta la mia vita, anche moltiplicandolo mille volte. Che senso ha tutto questo, mi chiedo? Per di più tendo spesso a vedere la mia relazione con lui da una parte sola. Sì, lui soffre più di me, ma sono sempre io a dover aiutare lui. Che è poi il modo in cui la nostra cultura tende a guardare i disabili: come persone deboli, bisognose, che dipendono così tanto dagli altri e possono contribuire poco - se non niente - alla vita delle persone intorno a loro.

L'abbraccio di Papa Francesco a mio figlio ha ribaltato completamente questa logica e, in una maniera piccola ma potente, ha mostrato ancora una volta come la sapienza della Croce confonda la sapienza degli uomini.

Perché il mondo intero si è così commosso per le immagini di questo abbraccio? Una donna in Piazza, commossa fino alle lacrime dall'abbraccio, forse ha dato la risposta migliore quando, poco dopo, ha detto a mia moglie: «Lo sa? Suo figlio è qui per mostrare alla gente come si ama». Mostrare alla gente come si ama. Questa osservazione ha colpito mia moglie, è stata come una conferma venuta dal Cielo di ciò che lei da tempo sospettava: che la vocazione speciale di Dominic nel mondo sia portare la gente ad amare, mostrare alla gente come si ama. Noi esseri umani siamo fatti per amare, ma abbiamo bisogno di esempi che ci mostrino come farlo.

Ma come fa una persona disabile a mostrarci come si fa ad amare in un modo che solo una persona disabile è in grado di fare? Perché la Croce di Cristo è dolce ed è di un ordine più alto. La risurrezione di Cristo dalla Croce proclama che l'amore che egli ci offre - e l'amore che noi, a nostra volta, mostriamo agli altri - è il vero motivo per cui lui ha preso su di sé la sua Croce. I nostri cuori di pietra sono trasformati in un cuore simile a quello di Cristo, e quindi resi capaci di trasformare l'odio in amore, solo attraverso la Croce. E nessuno condivide l'esperienza della Croce in maniera più intima delle persone disabili. Per questo diventano i nostri modelli e la nostra ispirazione. Sì, io dò tanto a mio figlio Dominic. Ma lui mi dà di più, molto di più. Io lo aiuto ad alzarsi e a camminare, ma lui mi mostra come si ama. Io lo nutro, ma lui mi mostra come si ama. Io lo porto a fare fisioterapia, ma lui mi mostra come si ama. Io tendo i suoi muscoli e gioco con lui, ma lui mi mostra come si ama. Io lo sistemo e lo tolgo dalla sua sedia, lo porto in giro dappertutto, ma lui mi mostra come si ama. Io perdo il mio tempo, così tanto tempo, per lui, ma lui mi mostra come si ama.

Questa lezione, lo ripeto, confonde la sapienza del mondo. Diavolo, mi confonde quando io, suo padre, così spesso non riesco a vedere la sua condizione per quello che è. La lezione che questo mio figlio disabile offre è come una testimonianza potente della dignità e del valore infinito di ogni persona, specialmente di quelle che il mondo considera più deboli e più «inutili». Attraverso la loro condivisione della «follia» della Croce, i disabili diventano i più forti e i più produttivi tra di noi.

Un'ultima cosa. L'abbraccio di Papa Francesco a mio figlio Dominic indica che non dobbiamo rinchiudere la vicinanza ai poveri espressa dal nuovo Pontefice - e che già si profila come una pietra d'angolo del suo Pontificato - in categorie facili, puramente materiali (e solamente politiche). Il suo abbraccio pasquale a mio figlio si erge come una testimonianza del tipo di «povertà» che egli vuole adottare, la povertà che ha sottolineato nella frase iniziale del suo messaggio Urbi et Orbi: "Vorrei che l'annuncio della risurrezione di Cristo raggiungesse ogni casa e ogni famiglia, specialmente là dove la sofferenza è più grande...". Genitori dei figli disabili, alziamoci e troviamo ristoro e incoraggiamento in queste parole semplici ma così profonde.

24/04/2013 12:10 Elisabetta Luna
Cristo in terra insegna ad amare'


09/04/2013 22:17 P. Antonio Perretta
Grazie per questa testimonianza che commuove per la semplicità e la profondità. Dio si mostra attraverso questo abbraccio tra Papa Francesco e Dominic. Un abbraccio per tutti noi!
Grazie alla famiglia di Dominic e a tutte le famiglie che mostrano al mondo che la vita vale sempre di più...



09/04/2013 18:29 Lucia Lamonarca
GRAZIE !!! da una disabile che si arrabbia ... Lucia


07/04/2013 11:39 deborah cerantola
Grazie per queste belle parole... grazie perchè abbiamo di sentire che i nostri figli sono parte del mondo e non un mnondo a parte. Grazie Papa Francesco per la tua immensa umiltà.


05/04/2013 23:23 Federica
Sono un'insegnante e nella mia classe è accolto da 4 anni un meraviglioso speciale bambino, che riempie me e i suoi compagni di un'amore infinito, donandoci meravigliose attenzioni. Lui con i suoi bisogni è una infinita risorsa.


05/04/2013 18:21 Betty Bonfanti
Anche io avevo due nipoti "speciali". Ho capito, grazie al dono della loro vita, che il buon samaritano dei Vangeli non è chi compie gesti di bontà ma chi, nel dolore e nella malattia, porta le anime a Dio permettendo alle stesse di vivere gesti di carità ed amore. Sono i santi vivi.


04/04/2013 22:20 Bruno Pecchiari
Sono padre di un bambino speciale che si chiama Riccardo.
Io lo so da sempre che Riccardo, Dominique, e altri come loro sono angeli mandati dal Signore a cercare di far emergere l'amore nei nostri cuori induriti.
Papa Francesco, abbracciando in quel modo Dominique, lo ha fatto capire al mondo.



03/04/2013 22:22 Luigi Bressan
La vita è!Le sue manifeste espressioni non la possono contraddire. Dominic è vita! Papa Francesco con il suo bacio lo ha confermato sia a livello personale che come testimonianza di Fede, dell'incontro con il Signore.
Grande il genitore che, pur nella tempesta, dimostra a tutti la propria sublime disponibilità ad accogliere la vita, quella vera non quella che si lascia invaghire da "trenta denari". Grazie.!!!



03/04/2013 16:58 Sergio
Ho il cuore pieno...
Grazie.



03/04/2013 15:56 Gabriella Stabile Di Blasi
Paul, sei un grande uomo e la tua statura ontologica ci sovrasta. Grazie per la tua testimonianza.


03/04/2013 15:11 Maria Teresa Pontara Pederiva
Grazie di cuore per le parole di questo padre coraggioso, ma è chiaro anche dal riferimento che qui si tratta di una coppia di genitori la cui unione è cementata dalla sofferenza e dalla fede.
Grazie a quanto ci sta mostrando (a noi cattolici e al mondo intero) papa Francesco, capace di parlare coi gesti prima ancora che con parole.
E grazie anche a chi ce le ha fatte conoscere!



03/04/2013 14:27 Mimì Caruso
Grazie a Dominic e a tutti quelli che, come lui, ci mostrano come si ama.
Grazie anche al suo papà Paul Gondreau per queste belle parole che ci hanno fatto riflettere su una realtà a cui spesso non pensiamo.
Grazie a Papa Francesco che non vede la folla che lo acclama, ma in essa sa scorgere le persone!!!



03/04/2013 13:21 Francesca Bandozzi
Grazie!!!


03/04/2013 13:12 Francesca Lozito
Questo incontro fermato da una fotografia E'il Pontificato.
Non serve altro. E'LA TEOLOGIA DEI FRAGILI.



03/04/2013 01:19 fab
Che dire? Ben poco... solo silenzio, commozione, preghiera e ringraziamento a Paul, suo figlio Dominique e a Papa Francesco.


Commenta *






Versione stampabile
Invia ad un amico
Scrivi a Vino Nuovo





Ogni opinione espressa in questo sito è responsabilità del singolo autore. www.vinonuovo.it è un blog in cui ci si confronta su temi e problemi dei cattolici oggi in Italia.
Come tale non rappresenta una testata giornalistica e non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Cookies: ai sensi della normativa sulla privacy si informano gli utenti del presente sito che, ai fini di garantire un ottimale funzionamento dello stesso, viene fatto utilizzo di cookies. I cookies sono piccoli file di dati che i siti visitati dall'utente inviano solitamente al suo browser, dove vengono memorizzati per essere poi ritrasmessi agli stessi siti alla successiva visita del medesimo utente. Alcune operazioni non potrebbero essere compiute senza l'uso dei cookies, che in alcuni casi, sono quindi tecnicamente necessari. I cookies utilizzati nel presente sito sono di tipo tecnico ed hanno lo scopo di garantire il corretto funzionamento di alcune aree del sito stesso e di ottimizzare la qualità di navigazione di ciascun utente. Non vengono utilizzati cookies di profilazione.
Web Design www.horizondesign.it